Jump to content

Tecniche di taglio - Tecniche di abbattimento


Recommended Posts

Guardate spesso mi capita di pizzicare la catena come posso evitare questo problema? ma sicuramente voi siete più esperti)

 

Cosa intendi per " pizzicare" che la catena è aggressiva nel taglio e tende a strattonare?

Link to post
Share on other sites
  • Replies 53
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

qui siamo all'ABC dell'utilizzo di una motosega. la catena (e la lama) ti rimane pizzicata dentro dato che tagliando il baricentro del peso del tronco si sposta man mano che asporti segatura (che poi è legno) procedendo nel taglio. per evitare che ciò accada devi sempre calcolare in che modo si muoverà il legno man mano che lo incidi. se ad esempio devi tagliare un tronco abbattuto che appoggia a terra per le estremità dovrai fare una piccola incisione da sopra e poi partire con il taglio vero e proprio da sotto poichè le due parti del tronco, dato che ciascuna appoggia, tenderanno a liberare spazio verso il basso e chiuderlo in alto.

questo è solo un esempio...in ogni caso si tratta di semplici calcoli di fisica elementare.

l'esempio che ti ho fatto te lo ho anche disegnato:

http://i34.servimg.com/u/f34/15/44/24/69/immagi14.jpg

 

immagi14.jpg

Edited by peppone69
Link to post
Share on other sites

bè 6500 landini, non so se potrà consolarti, ma all'iniziola catena la pizzicavo molto spesso pure io( un pò l'inesperienza, un pò quel [email protected]@o di mts mcculloch con tendicatena rapidoi che mi ritrovavo, con 0 potenza e la barra che si slentava in continuazione..) comunque con un pò di esperienza vedrai che ben presto imparerai pure tu, sbagliando s'impara..ciao

Link to post
Share on other sites
qui siamo all'ABC dell'utilizzo di una motosega. la catena (e la lama) ti rimane pizzicata dentro dato che tagliando il baricentro del peso del tronco si sposta man mano che asporti segatura (che poi è legno) procedendo nel taglio. per evitare che ciò accada devi sempre calcolare in che modo si muoverà il legno man mano che lo incidi. se ad esempio devi tagliare un tronco abbattuto che appoggia a terra per le estremità dovrai fare una piccola incisione da sopra e poi partire con il taglio vero e proprio da sotto poichè le due parti del tronco, dato che ciascuna appoggia, tenderanno a liberare spazio verso il basso e chiuderlo in alto.

questo è solo un esempio...in ogni caso si tratta di semplici calcoli di fisica elementare.

l'esempio che ti ho fatto te lo ho anche disegnato:

http://i34.servimg.com/u/f34/15/44/24/69/immagi14.jpg

 

Grazie mille! Lo so infatti man mano che la uso imparo.... Dopo un pò spero che mi venga automatico e ora invece devo pensarci su...

Grazie mille

Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Ciao a tutti,

siccome i disegni a volte sono più esplicativi delle parole (vedi esempio di Peppone)...segnalo queste pagine che ritengo tra le più esplicative:

 

L'Informatore Agricolo - L'Informateur Agricole

COME PROCEDERE ALL'ABBATTIMENTO

http://www.stihl.de/safety_manuals/it/motorsaege_italienisch.pdf (STIHL se non è considerata pubblicità ma è ben spiegato)

http://www.comune.alessandria.it/flex/cm/pages/.../D.../BLOB%3AID%3D110

 

Per i principianti come il sottoscritto potrebbero essere utili..mentre per i più esperti magari spunto per qualche critica o suggerimento. Ciao a tutti e grazie veramente per le idee e disponibilità.

Link to post
Share on other sites

Tutti suggerimenti giusti e da seguire, resta il fatto che non si tagliano sempre pini privi di rami bassi ed in pianura, vorrei vedere gli stessi professori a tagliare una quercia dentro una scarpata.

Comunque tutto giusto e vero.

Link to post
Share on other sites
Ciao a tutti,

siccome i disegni a volte sono più esplicativi delle parole (vedi esempio di Peppone)...segnalo queste pagine che ritengo tra le più esplicative:

 

L'Informatore Agricolo - L'Informateur Agricole

COME PROCEDERE ALL'ABBATTIMENTO

http://www.stihl.de/safety_manuals/it/motorsaege_italienisch.pdf (STIHL se non è considerata pubblicità ma è ben spiegato)

http://www.comune.alessandria.it/flex/cm/pages/.../D.../BLOB%3AID%3D110

 

Per i principianti come il sottoscritto potrebbero essere utili..mentre per i più esperti magari spunto per qualche critica o suggerimento. Ciao a tutti e grazie veramente per le idee e disponibilità.

 

ti ringrazio noce&ciligio.

un paio di questi link mancavano alla raccolta di manuali di sicurezza che ho sul mio sito e pertanto ho approfittato per inserirli. :)

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...
  • 3 weeks later...

Buongiorno.

 

Tagliando delle acacie di ø40cm,quando la pianta cade e mancano 3-4 metri dalla cima al terreno,mi capita che il tronco si spacchi a meta',dalla tacca di direzione per circa 1 metro .

 

Ho provato a cambiare qualche accorgimento,come lo spessore delle cerniere,la distanza del taglio di abbattimento rispetto alla tacca di direzione,ma qualche volta mi succede lo stesso.

Opinioni,critiche,suggerimenti,chi piu' ne ha piu' ne dica,grazie.

Link to post
Share on other sites
Buongiorno.

 

Tagliando delle acacie di ø40cm,quando la pianta cade e mancano 3-4 metri dalla cima al terreno,mi capita che il tronco si spacchi a meta',dalla tacca di direzione per circa 1 metro .

 

Ho provato a cambiare qualche accorgimento,come lo spessore delle cerniere,la distanza del taglio di abbattimento rispetto alla tacca di direzione,ma qualche volta mi succede lo stesso.

Opinioni,critiche,suggerimenti,chi piu' ne ha piu' ne dica,grazie.

molto dipende dalle fibre dell'albero che stai tagliando io di solito su alberi di una certa dimensione faccio la tecnica del taglio a tuffo cosi le fibre della pianta si tagliano e non si spacca in due il tronco
Link to post
Share on other sites

io con le acacie faccio la tacca di direzione piu profonda invece di farla di circa un quinto del diametro la faccio di circa 2 quinti,se poi pende gia leggermente verso la direzione che voglio farla cadere faccio la tacca fino quasi a meta,(una specie di abbattimento a tacco profonda da farsi solitamente quando lalbero é fortemente inclinato),in questo modo non mi si spaccano quasi mai...

Link to post
Share on other sites
io con le acacie faccio la tacca di direzione piu profonda invece di farla di circa un quinto del diametro la faccio di circa 2 quinti,se poi pende gia leggermente verso la direzione che voglio farla cadere faccio la tacca fino quasi a meta,(una specie di abbattimento a tacco profonda da farsi solitamente quando lalbero é fortemente inclinato),in questo modo non mi si spaccano quasi mai...

a quel punto fai meglio e prima a fare il taglio al cuore e vedrai che non ti si spaccano di sicuro:)

Link to post
Share on other sites
  • 4 years later...

Domanda , anche se forse non è l'argomento giusto.

 

L'ultima neve , ha fatto dei gravi danni in tutta la mia zona e oltre.....comunque nel mio bosco che sto tagliando , ho notato che mi ha rotto qualche matricina in qua e in la..

In alcune ha rotto solo la punta altre proprio le ha sradicate....

 

Cosa devo fare? Quelle rotte abbastanza posso tagliarle?

Perchè avevo sentito dire che si dovevano lasciare anche se rotte , perchè almeno se viene un controllo vedono che le avevo lasciate... ma non so se sono voci verietiere o meno..

Link to post
Share on other sites
Domanda , anche se forse non è l'argomento giusto.

 

L'ultima neve , ha fatto dei gravi danni in tutta la mia zona e oltre.....comunque nel mio bosco che sto tagliando , ho notato che mi ha rotto qualche matricina in qua e in la..

In alcune ha rotto solo la punta altre proprio le ha sradicate....

 

Cosa devo fare? Quelle rotte abbastanza posso tagliarle?

Perchè avevo sentito dire che si dovevano lasciare anche se rotte , perchè almeno se viene un controllo vedono che le avevo lasciate... ma non so se sono voci verietiere o meno..

 

Guarda io ti posso parlare per la mia zona...l'anno scorso ha fatto un gelicidio terribile ed ora il bosco è tutto spaccato...

La forestale mi ha detto di tagliare tutto ciò che è rotto e di lasciare quelli che hanno ancora dei rami "decenti" in modo che si torni a formare una chioma...Comunque da me si taglia minimo il 50% in più di quello che si dovrebbe tagliare appunto per il motivo del gelicidio...

 

Proprio oggi sono stato a ripulire un bosco prima di tagliarlo perchè non si cammina nemmeno dal groviglio di rami e tronchi che non a terra...

Link to post
Share on other sites
.....comunque nel mio bosco che sto tagliando , ho notato che mi ha rotto qualche matricina in qua e in la..

In alcune ha rotto solo la punta altre proprio le ha sradicate....

 

Cosa devo fare? Quelle rotte abbastanza posso tagliarle?

Chiedi prima alla forestale o comunque agli organi competenti per il tuo caso: se ti danno l'ok tutto bene, magari vengono a dare un'occhiata "preventiva". Se invece tagli senza aver chiesto, poi se ti fanno una contestazione :AAAAH: come fai a dimostrare che hai tagliato piante già danneggiate e non sane?

Link to post
Share on other sites

Concordo, prima chiedi, ti costa poco e stai tranquillo..Oltretutto sarebbe sempre buona cosa segnalare situazioni "particolari" in bosco, spesso chi li gestisce non può controllare tutto e le segnalazioni sono utili per avere un quadro più preciso..

Link to post
Share on other sites

Ciao, ti conviene sempre chiedere alla forestale e al Dott. Forestale che avrà fatto un piano di taglio sul bosco interessato......di solito vengono lasciate, ma dipende sempre dalla composizione del bosco.....cioè: Che tipo di piante sono? che tipo di terreno è (scosceso, pianura)?

Link to post
Share on other sites

Io personalmente non ho ancora chiesto, ma l anno scorso a un amico dissero che le matricine rotte dovevano lasciarle li per fare vedere che le avevano lasciate (magari rotte con la caduta di un altro albero ) , quest anno ad un altro han detto di tagliare quelle rotte dalla neve... Quindi chiedevo altri pareri! Intanto le lascio li, a tagliare c'è sempre tempo, a riattaccarle no :asd:

Link to post
Share on other sites
  • 4 months later...

ciao, spero che questa sia la sezione giusta, volevo chiedere qual è il regolamento per tagliare dei rami di quercia nel mio campo, non tutta la pianta ma solo i rami più bassi che ostacolano il passaggio con il trattore o la mietitrebbia. ho chiesto stamattina alla forestale e in comune ma non ho ricevuto risposte chiare. in comune mi hanno detto che devo presentare una domanda pagando circa 25 euro, mentre la forestale mi ha detto che per dei rami piccoli "non ci dovrebbero essere problemi". grazie per i chiarimenti.

Link to post
Share on other sites

Se i rami sono nel tuo campo non vedo il problema, tagliali se ostacolano il passaggio, altrimenti anziché pagare il comune per tagliarli, gli mandi una raccomandata per incuria, ostacolo al passaggio e visuale, oltre a poter causare danni sui mezzi operanti nella tua proprietà

Link to post
Share on other sites

la pianta si trova sulla mia proprietà, non ci sono problemi in quel senso, però quello che intendevo è che avevo paura ci fossero problemi in quanto la quercia è "pianta protetta" o cose del genere. cioè nel senso che non è come tagliare un pioppo. perlomeno questo è quello che si dice dalle mie parti, o sbaglio?

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...