Jump to content
lambo2000

Utensili ed attrezzi per la potatura manuale - Forbici, segacci, cesoie e quant'altro

Recommended Posts

a questo punto vorrei aprire una piccola discussione per quanto RIGUARDA i cosidetti atrezzi del mestiere. e cioè le tanto amate o odiate forbici da potare. Premetto che non parlo delle forbici pneumatiche o simili, ma delle forbici a molla. felco, duebuoi, ecc. E da non dimenticare naturalmente il segacio. chi a da dire a riguardo si facia avanti. saluti a tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottima idea quella di Marco, anche se penso sia meglio aprire un thread a sè stante...comunque rispondo qua pregando i mod di spostare se lo ritengono necessario!

 

Io personalmente utilizzo una classica cesoia Bahco con lama pradines (tipo questa http://extranet.bahco.com/catalogue/images/picture.aspx?filename=sga_p110-23_wo_c&lProdBlockID=1394 , non è la stessa ma ci somiglia molto)...devo dire che mi trovo veramente bene, la lama è ottima, il manico in acciaio comodo e bello lungo (ottimo per me che ho mani "fuori misura")...ho provato anche quelle col manico rivestito o in fibra, ma non mi trovo molto bene.

 

Per i tralci grossi ho anche una forbice a cricchetto (tipo l'art. 7243 di questa pagina Stocker GmbH/srl - Forbici a cricchetto Stocker , ma non è originale, l'ho presa in un brico per 5€!), che si difende abbastanza bene...ha solo qualche piccolo problema con la lama che è sottile e a volte scende storta e non riesce a completare il taglio...

 

Se proprio serve ho anche sempre dietro un segaccio a serramanico, un Bahco 396JT (http://extranet.bahco.com/catalogue/images/picture.aspx?filename=sga_396-jt_wo_c&lProdBlockID=1795)...è un buon segaccio, non dei migliori (trovo alcuni segacci classici molto più aggressivi come dentatura) però tra i serramanico che ho provato per tagli di legna verde si difende bene...poi l'ho pagato poco e niente (10€!) quindi...

Share this post


Link to post
Share on other sites

noi pesonalmente usiamo esclusivamente le "felco2". che offrono delle caratteristiche che altre forbici secondo me non hanno. vorrei però riccordare a riguardo un insegnamento di mio nonno, il quale affermava senza paura di essere smentito che non esistono forbici capaci di fare il lavoro "de sa purazza", e cioè della roncola per vigna. oggi tale attrezzo non si usa PIù, anche perchè non c'è più nessuno che la sa usare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Noi usiamo forbici LOWE STOCKER e segacci felco e bacho oppure le forbici pneumatiche Paterlini che costano poco sono potenti il giusto e sono anche abbastanza affidabili.

Ormai sono quasi alla fine per quest anno, l anno prossimo vorrei prendere una electrocoup della infaco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho 4 lisam ( da 21cm, da 19cm, super leggera, e un paio vecchio)

1 manaresi da 21cm,

1 castellari da 19 cm con molla aperta,

1 falket da 21cm...

Poi un tronca rami della lisam...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nella mia azienda per la potatura usiamo un cesoia (trancia) marca Tucano e una Kuker per quanto rigarda le forbici usiamo le Patin quelle con l'impugnatura in plastica arancione, sono delle ottime forbici presentano lame rivestite in teflon quindi minor difficoltà nel taglio (nella mia azienda hanno preso il posto delle più blasonate felco).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve A Tutti !!!

 

Nella mia piccola azienda uso :

4 forbici da potare marca "Due Buoi" delle quali 3 tradizionali e 1 con manico in gomma e molla a spirale tagliano qualsiasi spessore con un minimo sforzo

2 segacci marca "Falci" hanno una buona dentatura e un taglio pulito

1 roncola marca "Rinaldi" la uso anche per tagliare i tronchi più spessi ma l'utilizzo principale è quello per appuntire i pali di sostegno

 

P.s. una curiosità ...cosa usate per legare i tralci????

 

Un saluto a Tutti !!

 

 

Aratrum Fructus Dat

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io suo i vimini, oppure se non bastano la classica plastica verde...

P.S ho anche due seghe una castellari e una manaresi :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per legare i lacci in plastica verde con anima di fil di ferro.

Per quanto riguarda le forbici dalle due buoi a quelle con manico in plastica di cui adesso non ricordo la marca, per le seghe uso un tipo che mi sembra si chiami rossi acciaio che flette ma non troppo e dentatura doppia valida nell'uso ma per affilare è un casino tanto che dicono che non vanno affilate, ma se gli dai una limatina ogni tanto la differenza si vede e pure di molto.

Un altra marca che mi piace molto è la Fiskars Pagina principale | Fiskars Italia ed in particolare ho usato ed apprezzato questo Universal Garden Cutter Professional / Piante / Prodotti | Fiskars Italia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi ho preso un troncarami Stocker quello di media grandezza per intenderci,qualcuno di voi l'ha mai usato?per il prezzo che l'ho pagato,20 euro,anche mi durasse una solo stagione sarei contento.

 

Come forbice ho presi una nuova Patin 2,perchè della Patin tre dopo un anno non sono rimasto contento,lo sforzo da fare è maggiorc e che con la Patin due.....e la durata inferiore.....ah per me la felco può anche chiudere baracca.......

 

Stocker GmbH/srl - Troncarami Stocker

Share this post


Link to post
Share on other sites

Patin 2 forever!

Leggera, comoda, abbastanza economica, io la trovo molto più comoda rispetto alla felco.

Per la potatura a verde estiva (cimatura, diradamento e altri lavoretti a verde), preferisco la felco, che ha delle lame eccezionali quanto a durata ed affilatura, ma sul secco le trovo decisamente dure da usare.

Per i tagli più grossi uso una cesoia da giardinaggio compatta e leggerissima

Troncarami PowerGear? II Bypass a Uncino (S) / Piante / Prodotti | Fiskars Italia

ed un segaccio a serramanico di marca ignota.

Siccome la mia legatrice pellenc AP25 ha deciso di mettersi in pensione anticipata, da quest' anno userò la legatrice nanni:

http://www.grupponanni.com/index.html

http://www.grupponanni.com/legatrice.html

con il filo bio della pellenc.

Bye Bye batteria sulla schiena; bye bye cicalino che suona in continuazione; bye bye uncino che si inceppa e non chiude il punto; Bye bye difficoltà a legare i tralci grossi; bye bye nervoso, calci, lanci verso l' ignoto.........

Edited by Twin Spark

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedremo caro twin spark!io ho in mente di dire bye bye alla nanni!!!!!!!!!!!

 

La mia è una marca imprecisata,ma non è che sia molto comoda e veloce,infattio quest'anno prendo la pellenc.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti, vorrei chiedervi se avete mai usato forbici della ditta Vesco e se si come vi sembrano?

Vi chiedo questo in quanto cercando in rete una forbice da potatura da utilizzare al lavoro, ho trovato questo marchio e ne ho acquistata una a doppio taglio.

Devo potare alberi in impianti di arboricoltura da legno con essenze anche impegnative da tagliare e qualche albero da frutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ragazzi nessuno ha mai usato per legature dei tralci la legatrice manuale TIEFIX

Share this post


Link to post
Share on other sites
sarebbe questa

Non mi convince molto:fiufiu:

Share this post


Link to post
Share on other sites

e perchè ? sai che palle legare con il filo in plastica quando fa freddo ...

 

guardando il video mi sembra la fotocopia della Nanni , aspetto conferne e\o smentite

Share this post


Link to post
Share on other sites
e perchè ? sai che palle legare con il filo in plastica quando fa freddo ...

 

guardando il video mi sembra la fotocopia della Nanni , aspetto conferne e\o smentite

Nel video ne mette tanti per cavo, sulla plastica d inverno hai ragione, anche se con la riduzione del diametro molto si allevia, mi piacerebbe vederlo il video a pari condizioni, con freddo guanti...poi dipende anche che potatura, magari la mia è solo impressione

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, la Nanni si tira automaticamente il filo, e con l' altra mano devi solo piegarlo attorno al tralcio.

Questa invece devi posizionare il filo a cavallo del tralcio, e poi agganciarlo con l' uncino.

A circa 1 minuto puoi vedere come funziona:

P.s.

L' unica cosa fondamentale, è che puoi usare anche il filo di altre marche (altro che palle).

Io l' ho usata col filo Pellenc standard, con quello bio, con i fili tiefix, e non ha problemi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno ha già preso la nuova Vinion della Pellenc? esperienze con i modelli precedenti?

Ho avuto modo di provarla all'Agrilevante, sembra molto competitiva, per prezzo e qualità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
No, la Nanni si tira automaticamente il filo, e con l' altra mano devi solo piegarlo attorno al tralcio.

Questa invece devi posizionare il filo a cavallo del tralcio, e poi agganciarlo con l' uncino.

A circa 1 minuto puoi vedere come funziona:

.

ah grazie ho capito l'inghippo , non vale la pena

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poi Voi che usate le legatrici , visto che il filo ha anima interna in ferro ,al momento della slegatura che usate ?

tenaglie o tronchesine ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

È talmente sottile che nella maggiorparte dei casi basta un bel tirone (quello della pellenc e simili), ma comunque si taglia benissimo con la forbice da potatura senza rovinare la lama.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buonasera, potrebbe anche non essere proprio la discussione esatta, ma la domanda è pertinente: son completamente digiuno di tecniche di potatura ma avendo ereditato un pezzo con varie piante da frutto volevo provare a vedere se era possibile farle rendere un po'. Sono piante trascuratebde due, forse anche tre anni e leggendo su varie pagine mi son fatto un'idea di come agire per ogni varietà se non che non ho trovato istruzioni precise su come intervenire per quei rami nuovi che partono come razzi verso l'alto... pensavo di reciderli tutti tranne uno o due da curvare in orizzontale può essere una scelta appropriata? Avendo esperti nel forum spero qualcuno mi illumini!

Grazie in anticipo

Saluti!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quelli dritti posti sulla sommità della chioma in genere si eliminano se la pianta ha raggiunto l'altezza definitiva. Se li lasci oppure li accorci la pianta continuerà a crescere anche in altezza.

Comincia con lo svuotare la pianta al centro dai succhioni e toglili anche sulla sommità della pianta se questa ha, come ti ho detto, un'altezza già definita.

Il resto per questo anno lascia così com'è, il prossimo anno chiami qualche persona esperta e le lasci potare a dovere!

Verso fine febbraio inizio marzo dai del nitrphoska blu alle piante, adesso dopo che le hai potate al centro disinfetta con rame.

In bocca al lupo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...