Jump to content

Recommended Posts

volevo chiedere alcune informazioni,quanti quintali di media si produce in un ettaro?quale e' il prezzo medio al kg e quanti trattamenti si fanno in una stagione?

 

 

io sono trentino come te, calcola che rendono circa dieci volte quello che pianti, e io pianto circa 18 quintali a ettaro..

 

se le vendi a un commerciante stai su 30 centesimi al chilo se sono regolari, se ti arrangi a venderle al dettaglio anche il doppio..

 

con tre o quattro trattamenti nel peggiore dei casi sei a posto..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quello che vedo io che ne fa parecchie (ha due grimme penso più greosse di quella con il timone sterzante e l'assale dietro sterzante) le tira col 6230 o il 6420.

 

Altri la tirano col fendt 309 e altri col dorado come nel filmato fatto dal bosco.....non serve una gran potenza al traino ma la macchina è grossa davvero e un trattore con gli attributi ci vuole.

 

Diciamo almeno 85cv

 

Il filmato l'ho fatto io, diciamo che lo sprint su asciutto non aveva problemi, poi però un'annata come anno scorso con piogge frequenti e lavoro da fare hanno attaccato un ares da un centinaio di cavalli... 7-8 anni fa quando piovve praticamnete tutto fine agosto e settembre e la raccolta si complicò addirittura dovettero ricorre ad un Agrotron 135, lavorando sempre con una Grimme 75-30 ad una fila...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi chiamo Marco e coltivo "qualche ettaro di patate" in provincia di Bologna oltre che scavarne anche presso altri...Abbiamo avuto una IMAC 75/30 fino al 2001 per comprare una Grimme 75/40 (con quella scavavo mediamente 35-40 ettari annui) e nel 2009 ho acquistato una 80/55: macchina sempre monofila ma con bunker (cassone) più grande (reali 50 quintali di patate contro 35) praticamente a parità di peso a vuoto della precedente ed in più avendo i nastri più grandi oltre ad alcuni accorgimenti ha una capacità di sterro superiore...Le patate arrivano pulite e se non c'era scarto da levare (deforme-marcio-verde) abbiamo scavato a 6-7 kilometri l'ora e vi assicuro che è uno spettacolo impressionante quel nastro pieno color oro che corre...Il problema con produzioni tipiche nostrane (35-55 ton/ha secondo varietà e meteo) è il trasporto del raccolto se in bins: s'impazzisce.

Share this post


Link to post
Share on other sites

dumui complimenti per l'acquisto, per una grimme 75-40 come la tua più piccola, quanti ettari servono per ammortizzarla??? Prezzo??? Hai ragione, noi fin'ora abbiamo scaricato in bins ed è una vera rottura, non solo lo scarico ma poi ricaricarli anche sui rimorchi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
dumui complimenti per l'acquisto, per una grimme 75-40 come la tua più piccola, quanti ettari servono per ammortizzarla??? Prezzo??? Hai ragione, noi fin'ora abbiamo scaricato in bins ed è una vera rottura, non solo lo scarico ma poi ricaricarli anche sui rimorchi...

nel 2001 la 75/40 (come tante altre macchine tedesche che hanno un prezzo base abbordabile salvo lievitare con gli optionals) full optionals (automazioni per regolazione pressione sulla fila-centratura della fila-riempimento del bins-centratura dello sterzo ed assale sterzante regolabile-separatore con regolazione velocià-impianto idraulico separato-aggancio rapido testa di scavo-impianto frenatura pneumatico-omologazione per circolazione stradale-kit luci) usciva a 108 milioni di lire (circa 56.000 €) più iva con assistenza a chiamata compresa e sul luogo 7/7 (cioè 7 giorni su 7) e magazzino ricambi entro 24-48 ore...oggi tale macchina usata su agriaffaires viaggia sopra i 30.000 €...Ettari per ammortizzare? Dipende da quante ore/ettaro? vai dalle 6 alle 10 ore ettaro a seconda delle condizioni pedoclimatiche e della quantità di scarto (tocca procedere più lentamente per toglierlo manualmente)...sinceramente considero una tariffa oraria (considera che il trattore va a regime di coppia tra 1300 e 1600 giri limitando i consumi) per gli ammortamenti...con la 75/40 avevo mediamente poco meno di 20 ettari miei e scavavamo poi quelli dell'altro socio con la quale l'avevamo acquistata e qualche 2-3 ettaro extra di chi chiedeva...Con la 85/55 considera di partire da 30 ettari annui...Poi dipenderà d quante ore/lavoro puoi/riesci fare in una stagione (riesci ad avere operai per 2 turni da 7 ore? 6-13 e 13-20 così cavi 14 ore al giorno?)...Piove? meglio! risparmi l'irrigazione per lo scavo,stressi meno il prodotto e vai il giorno seguente mentre con la I-M-A-C che avevo prima toccava stare fermo (e venivano pure a vedere i vicini come diavolo facessimo a scavare..magari oggi son cambiate pure loro...)...Ad Arezzo come scavate? che superfici avete?

Share this post


Link to post
Share on other sites

PS: per i trattamenti molta è "scuola" a calendario...Io quest'anno pur irrigando ma considerando le T oltre 30° ho voluto trattare per la peronospora (phytophtora che io sappia si ferma oltre 30°) solo 2 volte e problemi non ne ho avuti se non un attacco di alternaria (solitamente si controlla collateralmente coi rameici della peronospora) a fine campagna...

Share this post


Link to post
Share on other sites

E con una macchina così quanto spazio serve in testata?

Con il disseccamento della pianta come ti comporti? Cosa funziona meglio?

Share this post


Link to post
Share on other sites
E con una macchina così quanto spazio serve in testata?

Con il disseccamento della pianta come ti comporti? Cosa funziona meglio?

con timone ed assale sterzante 4-5 metri dal ciglio fosso son sufficenti...considera che nonostante la contrarietà iniziale ora ci si è resi finalmente conto che i primi 1-2 metri almeno dalla capezzagna (3-4-6 metri non cambia) contengono veramente poco di buono ed allora a volte per comodità "faccio 2-3 traversi" secondo necessità a vomere abbassato tenendo quel poco di grosso che c'è e t'assicuro che non si perde niente...Per disseccare alcune strutture spingono lo Spotlight o altre un concime fogliare Qualybreak ad alto dosaggio ma entrambi hanno un'azione modesta, non riuscendo ad ostacolare rinascite, se nella decina di giorni tra disseccamento e raccolta si hanno grossi acquazzoni...Personalmente, anche per una questione di costi, simpatizzo per il Reglone (cugino dimezzato del Seccatutto che seccava in 1 pomeriggio circa) mentre sto facendo una prova personale (ispirato dal fatto che all'estero anni fa usavano persino acido solforico diluito per seccare la pianta ma che non saprei dove trovare-come usare) di un trattamento con solfato ammonico (quello blu usato in viticoltura che se da solo massimo a 300g per 100 lt proprio per non ustionare le foglie contro la peronospora ) ad 1-1,5 kg per 100 lt acqua (considera che costa pochissimo! ed è rame perciò sarei persino biologico!)...Vedremo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
con timone ed assale sterzante 4-5 metri dal ciglio fosso son sufficenti...considera che nonostante la contrarietà iniziale ora ci si è resi finalmente conto che i primi 1-2 metri almeno dalla capezzagna (3-4-6 metri non cambia) contengono veramente poco di buono ed allora a volte per comodità "faccio 2-3 traversi" secondo necessità a vomere abbassato tenendo quel poco di grosso che c'è e t'assicuro che non si perde niente...Per disseccare alcune strutture spingono lo Spotlight o altre un concime fogliare Qualybreak ad alto dosaggio ma entrambi hanno un'azione modesta, non riuscendo ad ostacolare rinascite, se nella decina di giorni tra disseccamento e raccolta si hanno grossi acquazzoni...Personalmente, anche per una questione di costi, simpatizzo per il Reglone (cugino dimezzato del Seccatutto che seccava in 1 pomeriggio circa) mentre sto facendo una prova personale (ispirato dal fatto che all'estero anni fa usavano persino acido solforico diluito per seccare la pianta ma che non saprei dove trovare-come usare) di un trattamento con solfato ammonico (quello blu usato in viticoltura che se da solo massimo a 300g per 100 lt proprio per non ustionare le foglie contro la peronospora ) ad 1-1,5 kg per 100 lt acqua (considera che costa pochissimo! ed è rame perciò sarei persino biologico!)...Vedremo...

Considerando che il Basta mi stava poco simpatico per costo ed un effetto collaterale come l'imbrunimento del tubero...Poi adesso che è pure pericoloso per la fertilità e la salute umana: quando tempo fa lo proponevano innocuo quasi come l'acqua minerale! Ma è lo stesso discorso del glifosate che su alcuni siti viene tacciato d'essere poco biodegradabile e pure cancerogeno!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve ragazzi ecco il mio nuovo scavapatate

 

20130609151525.jpg

img20130609wa0001.jpg

img20130609wa0002.jpg

 

Che ne pensate?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottimo lo scavapatate a nastro, molto meglio di quelli a vagli oscillanti, ne ho due e fanno schifo.

Mancherebbero i dischi per il taglio del terreno..

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Purin

Si è vero ma era un acessorio che costava 350 euro e allora ho preferito prendere il minimo indispensabile, anche perchè io coltivo maggiormente patata dolce e vedremo se riuscirà a scavarle, ho visto lavorare ed è un altro pianeta rispetto all'oscillante.

Poi passo col trincia e dovrei risucire a eliminare la parte erbosa, è fatto tutto con lamiere da 0.9 mm e pesa 2.87 q.li, era un pezzo che trattavo col concessionario e alla fine lo preso, anche se quest anno con il freddo e pioggia non so quante patate farò.

La cosa positiva è che si possono regolare i vomeri, sui tuoi purin sono regolabili?

Share this post


Link to post
Share on other sites

La cosa positiva è che si possono regolare i vomeri, sui tuoi purin sono regolabili?

 

regolabili in che senso? posso chiederti su che prezzo viene un oggetto così? anche se in realtà il mio prossimo acquisto sarà un bifila a nastro, forse pure con carico diretto sul rimorchio

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora diciamo che per la coltivazione che ho io volevo provare a usare questo prodotto che rispetto a comar ,spedo ecc... e molto più economico a anche perchè veniva assemblato dal rivenditore e a me ha fatto un buon prezzo in quanto ultimo pezzo in magazzino.

era partito con 2300 euro ma trattando sono arrivato a 1950Euro + trasporto

bifila a nastro costa un bel po di più, io usato non lo voluto perchè sono tutti rotti o consumati e il concessioanrio non mi garantiva l'assistenza...

I vomeri sono regolabili sulle tre viti che vedi sotto hai un asola che ti permette di spostarli fino a 3cm

Share this post


Link to post
Share on other sites

i miei allora non sono regolabili, se posso darti un piccolo consiglio, vedi se riesci a fare in modo che i vomeri tendano a puntare leggermente al centro: in questa maniera le fessure si allargano leggermente indietro, così non is intasano o perlomeno i sassi e le radici dell'erba non si incastrano sempre più mano a mano che avanzi..

 

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie purin

ma i vomeri si possono spostare solo in altezza non il larghezza.

non so se l'anno prossimo piantare più patate normali, tu purin quante ne pianti?

Share this post


Link to post
Share on other sites
grazie purin

ma i vomeri si possono spostare solo in altezza non il larghezza.

non so se l'anno prossimo piantare più patate normali, tu purin quante ne pianti?

 

poche..:cheazz:

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

lavora molto meglio, si intasa meno in quanto in proporzione ha meno bordo rispetto alla monofila e penso che prenderò una da 160 anzichè 150 (2x75) per avere più margine nelle file un po' irregolari e per far lavorare un disco su terreno già vagliato, con meno intasamenti di erba e zolle..

 

adesso ho due monofila a vagli oscillanti e vado in campo già di cattivo umore..

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma io prima di togliere le patate passo con il tinciastocchi, e poi la monofila secondo me ha il vantaggio per uno come me di essere meno ingombrante

Tu hai già provato la bifila a nastro?

Poi mi sono accorto che gl accessori (dischi tagliaerba ecc.. ecc.) costano un botto sulle attrezzature.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma io prima di togliere le patate passo con il tinciastocchi, e poi la monofila secondo me ha il vantaggio per uno come me di essere meno ingombrante

Tu hai già provato la bifila a nastro?

Poi mi sono accorto che gl accessori (dischi tagliaerba ecc.. ecc.) costano un botto sulle attrezzature.

 

sì, una con un 70-66LP e una con un tnv70..

 

bastano una ventina di cavalli tra tirarla ed azionarla, solo il tnv si alleggeriva un po' all'anteriore nelle svolte (meno male, con le ruotine che ha davanti)

 

è tutto un altro modo di lavorare, per contro se si corre un po' lascia più terra nell'andana delle patate..

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

attenzione che Purin e` un`esperto di patate e macchine per la raccolta delle stesse.

Share this post


Link to post
Share on other sites
attenzione che Purin e` un`esperto di patate e macchine per la raccolta delle stesse.

 

:2funny::2funny::2funny::2funny::2funny::2funny:

 

il mio unico vanto è che riesco a spaccarne due in un pomeriggio..

 

ringrazio comunque lumy che nonostante i miei difetti mi sostiene moralmente, forse perchè sa già che la prossima scavapatate verrà colorata con i colori ufficiali della scuderia: rossa con i particolari bianchi!

 

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seguo con monta attenzione i suggerimenti di purin, io coltivo patata dolce non normale anche se sarei tentato di piantarne un pò il porssimo anno...

visto che ho lo scavapatate provare non mi costa nulla..

Be se riesci a spaccarne 2 in un pomeriggio allora sei meglio dello scavapatate a nastro.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...