Vai al contenuto
masseyharris

Trattori Massey Ferguson

Messaggi raccomandati

Apro un thread su cui discutere di tutte le serie MF del trentennio passato (visto che in giro non ce ne sono molti..:asd:) eccezion fatta per i modelli più recenti, per i quali sono aperte discussioni specifiche per serie.

 

Con tutto rispetto Massey Harris, mio zio aveva un 3690 e un 6120, entrambi con cambio Gima, ma oltre al cambio hanno avuto tanti ma tanti altri problemi... Tant'è che mio zio dice sempre che qualsiasi cosa marchiata Massey Ferguson non entrerà mai più a casa sua, per quanto secondo me ultimamente fabbricano ottime macchine. Io non ci vedo tutta questa supremazia sui cambi Same. Tra l'altro il 6120 è stato venduto a 1300 h circa perchè non ne voleva sapere più di camminare, ogni tanto se schiacciavi la frizione si fermava e poi non ripartiva più. Fatto sta che ha dovuto dar via un trattore quasi nuovo dalla disperazione.

 

Caro Simone, non metto in dubbio i problemi avuti da tuo zio e ti dico sinceramente che se fossero capitati anche a me, avrei bandito quel marchio a vita dalla mia azienda.

 

Volendo però analizzare, per quel che possibile, le macchine da te tirate in ballo, desidero fare alcune precisazioni:

 

-Il MF 3690 fù l'evoluzione del poco riuscito MF 3680 (top di gamma della serie 3600 con 180cv) commercializzato per un solo anno (dal 1989 al 1990). Proprio nel 1990 (presumibilmente nel secondo semestre) la MF è corsa ai ripari lanciando sul mercato il modello 3690 (da 190cv), naturalmente la miglioria è consistita non tanto nell'incremento di potenza quanto nel ridimensionamento della parte posteriore (in particolare del differenziale posteriore ed annessi riduttori) della macchina.

Dall'uscita di questo nuovo modello, grosse noie a livello di meccanica pesante quale appunto trasmissione e ponte posteriore, non se ne sono riscontrate, se non in maniera "fisiologica" come può succedere a tutte le macchine, a prescindere da marca e modello. Esempio ne è il 3690 di tuo zio che, a quanto pare, ha avuto di questi problemi.

Al contrario all'interno del forum, abbiamo l'utente Gallo88 felice possessore di un 3690 con all'attivo circa 6000 ore (di aratura e trasporti) e nessun problema degno di nota.

 

-Per quanto riguarda il MF 6120 e tutta la serie 6100 in particolare, c'è da fare una diversa precisazione. Tale serie era dotata del famoso cambio Dynashift 32+32 (4 rapporti sotto carico) con frizione centrale multidisco a bagno d'olio ed inversore elettroidraulico al volante. Proprio quest'ultimo elemento era la vera e propria nota dolente dell'intera serie... Infatti la centralina che gestiva il meccanismo di azionamento del senso di marcia era difettoso. Dopo qualche tempo fù sostituita da una centralina modificata (della BOSCH), ma anche in questo caso, se l'inversore veniva usato molto di frequente, creava problemi molto simili a quelli del 6120 di tuo zio, come il non funzionamento dello stacco-frizione.

Il tutto veniva risolto, PURTROPPO, con la sostituzione dell'inversore elettroidraulico con quello meccanico, sincronizzato sì, ma pur sempre meccanico.

Mi vien da pensare, ma questa è una mia semplice quanto contestabile riflessione, che anche l'assistenza delle macchine di tuo zio non sia stata eccellente, proprio perchè la serie 6100-8100 non è mai stata afflitta da particolari problemi, ripeto soprattutto di meccanica pesante.

Modificato da masseyharris

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Massey Harris, per quanto riguarda il 3690 posso dirti che si è rotto quasi tutto fuorchè i riduttori posteriori, ha fuso anche il motore prima delle 7000 h. Però ragzzi che motore, era impressionante, un motore del genere non l'ho più provato.

Difatti prima che gli consegnassero il trattore nuovo, gli hanno allentato il cavo del gas per paura che rompesse di nuovo.

 

Per quanto riguarda il 6120, il problema non credo sia da imputare all'assistenza, in quanto il cambio è stato smontato tutto dal meccanico insieme ai tecnici MF. Ma il problema non fu mai risolto, e da qui la sostituzione.

Comunque purtroppo qui in zona nemmeno gli 8160 ha una gran fama, specie per il ponte davanti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Simone a questo punto, per quanto riguarda il 3690, credo proprio si tratti della classica "macchina sfigata", anche e soprattutto perchè il 7,4cc Sisu Valmet non è stato certo un fiasco di motore, anzi..... come affidabilità e prestazioni è sempre stato al top del top.

Per cui sciogliersi a meno di 7000 ore:AAAAH::AAAAH:... è quanto dire.

Ripeto, di 3690 ne conosco e anche all'interno del forum ci sono possessori di tale macchina che ci lavorano senza tanti problemi.

Proprio oggi mi è venuto in mente l'amico Cailetto, con il quale ebbi il piacere di parlare ormai un anno fà in occasione del Dyna tour di Gaida. Lui mi disse di aver acquistato, come prima macchina MF, un 3690 nel lontano '93 al quale successivamente si sono aggiunti un 8170, 8280, 8480 e in ultimo, nemmeno un anno fà, l'8690.

Da precisare che molte di queste macchine, sono tutt'ora in azienda e perfettamente operanti. E dato il parco macchine (ma questa è una mia riflessione) non credo che il buon Cailetto abbia una mole di lavoro tanto inferiore alla Terratech....... e anche questo è quanto dire.:AAAAH::AAAAH:

 

Per quanto riguarda il 6120, dalle tue parole mi convinco ancora di più che il vero problema sia dovuto alla pessima assistenza da parte dei meccanici e tecnici MF..... per quanto grave e complicato fosse il problema, resta sempre un trattore non certo una navicella spaziale, e se non sono riusciti a risolverlo smontandolo pezzo per pezzo..... bè, io traggo questa conclusione.

 

In ultimo, parli di problemi accusati anche da trattrici 8160. Dunque anche qui c'è da fare una precisazione: tale macchina accreditata di 200cv montava un assale anteriore di fattura Dana modello AG 200. Al contrario dei fratelli minori ( 8110-8120-8140-8150) che invece montavano il modello più piccolo (sempre Dana) AG 155.

Un mio conoscente possiede un 8150 (180cv) con circa 15000 ore di aratura e ripuntatura ed ha avuto come unico problema la rottura di un ingranaggio nella ruota anteriore destra, ma il ponte in sè non ha mai dato rogne.

Ora, poiche l'8160 è praticamente identico all'8150, con l'unica differenza del ponte anteriore maggiorato e del motore da 7,4 litri (anzicchè 6,6), a meno che non sia l'aria delle tue parti, credo proprio che problemi simili non se ne siano mai riscontrati in maniera tanto frequente, se non nella normale percentuale che, come ho già detto in passato, può affliggere tutti i mezzi, di tutte le marche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho avuto un MF 130 35 cv negli anni 70. Una macchina come si dice senza infamia e senza lode. Lo prendemmo per provare anche il MF. Fu l'unico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Io ho avuto un MF 130 35 cv negli anni 70.Fu l'unico

 

 

Non mi fa pensare che tu sia tanto propenso verso questo marchio....:asd::asd:

 

 

 

A parte tutto che mi dite del 4255 il modello non col muso spiovente,quello prima......

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dato che Alessio lo richiede, butto giù qualche info su questa serie MF.

 

Assieme alla più evoluta 4300, la serie MF 4200 è stata una delle ultime ad essere costruita negli stabilimenti inglesi di MF (Coventry se non ricordo male). Da quando uscì di produzione la serie 4300, nel 2003, tale stabilimento venne chiuso e la produzione di trattrici agricole fu interamente spostata a Beauvais, in Francia, storico stabilimento del marchio.

La 4200 uscì nel 1997 e fù evoluzione della precedente serie 300 (dal 342 al 399) anch'essa costruita in Inghilterra.

Questa nuova serie comprendeva 6 nuovi modelli, a 4 e 6 cilindri turbo e aspirati, tutti motorizzati Perkins (4,41 - 1004T - 1006):

 

4225 65cv 4cil.

4235 75cv 4cil.

4245 85cv 4cil. Turbo

4255 95cv 4cil. Turbo

4260 100cv 6cil.

4270 110cv 6cil.

 

Macchine oneste, semplici ma robuste, erano disponibili con due tipi di trasmissioni: la prima e più semplice 12+12 completamente meccanica e sincronizzata; la seconda 18+6 aveva la mezza marcia "Speedshift".

Frizione a secco con rivestimento cerametallico, dunque non il massimo per l'utilizzo con caricatore frontale, ma era pur sempre una serie economica...

Possibilità anche di superriduttore da 370 m\h.

Nel 2000 questa serie subì un aggiornamento di sostanza con l'introduzione di una nuova trasmissione Speedshift 24+24 dotata anch'essa di mezza marcia. Assieme a questa trasmissione era disponibile un nuovo inversore di tipo elettroidraulico, che permetteva (l'unico sul mercato fino a quel momento) di regolare manualmente la sensibilità dello stesso ruotando una piccola manopola (+ dolce o + aggressivo). Tale dispositivo era denominato Comfort Control.

Sempre in quell'anno venne reso disponibile anche il sollevatore elettronico con sistema di smorzamento dei sobbalzi ELC.

La cabina era dotata di buona visibilità anche se lo scarico posto centralmente sul muso certo non aiutava, con la serie 4300 venne messo lateralmente.

Quest'ultima fù lanciata nel 2002 ed aggiungeva, ai 6 modelli precedenti, due nuovi motorizzati 3 cilindri, sempre Perkins:

 

4315 52cv 3cil.

4320 60cv 3cil. Turbo

4325 65cv 4cil.

4335 75cv 4cil.

4345 85cv 4cil. Turbo

4355 95cv 4cil. Turbo

4360 100cv 6cil.

4370 110cv 6cil. Turbo

 

L'ultimo modello, il 4370, venne dotato di turbocompressore, ma tutti i modelli in generale subirono lievi incrementi di coppia.

Le trasmissioni disponibili furono le stesse della serie precedente: per i modelli a 3 cilindri c'era la 12+12, per tutti gli altri invece era possibile avere la 18+6 oppure, ma questa solo dal modello 4345 in poi, la 24+24.

La vera innovazione di questa serie era ritrovabile in cabina: la leva del cambio non era più quella spartana e lunghissima che partiva dal fondo della cabina, ma venne situata nella parte anteriore del cruscotto destro, così come sui modelli 6200-8200, di più facile utilizzo e dotata di pulsante per la mezza marcia. In generale tutti i comandi (distributori, sollevatore, pdf, ecc.) vennero ridisposti in maniera più ergonomica, riflettendo la disposizione precedentemente utilizzata sui modelli 6100-8100 e successivi.

Nel 2002 venne lanciato un nuovo modello 4 cilindri Turbo da 106cv, il 4365..... il perchè del lancio di quest'ultimo modello resta un mistero, in quanto la fabbrica chiuse proprio nel 2002 anche se l'intera serie rimase a listino fino al 2003, anno in cui si esaurirono completamente le scorte di produzione.

 

Da precisare che tutti i modelli (ad esclusione dei 6 cilindri) di entrambe le serie, erano disponibili anche in versione Steep Nose (profilo basso).

Ancora... tutti i modelli erano offerti sia a 2 che a 4 ruote motrici.

 

Se le trovo su internet, aggiungo anche qualche foto...

Possessori di tali macchine esistono???? Se sì, sono pregati di farsi avanti..:)

Modificato da masseyharris
apportate correzioni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caro Alessio tu sai bene che nel veronese una volta, erano solo ferguson e ford che giravano. Il ferguson poteva fare molte ore, il doppio del ford; ma come tiro lasciava a desiderare e non poco.

A mio avviso il 135 è stata una buona macchina che poteva competere con il ford 3000 ma già il MF 165 non aveva nulla a che fare con il 4000 ford. Comunque il MF è sempre una macchina che piace. Proprio domenica guardavo SUBITO.it e in Lombardia vendevano un MF non ricordo la sigla era del 2004 aveva 190 cv c'era però una postilla " HA IL CAMBIO CHE ZOPPICA" il tutto in vendita per 5500 euro. Un 140 cv che visionai l'altro anno in una concessionaria qui vicino anche lui aveva il cambio che "zoppicava" Che dire saranno serie nate male. Per essere equi è come la serie 600 del Ford

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

I ford degli anni che intendi tu Alfieri come motore erano nettamente superiori al MF e te lo dice uno che i genitori hanno cambiato un 3600 per un 154....però il ford stava più ore in officina che in campo,per non parlare della dt su cui calo un velo pietoso,ancora oggi i miei si innervosiscono quando si va sull'argomento.....ho sentito di molti che si lamentano dei cambi dei mf dicamo anni 90/96 (ad occhio) sopratutto su inversore elettroidraulico e cambi elottronizzati....

 

Comunque anche tutt'ora i trattori son acora rossi e blu a girare nel veronese:asd::asd:

 

 

Harris sei sicuro che il 4255 sia 4,4 litri? e non 4,1?parlo sempre della prima serie(anno 97)lo ha un mio conoscente non è particolarmente contento sopratutto per quanto riguarda l'elettrica/elettronica.....P.S. sai il peso di questa macchina,scarica da zavorre possibilmente.....grazie

Modificato da Alessio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il ferguson poteva fare molte ore, il doppio del ford; ma come tiro lasciava a desiderare e non poco.

 

Non sono d'accordo.... MF ha sempre costruito, e lo fà tutt'ora, macchine che come tiro hanno ben pochi rivali, nelle rispettive fascie di potenza.

 

A mio avviso il 135 è stata una buona macchina che poteva competere con il ford 3000 ma già il MF 165 non aveva nulla a che fare con il 4000 ford.

 

Dunque, il 165 MF e il 4000 Ford sono entrambe macchine di fine anni '60 (:AAAAH::AAAAH::AAAAH:), entrambe da circa 60cv, entrambe 2 ruote motrici. Hanno addirittura un cambio molto simile (8+2) ed un peso che, sempre per entrambe, si aggira intorno ai 22 q.li. Ora l'unica differenza di rilievo, risiede nel motore, 4 cilindri Perkins per il Massey contro il 3 cilindri del Ford..... tuttavia, come prestazioni sono abbastanza equivalenti.

Detto questo, mi dici dove la vedi tutta questa differenza di prestazioni tra le due macchine???

 

Proprio domenica guardavo SUBITO.it e in Lombardia vendevano un MF non ricordo la sigla era del 2004 aveva 190 cv c'era però una postilla " HA IL CAMBIO CHE ZOPPICA" il tutto in vendita per 5500 euro. Un 140 cv che visionai l'altro anno in una concessionaria qui vicino anche lui aveva il cambio che "zoppicava" Che dire saranno serie nate male. Per essere equi è come la serie 600 del Ford

 

Queste, caro Alfieri, assomigliano tanto a quelle famose chiacchiere da bar che, e sono certo che anche tu converrai, lasciano il tempo che trovano...

Chiarisco che non metto assolutamente in dubbio la tua buona fede, ma chiunque potrebbe venir qui e raccontare di aver visto un MF con cambio sfarinato, un altro con la cabina saltata in aria, uno addirittura col motore boxer:asd::asd:, ecc..ecc..

Sarebbe più costruttivo (e anche più credibile) riportare esperienze dirette (se si possiedono tali mezzi) o le parole di parenti\amici\conoscenti possessori..... e anche allora sarebbero da prender con le pinze.:rolleyes:

 

@ Alessio: le sigle 4,41 - 1004T - 1006 che ho riportato sopra non rappresentano la cubatura esatta dei propulsori ma sono soltanto i nomi\modelli, di quest'ultimi.

Come ben ricordi, il 4255 monta il 4 litri Turbo (modello 1004T) inglese da 95cv.

Secondo i dati del Nebraska, la macchina (completamente scarica di carburante e zavorre) pesa all'incirca 39 q.li, gommata 420/70 R28 - 18.4 R38.

Che problemi ha avuto il tuo amico? Di che anno è la macchina?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io ho avuto un 4355 ma sbaglio o aveva 100 e non 95 cavali?!? sicuramente una macchine semplice e funzionale con una buona disposizione dei comandi, qualche quintale in più potrebbe essere stato utile, per quel pò che l'ho usato mi era piaciuto e non ha avuto problemi...unica pecca MALEDETTI GLI INGLESI....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Guarda Massey per quanto riguarda il tiro del 4000 bisogna che prima ne provi uno e poi se ne parla. Io avevo il mio vicino con il 165 e gli davo delle batoste che ancora se le ricorda. Per quanto riguarda l'altro discorso come dico sempre "Ogni scarrafone è bello a mamma sua" Quindi io mi tengo il Ford e tu il ferguson.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Le trasmissioni disponibili furono le stesse della serie precedente: per i modelli a 3 cilindri c'era la 12+12, per tutti gli altri invece era possibile avere la 18+6 oppure, ma questa solo dal modello 4345 in poi, la 24+24.

La vera innovazione di questa serie era ritrovabile in cabina: la leva del cambio non era più quella spartana e lunghissima che partiva dal fondo della cabina, ma venne situata nella parte anteriore del cruscotto destro, così come sui modelli 6200-8200, di più facile utilizzo e dotata di pulsante per il cambio gamma (lenta\veloce). In generale tutti i comandi (distributori, sollevatore, pdf, ecc.) vennero ridisposti in maniera più ergonomica, riflettendo la disposizione precedentemente utilizzata sui modelli 6100-8100 e successivi.)

 

Il 4345 non l'ho mai avuto ma ci ho fatto su un centinaio di ore se non più, versione con muso spiovente, dt, il cambio era il 24+24 powershuttle di cui si può tranquillamente elogiare l'inversore che ha anche la regolazione dell'aggressivita (un piccolo potenziometro sotto il comando), ma per favore non mi sembra il caso di elogiare il cambio che è una cosa abominevole, infatti il pulsante serviva per la mezza marcia mentre per cambiare gamma bisogna togliere la marcia, spostarla sul selettore + o - che fa inserire la gamma superiore o inferiore (a questo punto nel cruscotto viene segnalata che gamma è inserita) e rimettere la marcia...una roba che se sei sotto carico fai dei metri in folle prima di riuscire a ripartire...e quando ci riesci, non è da dire che il Perkins di cui era dotato facesse scintille, tutt'altro...

Altri problemi, diversi guai elettronici, un cambio nuovo (colpa del fatto che si è andati a cercare un qualcosina di troppo dal motore), la chitarra posteriore destra spezzata a metà dopo una campagna di semina con gemellatura... però in 15 giorni senza mettere fretta è arrivato il ricambio, tutto questo prima delle 5000 ore.

Grandissimo ed unico vero pregio la cabina, veramente ben studiata come ergonomicità e rumorosità, risulta un trattore con una comodità che ancora oggi alcuni 150 cv si sognano, figurarsi quelli di pari fascia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah allora ricordavo bene che il pulsantino sul cambio fungeva da mezza marcia e non da cambio gamma!!:azz: Sono salito su un paio di modelli serie 4300 una decina di anni fà però avevo un dubbio su cosa facesse il pulsante quindi ho dato un'occhiata al depliant e metteva "pulsante per il cambio gamma lenta\veloce"......dannati depliant!!!!

Comunque per tornare al discorso, io non lo vedo così aberrante il cambio (ma non l'ho neppure elogiato)..... infatti era praticamente composto da 3 gamme (bassa, media, alta) ognuna con 4 marce + altrettante mezze marce. La gamma "bassa" andava da 0 a poco più di 4Km\h, la "media" arrivava a circa 15Km\h, la "alta" fino a 40Km\h. Chiaramente poichè la leva del cambio era unica, con quella facevi tutto sia il cambio gamma che il cambio marce (e grazie al pulsantino la mezza marcia). Come hai detto giustamente per passare (ad esempio) dalla bassa alla media, spostavi la leva sulla parte +\- davi la leva in avanti (+) e il cruscotto segnalava l'avvenuto cambio gamma, per cui poi rimettevi la marcia e continuavi a camminare........ Certo a dirlo sembra chissà che ma una volta fatta la mano credo sia una cosa abbastanza naturale....... per un NON POWERSHIFT!

Se sei sotto carico oppure esci dal campo per viaggiare su strada è chiaro che ti fermi, metti la gamma "alta" e vai....... non certo puoi fare tutto in avanzamento come se avessi un Dyna4\6.

 

@Alfieri: siamo d'accordo!:):n2mu:

 

@mattia3645: guarda il 4355 era 95cv DIN (turbo), ora non sò se ti hanno detto che ne avesse 100 riferendosi alla normativa ISO, ma la potenza reale (DIN appunto) riportata dai depliant è quella (95).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sono sempre stato convinto fosse 100...vabbe...rispetto al 5455 che ho adesso ( prima serie) il cambio del 4300 era più morbido anche se su quello nuovo per il cambio gamma ho il bottoncino non dico che ti devi fermare ma quasi se no senti qualche grattata e la folle la devi mettere comunque...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guarda Massey per quanto riguarda il tiro del 4000 bisogna che prima ne provi uno e poi se ne parla. Io avevo il mio vicino con il 165 e gli davo delle batoste che ancora se le ricorda. Per quanto riguarda l'altro discorso come dico sempre "Ogni scarrafone è bello a mamma sua" Quindi io mi tengo il Ford e tu il ferguson.

 

...piccolo aneddoto,per non andare troppo fuori argomento,...mooolti anni fa' mio padre,si faceva prestare gli atrezzi da una azienda agricola piu' grande della nostra, che possedeva in gran parte MF,un giorno decise di farsi prestare un erpice rotante,e attaccarlo al fiat 550, il fattore dell'azienda si mise a ridere,perche' attaccava quell'erpice a un 85 cv MF, e sconsiglio' l'operazione,...mio padre punto sul vivo, aggancio' la macchina e comincio' a lavorare....il cortile in ghiaia, visto che non avevano al momento terreno duro a disposizione,....il trattorello da 58 cv tiro' tranquillamente l'erpice,fino a far fumare la frizione di sicurezza,...il fattore smise di ridere all'istante,...e qualche settimana dopo,fecero la loro comparsa 2 nuovi trattori in azienda, un fiat 640, e un fiat 550,...con questo racconto non voglio denigrare i trattori MF, che in generale si comportano onestamente,ma non sono di certo dei riferimenti irraggiungibili, e in piu' occasioni hanno dimostrato qualche piccola lacuna...come del resto la totalita'dei trattori di qualsiasi marca, tipologia e potenza,....:):):)...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

oggi ho preso a noleggio un MF 6120+ripuntatore Angeloni 5dpr.

La macchina ha il contaore con oltre 12000(dodicimila) ore è del 1996, quando ci sono salito volevo guasi rinunciare convinto che avrei solo perso tempo ma poi oramai c'ero sopra.....

Primi metri da panico , frizione indecifrabile e inversore a pulsante sulla leva delle 4 marce powershift..... poi sono arrivato in campo e ho iniziato a lavorare.

Che spettacolo!!!! cinque secondi per regolare il sollevatore-sforzo controllato e poi che motore il perkins turbo canta che è un piacere e le 4 marce sottosforzo ti fanno divertire.

Ripeto non sono mai salito prima su un MF e non sò la storia del trattore e l'affidabilità o meno ma per essere un vecchietto và da dio e ha una gabina che è un'appartamento e funziona pure l'aria condizionata!!!!!per un noleggio è guasi un miracolo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
.............. con questo racconto non voglio denigrare i trattori MF, che in generale si comportano onestamente,ma non sono di certo dei riferimenti irraggiungibili .......................

 

"Sten" sicuramente i trattori MF non hanno mai fatto e non fanno miracoli .....................

Purtroppo però c'è anche da aggiungere che in quegl' anni ed anche per molti anni dopo, mi riferisco all' aneddoto che hai citato quì sopra, (presumo a lume di naso metà anni '70) le prestazioni di tali macchine, erano rese ancor più "oneste" dal fatto che in Italia e ripeto solo in Italia venivano accreditate di potenze non corrispondenti alla realtà, o comunque non allineate ai parametri di riferimento che all' epoca utilizzavano tutti gli altri costruttori anche e sopratutto in Italia.

Tanto per capirci meglio, il parametro di riferimento per tutti in quegli anni ed anche per gli anni a venire, era il Din, mentre MF (o chi per lei) in Italia utilizzava il parametro Cuna.

 

IL trattore MF da 85cv. dell' azienda di cui sopra dato il perieodo sarà stato un MF 188, oppure un 285, oppure un 590, tutte macchine vendute per 85 cv. ma in realtà i cv. Din erano 75.

Adesso sicuramente se in quegl' anni si fossero prese altre macchine da 75 cv. e paragonate in termini di prestazioni ai sopramensionati MF, sicuramente le prestazioni dei Massey sarebbero divenute molto meno "oneste" e probabilmente molto più brillanti.

 

Anche se ne abbiamo già parlato un pò quì ed un pò lì nel forum, mi andava di ricordare una cosa .................. la differenza di cv. tra Din e Cuna, passava da circa 10, come nei casi riportati sopra a circa 20 come nel caso degli MF 2720 divenuto poi 2725 e proseguito con la rivoluzionaria (per l' epoca) serie 3600, col 3650 ................... tutte macchine eroganti una pot. max. Din di 147 cv. e vendute regolrmente in Italia per 165 cv.

Pensa tè che il 3650 non era (parlo delle prestazioni puramente motoristiche) niente di chè, paragonato al Fiat 160-90, al JD 4450 ecc. ecc.,macchine pari epoca, tanto per citarne alcuni ma comunque rispetto a questi si difendeva "onestamene" senza prenderle di sata ragione ................... 147 cv. vs 160 dei rispettivi competitors citati.

 

 

X "mattia 3645" : Ma il 5455 che hai adesso è il primo modello col cambio "spedschift" ( inversore idraulico e mezza marcia) oppure il primo modello ma già col Dyna4 ( come quello di "Toxi82", tanto per capirci) .......................????????

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
oggi ho preso a noleggio un MF 6120...

...... che motore il perkins turbo canta che è un piacere...

 

Riccardo il 6120 (80 cv) monta un Perkins 4 cilindri aspirato (modello 4,41)... Sicuro che fosse quel modello e non magari il 6130 (85cv) o 6140 (90cv) che montano sempre il Perkins 4 cilindri ma con turbina (modello 1004T)???:cheazz:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora per la questione dei cavalli tutte le macchine inglesi o americane dichiaravano la potenza in HP(all'epoca) La ford come la David Brown come la Mc Cormich e come la Ferguson.Infatti cito il caso personale i miei sono in media dichiarati come potenza 10 hp in meno che quella dichiarata sulla Carta di Circolazione .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Allora per la questione dei cavalli tutte le macchine inglesi o americane dichiaravano la potenza in HP(all'epoca) La ford come la David Brown come la Mc Cormich e come la Ferguson.Infatti cito il caso personale i miei sono in media dichiarati come potenza 10 hp in meno che quella dichiarata sulla Carta di Circolazione .

 

 

"Alfieri", non sò cosa tu voglia dire con ciò .....................

Sò soltanto e te lo posso assicurare per esperienza diretta che dagli anni 60 - 70 - 80 - fino ai primi anni 90, MF ed anche Landini di riflesso, venivano commercializzati in Italia e ripeto solo in Italia con potenze diverse dalle reali o Din.

Questo lo puoi riscontrare in qualunque deplian illustrativo di quegli anni riguardanti le suddette macchine riscontrandoli con l' ottimo sito Konedata.net ................. nel quale sono riportate le potenze Din. per l' appunto.

 

Dopodicchè (per fare la cosidetta prova del 9), se vuoi e se puoi rintraccia dei deplian illustrativi sempre riferiti al trentennio scorso di qualunque altra marca : JD, Fiat - Fiat-Agri, S.L.H., Ford, ecc. ecc. e confrontali con le potenze dichiarate sempre su Konedata .................., vedrai che le potenze coincideranno.

Credo d' esser stato abbastanza chiaro ................

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sul cofano c'è scritto 6120 è monta il perkins 6 cil. con circa 120cv turbo , ho terminato il noleggio con ottimi risultati .

Ripuntato a 35-40cm con velocità attorno ai 4.6-5.1 km orari ottima macchina e nessun minimo problema, non avevo mai usato MF ma devo ammettere che sono rimasto stupito.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Riccardo il 120cv MF appartenente alla serie 6100 era il 6180, che montava appunto un 6 cilindri turbo Perkins da 120cv Din.

Il 6120, ripeto, era un 80 cavalli aspirato 4 clindri, sempre Perkins.

Devo supporre che: o hai guidato un 6180 con decalcomanie (adesivi) di un 6120 o hai guidato un 6120 spacciato come 120cv........ ma la seconda supposizione sarebbe decisamente meno realistica (soprattutto considerando l'attrezzo che c'hai attaccato e la velocità che hai mantenuto).:AAAAH:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Io so solo che sul cofano del 175, lo ricordo benissimo, c'era scritto 78hp.

 

 

........................ E non lo metto in dubbio, solo che quelli come ti ho già accennato prima non sono o meglio non erano i cv Din o reali, infatti il MF 175 e il 175s erogavano entrambi una pot. max Din di 66 cv. .................... lo puoi verificare tu stesso sul sito Konedata.net oppure vai da google e sul sito "Annatefka".

 

Io ho diversi Massey, uno per tutti ............. il 3090 acquistato nuovo nell '89, mi è stato venduto per 114 cv., infatti tanti sono i cv. riportati sui deplian italiani riguardanti quella macchina, tanti sono i cv. sul libretto di circolazione ............. ergo per 114 cv. il MF 3090 veniva immatricolato in Italia, ...................... i cv. Din o reali di quella macchina sono 106.

Questo esempio vale per tutte le macchine MF e Landini di quegl' anni, come già ti ho più volte accennato in precedenza, adesso più chiaro di così non riesco ad essere.

Ho anche il Landini 13000, anche per lui la stessa storia .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Riccardo il 120cv MF appartenente alla serie 6100 era il 6180, che montava appunto un 6 cilindri turbo Perkins da 120cv Din.

Il 6120, ripeto, era un 80 cavalli aspirato 4 clindri, sempre Perkins.

Devo supporre che: o hai guidato un 6180 con decalcomanie (adesivi) di un 6120 o hai guidato un 6120 spacciato come 120cv........ ma la seconda supposizione sarebbe decisamente meno realistica (soprattutto considerando l'attrezzo che c'hai attaccato e la velocità che hai mantenuto).:AAAAH:

 

 

Hai ragione sono andato a rivedere bene e quello che pensavo essere un 2 in realtà è un 8 ,quindi confermo di aver usato un 6180 , mi scuso ma la scritta è indecifrabile a colpo d'occhio è pur sempre una macchina del 1996 che penso abbia passato la maggior parte dei suoi anni sotto un tetto di stelle....

Un appunto ma quel pulsante per l'inversore poi la MF lo a tolto nelle versioni successive?

é piuttosto scomodo alla fine lo premevo qualche secondo prima di fare inversione tanto fino a che non si pigia il pedale della frizione e il trattore si ferma non entra, si può usare anche cosi'? è corretto ?

La mia procedura a fine appezzamento era :

1 premere pulsante inversore

2 leva power tutta indietro sul quadro si accende A

3 diminiuzione gas a mano sui 1500 giri

4 alzare sollevamento

5 frizione

6 inversione

7 giù sollevameto

8 gas a palla

9 marce sotto carico fino alla 2-3 difficilmente 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Visitatore
Stai commentando come visitatore. Se sei registrato effettua l'accesso.
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovi formattazione

  Sono ammessi al massimo solo 75 emoticon.

×   Il tuo link è stato automaticamente aggiunto.   Mostrare solo il link di collegamento?

×   Il tuo precedente contenuto è stato ripristinato.   Pulisci l'editor

×   Non è possibile incollare direttamente le immagini. Caricare o inserire immagini da URL.


×