Jump to content
Andrea terratech

Trattori Track di seconda generazione: Cat Challenger 35-45-55 e John Deere 8000T

Recommended Posts

Cat Challenger serie 35 - 45 - 55

 

i40675_94caterpillarchallenger45.jpg

 

Se i rivoluzionari Challenger 65,75,85 e le successive evoluzioni riscuotono lusinghieri consensi presso i farmer statunitensi, in Caterpillar maturano la consapevolezza che le potenzialità di queste macchine sono ben maggiori se sviluppate secondo canoni più eclettici, vale a dire macchine comunque potenti ma più leggere, in grado di svolgere pesanti lavori di traino, ma anche precisi lavori con il sollevatore...in pratica, affrontare il mercato dei di gamma 200-300 cv che tanto successo nella seconda metà degli anni '90 riscuotono presso gli agricoltori americani ed europei.

 

Queste considerazioni portano il management Caterpillar a promovere, pur continuando lo sviluppo della serie originale Challenger 65 e simili, la ricerca per la messa in produzione di nuove rivoluzionarie macchine "track" che ben presto (1997) porterà al lancio dei nuovi Caterpillar Challenger serie 35-45-55.

 

L’imput trasmesso all’engineering Caterpillar AG quindi era quello di creare un vero e proprio trattore di ultima generazione, con un preciso e moderno sollevatore con tanto di sforzo controllato ecc. , di un potente impianto idraulico, e la possibilità come per i trattori gommati, variare la carreggiata e di adottare coperture di sezione diversa per riuscire a svolgere le lavorazioni interfilari che oltreoceano, in definitiva un “row crop tractor” a tutti gli effetti, cioè il mercato numericamente più interessante per gli States e che, proprio in quegli anni, con i trattori gommati ad alta potenza (serie 8000 JD, Magnum CaseIH e New Holland G) sta riscuotendo larghi consensi su tutto il mercato europeo, nonché quello italiano.

 

t40666_large-4955track.jpgt40667_large-fordpowershifttrack.jpg

 

I primi prototipi vengono sviluppati dalla Cat su trattori gommati prodotti dalla concorrenza: nella fattispecie un John Deere 4955 (1988 - 1994) ed un Ford 8830 (1989 - 1993). Seppure tale sviluppo venga svolto al centro R&D Cat di Dekalb (Illinois), stranisce come Caterpillar, alla fine, decida di stringere una "joint venture" con New Holland per allestire la produzione dei nuovi Challenger presso gli stabilimenti canadesi di Winnipeg dove già produce i trattori “Genesis” ovvero i famosi “G” con i quali condivide: cambio full power shift dell Funks, sollevatore, impianto idraulico ed infine cabina, strumentazione e comandi.

 

t40572_chall55e.jpg t40573_chall55f.jpg t40574_chall55g.jpgt41672_serieg-010.jpg

 

Il resto è, come ovvio, rigorosamente Caterpillar, a partire da motore col modello 3116 da 6,6 litri per i modelli 35 e 45 da 212 e 242 cv e col 3216 da 7,2 da 270 per il Challenger 55.

Ciò che maggiormente caratterizza questi nuovi track è sicuramente la nuova configurazione del nuovo modulo MOBIL TRACK che a differenza dei precedenti Challenger, adotta una ruota di trazione di diametro molto grande rispetto alla ruota tendi cingolo. Ciò consente di aumentare sensibilmente l’angolo di avvolgimento del nastro e di conseguenza aumentare la superficie di contatto, perciò a parità di tensione del cingolo è possibile trasmettere più potenza ai nastri senza il rischio di slittamenti. Questa caratteristica si rende necessaria per poter utilizzare tale trattore anche per gravosi lavori di traino anche a velocità ridotte come di norma soprattutto in Europa ed in Italia.

Tale esigenza era meno sentita sui classici Challenger a cingolatura “bassa” in quanto utilizzata prevalentemente per lavorazioni in velocità (> 9 – 10 km/h) che evidentemente sollecitano meno l’aderenza ruota nastro. Il passo si riduce da oltre 270 cm a meno di 220 cm, per cui i ruotini di appoggio si riducono da 4 a 3, il carro è basculante come sui fratelloni grossi e molto più evidente è lo sbalzo del motore rispetto ai cingoli, evidentemente per migliorare la distribuzione dei pesi soprattutto con l’utilizzo con attrezzature portate.

Infatti il sollevatore propriamente trattoristico è in grado di sollevare oltre 9000 kg. Possono essere installati nastri di sezione standard da 635 mm, oppure i larghi da 813 mm come pure gli stretti da 457 mm per le lavorazioni interfilari e non importati in europa e per l’utilizzo dei quali è possibile regolare la carreggiata su 4 posizioni: 1524, 1727, 2032, 2184 mm, pur essendo tale operazione poco agevole visto l’ancoraggio a forcella della ruota di trazione sul semiasse.

 

t40627_94caterpillarchallenger45-2.jpgt40729_challenger.55.jpgt40736_chall55g.jpg

t40726_claas55a.jpg

 

Tale macchina per un breve periodo fu commercializzata in Europa ed in Italia con i colori istituzionali Cat (giallo e nero)attraverso la rete commerciale Caterpillar macchine industriali (come gà avvenne per i pochi esemplari di 75 ed 85 che varcarono l’oceano), ma subito dopo Caterpillar stringe un accordo commerciale la tedesca Claas, che decide di entrare anche nel mercato trattoristico con un prodotto esclusivo. Da quel momento in poi i Challenger serie 35.45.55 vengono commercializzati in tinta bianco-verde Claas ed ottenne un largo consenso in europa, soprattutto Italia, Inghilterra e Germania.

 

John Deere serie 8000T

 

i40674_jd-8400t.jpg

 

Cogliendo di sorpresa un po’ tutto il mondo della meccanizzazione agricola, nel 1997, pochi mesi dopo il lancio della nuova gamma Challenger 35-45-55 la John Deere lancia sul mercato una propria gamma di trattori “track” derivati dalla fortunata serie 8000 gommata.

 

Dal punto di vista industriale fu una vera e propria “bomba” che vide i due colossi affrontarsi a viso aperto come mai prima di allora, fino al punto che a pochi giorni dalla presentazione, la Caterpillar cerca di fermarne la commercializzazione intentando ufficialmente un’azione legale contro la John Deere accusandola di aver violato i brevetti del modulo “MOBIL TRACK”.

 

Le magistrature statunitensi alla fine non ravvidero gli estremi per procedere nei confronti della Casa di Waterloo, ma comunque apparve evidente che l’intuizione di Caterpillar col progetto Challenger aveva colpito nel segno se il costruttore leader incontrastato delle macchine agricole nel mondo decise con un colpo di mano di scendere letteralmente in campo con prodotto simile.

 

Non è dato sapere se durante la recente progettazione ex novo della serie 8000 gommata, nella sua singolarità, si fosse tenuto conto dello sviluppo della versione “track”. Certo è che la collocazione estremamente avanzata del propulsore sposava a perfezione con le esigenze dettate da questa nuova, ulteriore configurazione. La grande esperienza ed affidabilità maturati su propulsore, trasmissione, idraulica, sollevatore con le migliaia di unità gommate già in campo e pienamente condivise con la serie T unitamente ad un’immagine ed alle credenziali di marchio vincente crearono le giuste condizioni per rendere subito aspro il confronto con il prodotto Caterpillar che invece nasceva con una identità non cristallina …..

 

t40623_chall55u.jpgt40624_chall55t.jpgt40625_right-choice.jpg

 

La campagna pubblicitaria per il lancio dei John Deere serie 8000T, rimarcando il clima fortemente competitivo (a dire il vero molto più simile ad una guerra fredda) instauratosi, recitava “It’s not similarities that upset our competitor…but the difference” ossia: “Non sono le similitudini che preoccupano i nostri competitori…ma le differenze”.

 

t40575_jd8410t1.jpgt40735_jd.serie8410t.16.jpgt40769_jd8430t.jpg

 

Nonostante il modulo di trazione somigli palesemente al MOBIL TRACK, del quale riproduce la ruota di trazione di diametro molto più grande rispetto alla ruota tendi cingolo, tecnicamente gli 8000T differiscono in modo abbastanza sostanziale dai Challenger made in Winnipeg. Il differente sistema di tensionamento del cingolo è la differenza più evidente: infatti sui JD il riduttore esterno è elemento stressato dal pistone tendi cingolo, mentre il modulo MOBIL TRACK non va a sollecitare né semiasse ne riduttore, in quanto la sollecitazione del pistone tendi cingolo si scarica sul telaio stesso del modulo. Questo consente ai Challenger di raggiungere una pressione di pensionamento dei nastri superiore a John Deere con tutti i vantaggi che ne conseguono, vale a dire minor tendenza a slittamenti della ruota di trazione sul nastro anche in condizioni di bagnato e durante la retromarcia. Il sistema adottato da John Deere offre come unico grosso vantaggio rispetto a quello del competitor, quello di rendere più agevole l’operazione di cambio di carreggiata del trattore: un paio d’ore per i JD contro un’intera giornata per i Challenger…peccato che per gli agricoltori europei ed italiani questo fosse un vantaggio del tutto effimero.

Altro vantaggio del sistema Cat è rappresentato dalla possibilità di basculamento dei cingoli, mentre il carro degli 8000Track, assolutamente fisso, peggiora sia il comfort che l’aderenza.

 

i40712_jd8400t.jpgi40713_jd8410t.jpg

i40714_jd8520t.jpgi40716_jd8430t.jpg

 

Nonostante alcuni evidenti limiti, gli 8000T seppero ricavarsi una buona fetta di questo nuovo mercato, grazie comunque all'ottima qualità generale del prodotto che poi John Deere seppe migliorare ed aggiornare (soprattutto a livello di motore e sovrastrutture) facendoli apprezzare per 12 lunghi anni fino a quando nel 2009 vennero soppiantati dai nuovi rivoluzionari seri8RT.

Infatti vennero aggiornati ed evoluti seguendo pari pari le equivalenti verisioni gommate, ad eccezzione ovviamente del modulo di trazione, che potrete approfondire sulle pagine del thread: Trattori John Deere serie 8000 dalle origini ad oggi

 

Più breve e, forse, meno gloriosa fu la sorte dei Challenger Cat-Claas 35-45-55, rimasti in produzione dal 1997 al 2001 quando Cat introdusse i nuovi rivoluzionari MT serie 700.

 

La cosa più spiacevole per i numerosi possessori di tali macchine fu rappresentata dal fatto che, in seguito alla repentina rescissione dell’accordo tra Caterpillar e Claas vennero rese improvvisamente orfane e rinnegate dalla stesse rete commerciale che tanto aveva spinto per la loro diffusione.

 

E gli altri costruttori cosa fecero ?

 

E' evidente che questa lotta tra titani scaturita dall'introduzione di queste nuove, rivoluzionarie macchine, non lascia indifferenti gli altri costruttori, men che meno New holland, che vive questo duello tra le mura di casa.

 

t40671_genesist.jpg

 

Ufficialmente nulla è mai trapelato a proposito, ma l'immagine "rubata" parla da sola...il trattore track coi colori ufficiali New Holland e l'inedito e diverso attacco della ruota di trazione rispetto al Challenger avvallano la ridda di voci che all'epoca circolavano relative ad un'imminente lancio di una gamma anche track anche da parte della New Holland.

 

Qualcuno addirittura sostiene che un esemplare (se non più d'uno) fosse stato testato nei pressi di Modena e di Forlì.... voce mai confermata nè smentita.

 

i40734_versatiletrack.jpg

t40672_versatile-track.jpg

 

Ad ulteriore riprova che la New Holland abbia valutato seriamente l'ipotesi di scendere in campo nel segmento track, sono queste due chiare immagini di prototipi (anche se, per come sono curati, sembrano in fase molto avanzata) usciti da Winnipeg (guarda caso !) di cui uno in livrea Versatile e l'altro, in livrea blu N.H. Probabilmente, se non fosse avvenuta la fusione del 1999 tra New Holland e CaseIH, in seguito alla quale lo stabilimento di Winnipeg venne sacrificato, sarebbero stati messi in commercio. Il gruppo Buhler che subentrò a New Holland a Winnipeg ritenne opportuno non dare seguito alla produzione di questo trattore....

E' altresì probabile che con l'acquisizione del marchio CaseIH e relativa gamma Steiger Quadtrac, il gruppo CNH abbia deciso di abbandonare l'idea di entrare nel segmento dei trattori "track" veri e propri....

Edited by Andrea terratech

Share this post


Link to post
Share on other sites

Davvero molti complimenti per il lavoro ben fatto e completo! :clapclap:

 

è proprio natale!:asd: io che faccio i complimenti a jdfan!:cheazz:

chi ci avrebbe creduto!:2funny:

 

a parte gli scherzi!

 

tempo fa girava sul forum una foto di un MF cingolato molto simile al prototipo della buhler. a questo punto, erano in procinto di fare una fusione o alcuni si erano divertiti con dei fotomotaggi sulla base sempre del cingolato rosso?

 

edit: eccola

t40811_mt-7001mf-1-.jpg

 

non riesco bene a capire nella foto del nh sul camion, cosa cambi dai challeger, potresti delucidarmi?grazie

Edited by giovanniv

Share this post


Link to post
Share on other sites
Davvero molti complimenti per il lavoro ben fatto e completo! :clapclap:

 

è proprio natale!:asd: io che faccio i complimenti a jdfan!:cheazz:

chi ci avrebbe creduto!:2funny:

 

 

non riesco bene a capire nella foto del nh sul camion, cosa cambi dai challeger, potresti delucidarmi?grazie

 

 

Grazie per i complimenti, ma cerca di non cambiare troppo la pessima opinione che ti sei fatto di me...potresti rimare deluso....:)

 

Relativamente al challenger blu, noterai come a livello del mozzo della ruota di trazione, manca completamente la forcella che supporta il semiasse che caratterizza i Cat Challenger Winnipeg. Sugli MT700, come sugli 8RT il semiasse e fissato come su un normale bar axle, mentre in questo si intuisce la ruota come normalmente flangiata al semiasse come sui gommati europei, soluzione questa totalmente inedita sui Challenger... effettivamente si tratta di una differenza assai sottile da cogliere ma pur sempre abbastanza evidente.

 

i40812_modulo.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

quindi potrebbe essere uno degli ultimi esperimenti che porteranno ai nuovi mt? o proprio un trattore made in new holland?

tempo fa si sono anche sentite voci di prototipi di TM track da circa 160 cv ma non se ne sono mai visti di prototipi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tantissimi complimenti Andrea,veramente un lavoro stupendo,magistrale.

Una domandina,nel sistema tendicingolo dei track John Deer,non sarebbe stato possibile variare la "pressione" di tensione del cingolo,per permettere una migliore aderenza dello stesso e quindi migliorare la sua azione?

Edited by acallioni

Share this post


Link to post
Share on other sites
Tantissimi complimenti Andrea,veramente un lavoro stupendo,magistrale.

Una domandina,nel sistema tendicingolo dei track John Deer,non sarebbe stato possibile variare la "pressione" di tensione del cingolo,per permettere una migliore aderenza dello stesso e quindi migliorare la sua azione?

 

Cosa intendi dire con "variare la pressione di tensione del cingolo?" Anche perchè controindicazioni per un eccesso di tensionamento non ve ne sono se non quello rappresentato dal limite dato dalla sollecitazione dei materiali e dall'energia necessaria per far "girare" i nastri. Agli accumulatori ad azoto spetta il compito su tutti i track di fungere da elemento elastico per consentire al modulo track di "digerire" terra o altri corpi estranei che dovessero essere raccolti dai nastri stessi.

 

Innanzitutto vorrei capire se ti riferisci alle serie JD 8000T. Nel qual caso considera che su questi trattori il tensionatore del nastro andava a stressare il gruppo tromba-riduttore, e perciò il tensionamento massimo consentito è inferiore a quanto possibile con i vecchi Challenger 55, e ancor di più rispetto agli MT700 ed 8RT accomunati dal fatto che la tensione dei nastri va a scaricarsi interamente sul carro stesso del modulo track senza alcun rischio per i riduttori o i semiassi (sfilando il modulo dai semiassi i nastri restano tesi).

Edited by puntoluce

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si mi riferisco proprio ai track John Deer,quindi serie 8000T.

Non sapevo che si andasse a sollecitare il gruppo tromba-riduttore,ero convinto che si andasse a sollecitare tutto il telaio.Cosa che invece se non ho capito male è stata risolta con la nuova serie 8RT.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da le mie parti a lavorato un JD track fino a circa 6-7 anni fà ,ma la coop che lo aveva preso lo ha dato indietro perchè in aratura su terreno tenace e con triv. a sollevatore tendeva ad uscire spesso il nastro, questo difetto è stato risolto nell'ultima serie JD?

Share this post


Link to post
Share on other sites
.....Cosa che invece se non ho capito male è stata risolta con la nuova serie 8RT.

 

Beh sicuramente durante la presentazione del nuovo 8320RT la prima cosa notata è stato il maggioramento del gruppo semiasse, infatti erano parcheggiati il serie 30 e l'8RT vicini e la cosa è subito balzata all'occhio...infatti in passato la noia maggiore delle serie Track era proprio il semiasse...

 

....questo difetto è stato risolto nell'ultima serie JD?

 

Beh penso che questo problema era già stato risolto con la serie 30...con la serie 8RT non saprei, avendo il carro completamente rivoluzionato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie dj, dai ricordi delle prove effettuate è che il claas 55 prima serie ( 270 cv ) ogni 1200 ore circa si rompeva la molla dentro all'iniettore e quindi di conseguenza x sicurezza venivano sostituiti tutti e 6, la seconda serie ( 290 cv ) invece andava molto bene e ben bilanciata.

Il prototipo di new holland invece aveva un gran difetto, e cioè lo sterzo non tornava dritto quando lo mollavi, cosa che fa invece il challenger. La cabina è la stessa del G come tutti i suoi comandi, il cofano era del G ma con la scaletta x salire del challenger

Share this post


Link to post
Share on other sites

I Sardo prima del challenger mt 765 anche questo ormai sostituito con rt jd possedevano il claas 55, il primo consegnato nella mia provincia, ero andato ad assistere la messa in campo con erpice rotante maschio 6m, aveva subito scingolato, ma i posessori mi hanno assicurato che poi l'inconvegnente non si è piu verificato, la macchina in questione è stata venduta a 5000h e tuttora lavora nella mia zona, è stata acquistata da un grosso agricoltore che lo usa per discatura e preparazione il generale ovvero i lavori per i quali questa macchina era stata creata.

nell'argomento sulle grandi aziende italiane, il nestro nuovo utente ex dipendente Sorgeva ha accennato di aver avuto la fortuna di provare il prototipo del g 240 track, hai mica foto di questa macchina?Per quali lavorazioni e con quali attrezzi sono stati effettuati i collaudi?Probabilmente si tratta della stessa macchina sul carrello nella foto di qualche post fa.....Quindi il cofano era piu corto di un claas 55 che tra l'altro aveva la stessa identica cabina e relativi comandi del g?

Edited by ale76

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto ale è lo stesso della foto sul carrello, il l'ho provato con erpice a dischi della mipe viviani da 5,60 e con vibro preparatore hatzenbichler semiportato da 10 metri. il motore era un pò "pompato" a 270-280 cv da quello che dicevano i tecnici, e ti posso garantire che tirava di più del claas 55 e più stabile grazie ai catenari basculanti..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chissa perrchè poi non se ne è fatto piu nulla, comunque le altre foto precedenti riguardanti il proto nh track si riferiscono a una macchina di circa 500cv su base articolato bhuler, un po come la serie 9000track john deere che deriva dall'articolato serie 9000, ma anche questo aimè è finito nel dimenticatoio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Peccato veramente, se fossero riusciti a capire il sistema di sterzo della Cat con la tecnologia di adesso e col motore del t 8.390 darebbe del filo da torcere ai concorrenti..

Share this post


Link to post
Share on other sites

oltre a voi sapente chi ha testato questa macchina?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non dicevano mai da dove veniva o dove andava una macchina, c'era una scheda da compilare ogni giorno con: nome operatore, tipo lavoro, ore segnate dal conta ore e pregi e difetti, questo sia x il G track che x tutti i vari serie M che portavano in prova..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Altra chicca per Jd Fan.... (ringrazio giovanni v per la segnalazione):

 

t85607_8830-ford-track.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Altra chicca per Jd Fan.... (ringrazio giovanni v per la segnalazione):

 

t85607_8830-ford-track.jpg

 

Bellissimo...... sono senza parole...... è proprio un esemplare completo. E' possibile citare la fonte ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Beh sicuramente durante la presentazione del nuovo 8320RT la prima cosa notata è stato il maggioramento del gruppo semiasse, infatti erano parcheggiati il serie 30 e l'8RT vicini e la cosa è subito balzata all'occhio...infatti in passato la noia maggiore delle serie Track era proprio il semiasse...

 

 

 

Beh penso che questo problema era già stato risolto con la serie 30...con la serie 8RT non saprei, avendo il carro completamente rivoluzionato...

 

 

salve a tutti... jd fan ha gia avuto modo di conoscermi di persona... faccio il dimostratore per jd italiana... a breve dovrei andare proprio da jd fan cn il nuovo jd 8345rt... se avete due minuti venite a vederlo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
salve a tutti... jd fan ha gia avuto modo di conoscermi di persona... faccio il dimostratore per jd italiana... a breve dovrei andare proprio da jd fan cn il nuovo jd 8345rt... se avete due minuti venite a vederlo...

 

Un anno e mezzo dopo la storia si ripete....non più Nardin ma Miki...

 

http://www.tractorum.it/forum/manifestazione-agricole-f38/john-deere-serie-8rt-presentazione-ravenna-il-23-ottobre-3062/

 

i34219_DSC00595.JPG

i34220_DSC00610.JPG

Edited by DjRudy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...