Jump to content

Recommended Posts

scambio sul posto o conto energia? non ci stò a capire una mazza!!!

Ma le ditte che fanno sti' pannelli quale sono? Sono passati 3 rappresentanti neanche uno che ti lascia un depliant, tutti che ti ripetono che si fanno soldi a palate e bisogna sbrigarsi......

Share this post


Link to post
Share on other sites

racconta meglio

 

di costruttori di pannelli ce ne sono molti dai cinesi a quelli migliori tedeschi, americani, giapponesi

suntech,sunpower,sharp, ecc... ecc... ecc...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a breve installerò un impianto fotovoltaico sul tetto di 150kw, come pannelli monto i canadian policristallino e l'impianto mi è costato 2400 euro al kw chiavi in mano

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finalmente il primo preventivo 10kw 65.000 euri pannelli PRAMAC , ci può stare?

i pannelli come sono come qualità?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ciao a breve installerò un impianto fotovoltaico sul tetto di 150kw, come pannelli monto i canadian policristallino e l'impianto mi è costato 2400 euro al kw chiavi in mano

 

solo 2400euro kw? mi pare basso come prezzo.

è conreggiato tutto, telai, inverter, allacciamenti ecc...

dovevi anche smaltire l'amianto?

 

Finalmente il primo preventivo 10kw 65.000 euri pannelli PRAMAC , ci può stare?

i pannelli come sono come qualità?

 

non li conosco

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve ragazzi.. qui' nella mia zona,una coop.agricola sta costruendo un impianto fotovoltaico con relative serre per la coltivazione di verdure in genere, non so di quanti kw è ma non e piccolo,complessivamente devono costruire serre per 40ha circa con relativi pannelli,in pratica la copertura delle serre a fatta con panelli fotovoltaici, solo di calcestruzzo sono circa 25000mc e questo dato e sicuro!!

visto che lo traporto anche io !!! :asd::asd::asd::asd: O0

Share this post


Link to post
Share on other sites

cavoli, 2400 a Kw mi sembra estremamente esiguo come prezzo, che componentistica e con che tecnologia lo fai?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Finalmente il primo preventivo 10kw 65.000 euri pannelli PRAMAC , ci può stare?

i pannelli come sono come qualità?

 

Ciao, anche io come te ho intenzione di farmi un impianto da 10 kw di picco, le offerte sono al momento 2, una con pannelli isofotòn € 38.157, e l'altra con pannelli conergy a 43.516€ , praticamente con il primo sono a 3.800 al kw e con il secondo a 4.300 al kw.

Secondo me però la qualità del materiale nel secondo preventivo è superiore rispetto al primo, però a conti fatti se paghi oltre i 4000 al kw non rientri nelle spese sostenute entro i 10 anni come vogliono farti credere gli istallatori, anche perchè tutti dicono che non sanno neanche di averli, ma se x caso ( e se le garanzie sono limitate a 5/10 anni non è un caso) tutte le riparazioni te le paghi di tasca tua. Il dubbio rimane sempre " chi meno spende...+ spende...mmmaa!

PS i prezzi indicati sono iva del 10% esclusa naturalmente

Edited by alEX 235

Share this post


Link to post
Share on other sites

lo smaltimento degli eternit è fuori ma per quanto riguarda l'impianto fotovoltaico è tutto compreso, i prezzi dei pannelli sono calati moltissimo è da due anni che stavamo progettando l'impianto e dopo svariati preventivi siamo arrivati a quel prezzo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

gli inverter sono garantiti anche 5 anni i pannelli pure non 20 anni , sono garantiti nella RESA con 25 anni, alla fine un pannello fornisce 83 percento rispeto al primo anno di vita!!!

i pannelli canadan monocristallino sono una tecnologia superata assolutamente da scartare..

i PRAMAC li costruiscono in svizzera e per lo stesso costo metterei i soleo tedeschi....

ricordo ai gentili utenti che quando si costruisce un impianto fotovoltaico incidono anche le polizze fidejiussorie sulla resa , sul furto , ed anche IMPORTANTE sul contratto di manutenzione.. che di solito chi lo monta lo fornisce di 10 anni in 10 anni ciòe sostituzione dei componenti in garanzia manutenzione e varie riparazioni incluse ecc prezzi scontati per i ricambi non più coperti da garanzia.... eccc

infine un buon ha di impianto costa circa 2 milioni di euro se ben fatto!!!

per 20 kh ci vogliono circa 90000 euro comprensivi di costo istruione pratiche ecc di ottima qualità i materiali ecc... fate vobis..

Share this post


Link to post
Share on other sites
di solito i pannelli sono garantiti almenno 20 anni

li inverter 3 o 5

 

A me sui preventivi parlano di garanzie al massimo di 5 anni sui pannelli ed inverter, l'unica garanzia di 20 anni è data sulla rendita fino ad un quantitativo in percentuale fissato dal costruttore, il che tra 18 anni x esempio dovrai essere capace tu di dimostrare se la resa è scesa sotto quello che ti garantiscono... mah, io sono diffidente di natura ma secondo me a conti fatti più di una volta se non ci sono imprevisti ( tipo guasti fuori garanzie e manutenzioni varie non preventivate) l'impianto difficilmente lo paghi prima dei 10 anni come vogliono farti credere gli installatori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate, mi sono espresso male.

il rendimento è garantito per 20 anni, mentre per i guasti ci sono 2 anni, comunque è poossibile pare la polizza assicurativa per allungare la garanzia

Share this post


Link to post
Share on other sites

gia che parli di tecnologie superate e di costruttori tedeschi informati bene da dove provengono tutte le celle,cmq nn ho detto che i canadian sono i migliori,ma sono per me il compromesso giusto qualità prezzo e abbaimo fatto un gruppo di acquisto di 1500 kw

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per gli inverter ci possono essere dei guasti a livello elettrico od elettronico , ma per i pannelli quale tipo di guasti si possono verificare?

Share this post


Link to post
Share on other sites
gia che parli di tecnologie superate e di costruttori tedeschi informati bene da dove provengono tutte le celle,cmq nn ho detto che i canadian sono i migliori,ma sono per me il compromesso giusto qualità prezzo e abbaimo fatto un gruppo di acquisto di 1500 kw

 

Alcuni mi hanno detto che le celle provengono tutte dalla cina e poi vengono assemblate in germania o nei luoghi di provenienza delle ditte, non so quanto vero ci sia nell' affermazione. Visto che sono di Bs pure io c'è ancora un posto x il gruppo di acquisto:asd:..........

Share this post


Link to post
Share on other sites

i canadian solar penso si collochino in una via di mezzo, non sono i migliori ma di certo non sono gli ultimi, da quello che ho potuto costatare io hanno un ottimo rapporto qualità prezzo, sono tra i pochi che hanno solo tolleranza positiva, e hanno un ottima producibilità.... in linea di massima tutte le celle provvengono dalla cina, persino sunpower che si vanta di essere il n°1 non produce negli usa ma nelle filippine mi pare, il vantaggio di sunpower è di avere più wat per metro quadro, ma il prezzo è alto rispetto a tutti gli altri....oggi un pannello ha garanzia sulla struttura che va da 5 a 10 anni a seconda della marca, e quasi tutti hanno le tesse garanzie in producibilità 90% a 10 anni e 80% a 20/25anni sempre più o meno...gli inverter sono quasi sempre gli stessi, tra i migliori gli sma, in media hanno 5 anni di garanzia ma a pagamento la si può estendere a 10 o anche 20anni l'assicurazione è indispensabile se non altro per fare sonni tranquilli, sopratutto su impianti grossi, diventa obbligatoria se si fa un finanziamento, al contrario secondo me la manutenzione programmata, sono soldi spreccati, un impianto fatto bene non ha bisogno di manutenzione se non nella pulizia sporadicamente, cosa che a seconda del posizionamento uno può fare da solo o non farla per niente, non ci sono organi in movimento, motori, filtri, oli, gas, tubazioni, cosa c'è da manutentare? allorche si verifica un qualunque incoveniente uno chiama la ditta, lo paga e via, perchè deve pagarlo per 20anni senza che faccia niente? questa è la mia opinione...ho in progetto il mio impianto, se va in porto vi aggiornerò ...buon sole a tutti

Edited by pastore

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti.

Io sto guardando per un impianto da 20 KW.

Tutti mi dicono che si prendono un sacco di soldi, fanno preventivi con mille piani di ammortamento e grafici di ogni tipo.

Pero io o il difetto che le cose le voglio capire prima di fare.

Allora per prima cosa mettono i soldi che si devono guadagnare il primo anno, e nessuno considera l'usura del panello.

Cioè se dopo i nei primi 10 anni mi fa il 90% e dopo 80 come faccio a prendere per 20 anni lo stesso GSE?

Poi ti mettono i soldi risparmiati dall'elettricità (se uno fa scambio sul posto) a prezzo di acquisto, mentre in realtà solo quella che consumo mentre la produco non la pago.

Mentre l'eccesso la vendo a un prezzo e la acquisto a 5/6 centesimi in più.

Poca cosa se non fosse per tutte le accise in ballo.

Poi mettono il risparmio annuo di energia che cresce anno per anno.

Pero si scordano di mettere le spese di assicurazione, e che sono destinate a crescere anche loro.

E per finire i soldi del GSE mi servono per 10 anni per pagare l'impianto, fra 11 anni che potere di acquisto anno quei soldi?

Fin per carità io non voglio dire che sia un investimento mal fatto, ma vorrei capire veramente quanto guadagna.

Magari con l'aiuto di gente che a i miei interessi e non di venditori che fanno i conti a loro modo.

P.s. Per il 20% di contributo bisogna far domanda fare l'impianto e poi ti dicono se ti danno i soldi o meno, dunque non è molto affidabile per gli ammortamenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

di solito nei piani di ammortamento è incluso la perdita per calo di efficenza, lo scambio sul posto, se non dai i dati di consumo annuo medio che hai, è considerato come se tu cosumassi tutto quello che produci.

il 20% del contributo non considerarlo ai fini dell'ammortamento, se arriva bene sennò pazienza

 

mi pare che le aziende agricole non ci paghino le tasse, ma non ne sono sicuro

 

comunque il piano economico fattelo fare con i valori dell'insolazione dell'enea più bassi, non medi, così non dovresti avere brutte sorprese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao tony, sono dalla tua parte e non da quella di chi fa l'impianto, sono ormai mesi che studio il mio impianto e credo e spero di aver calcolato tutte le variabili e rischi, un concetto credo sia chiaro per tutti in qualunque settore, nessuno ti regala niente, nessun investimento comporta zero rischi, zero rischi vuol dire zero guadagni le strade percorribili sono fondamlmente due, 1)abbattere i costi dell'energia o 2) produrre e vendere energia

1) in questo caso la miglior cosa è realizzare un impianto proporzionato ai propri consumi perchè effettivamente la corrente che produci oltre quella che consumi non ti viene pagata quanto tu la paghi a loro, e oltre questo ci sono una miriadi di variabili che detterminano il prezzo che non ci capisci niente, percio se consumi (un esempio) 1000 farai un impianto che produce 1000 o 900. a conti fatti a fine anno con i conguagli se hai prodotto 1000 avrai abbatutto totalmente il costo dell'energia se hai prodotto 900 pagherai la differenza che è 100, e questo solo dopo l'anno perchè è probabile che hai anticipato dei soldi che al conguaglio ti verranno resi questo dovuto a quei calcoli descritti sopra, per l'incentivo non cambia nulla, una volta arrivato il primo, che può essere anche dopo sei mesi, è abbastanza regolare ogni due mesi ti viene pagato quanto dovuto

2) in questo caso la cosa si fa più semplice, diventi produttore di energia, quanto produci vendi e sai già quanto ti viene corrisposto per ogni kwh, il vantaggio che noi in agricoltura abbiamo è che fino a 200kwp non dobiamo pagare tasse sul reddito, se l'impianto lo fai sul capannone il reddito vale quello catastale che già paghi, sul capannone, sul terreno ecc. pegherai solo l'iva sulla vendita a seconda del regime che già hai

sulle garanzie non c'è scritto che dopo dieci anno rende il 90%, c'è scritto che non può scendere sotto il 90% nessuno può sapere con estrema certezza quanto calo di rendimento si avrà a 10 o 20anni, ma si possono comunque prendere per buoni questi parametri e in un piano economico fatto bene vengono valutati. le spese di assicurazione sarebbe meglio spenderle una tantum, cioè pagarle tutte assieme, si avrà un notevole sconto, e chiederle o all'intallatore o alla banca che finanzia, cio permette di pagare l'iva al 10% e di spalmare poi l'importo per la durata del finanziamento

per il contributo lascerei perdere.... a queste condizione o vai in regime entro il 31/12/2010 o quanto discusso fino ad ora non avrà più un senso, dal primo gennaio 2011 tutto sarà diverso, non si sa ancora ma si avrà un drastico (si ipotizza 20/25%) calo dell'incentivo e a quel punto si che diventa antieconomico...dall'idea che ho io è un treno da prendere in corsa subito e io cercherò di prenderlo

 

..............................

 

comunque il piano economico fattelo fare con i valori dell'insolazione dell'enea più bassi, non medi, così non dovresti avere brutte sorprese.

ho avuto modo di parlare con chi ha impianti all'attivo da più di un anno, dai 3kwp fino ai 200kwp e nella quasi totalità la produzione ha superato le attese, ciò significa che una persona seria che ti fa il piano economico ha già valutato questo elemento

Edited by puntoluce
unione messaggi consecutivi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora, da quel che so io le previsioni di produzione vengono fatte prendendo la meddia di tutti i panelli in giro.

Visto che ci sono prodotti buoni e meno buoni la differenza sicuramente c'è.

Pero io ho preso in considerazione due panelli di qualità alta dunque non dovrei aver sorprese.

Per il calo di produzione è inevitabile che ci sia.

Questo lo dicono tutti, vabbe se ti dicono che non può essere inferiore dell'80 sarà superiore ma sicuramente c'è.

E poi voglio vedere come si fa a stabilire che questo valore è stato superato, ma......

Per lo scambio sul posto io l'ho capito in maniera un po diversa.

Teniamo per buono che l'energia prodotta in un anno la consuma tutta, questa verrà utilizzata sia di giorno che di notte.

Quella che produco in più di giorno la do all'ENEL e mi viene pagata dal GSE a 0,14 0,15(ma il prezzo nessuno lo sa dire), e la si va ad acquistare durante la notte a 0,18 accise a parte ovviamente.

Dunque non è vero che se in un anno produco 20000KW e consumo 20000 la mia bolletta sarà 0.

intendiamoci non sono contro all'investimento ma è estremamente complicato, e voglio capire se veramente sia conveniente o meno.

Sicuramente non si farà una fortuna ma se quel che prendo devo portarlo in banca per 10 anni o più per poi trovarmi un impianto che produce meno e il contributo che mi danno(sempre che melo diano ancora) a la meta del potere di acquisto di adesso dove corro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

le previsioni di decadimento sono prese del modello in cosiderazione, mentre quelle dell'insolazione media sono date dai rilievi dell'enea a seconda della zona.

in 20 anni il potere d'acquisto cala, ma il finanziamento è fisso quindi hai una rendita che si svaluta, ma sempre qualcosa sarà.

il calo di rendimento lo puoi dedurre misurando la corrente prodotta e l'irraggiamento che colpisce il pannello

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fin per carità non sto dicendo che ci si rimetta ma volevo valutare se c'è tutta questa convenienza che si sente in questo periodo.

Secondo m'è ci sono molte varianti che possono fare la differenza e prima di tutto il prezzo.

Nella pagina precedente ho visto 2400 euro per KW sinceramente il prezzo è buono, però l'impianto è altrettanto?

Io ho fatto preventivi con 2 aziende una usa Mage solar e danno 12 anni di garanzia al 90% e 30 a 80 e a tolleranze -0%+5% e inverter SMA con garanzia di 20 anni e quest'ultima la consiglio perché mi han detto che non è difficile che dopo 10 anni l'inverter parta.

La seconda è SolarWorld anche lei ha ottime referenze garanzia lineare e la 3° al mondo sul sito della Enf.

Però Come prezzi faccio fatica ad arrivare a 3500euro al KW.

Fin per carità verrebbe un buon impianto tutti mi dicono che mi posso aspettare qualche punto in più di produzione ma a conti fatti mi sembra caro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

3500€ se ivato per 20 kwp è già un buon prezzo, le garanzie sono buone...2400 non credo proprio so ottenga nemmeno col più scadente che esista sulla terra......non esiste proprio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...