Jump to content
DjRudy

Bioenergie Italiane: reale opportunità per l'agricoltore?

Recommended Posts

Presto aprirò l' argomento dedicato solo a quella coltivazione, anche perchè devo scannerizzare il materiale da vari documenti.

Saluti.

 

Topinambur?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve ragazzi, dunque dopo aver scritto in varie sezioni (forse sbagliate), ad oggi non ho avuto risposta ad un mio problema legato alle biomasse! Venendo al dunque , il mio problema è come poter smaltire/(sfruttare in ottica biomassa se quì si possono allocare) , gli enormi cumuli di fogliame d'olivo prodotti dalla pulitura delle olive prima della macinazione in frantoio ( cappannone pieno) . Si potrebbero sfruttare come cipato o addirittura trasformarli in qualche modo in pellet?? Avendo anche ulivetti si possono miscelare le foglie agli scarti di potatura oppure è meglio trattarli separatamente?? Attendo un vostro prezioso consiglio grazie!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

A mio parere la miglior cosa da fare se si hanno molte potature di olivo, è eliminare i rami grossi e farsi la legna per casa, le ramaglie comprare un trincia adatto e trinciarle tra i filari, poi concimi e lavori il terreno, crei molta più sostanza organica, invece di spendere soldi per ammucchiarle fuori dai filari e poi cippare tutto con una cippatrice.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fare si fa tutto, (va comprata cippatrice e pellettatrice però) ma a mio parere nel caso degli olivi, è meglio trinciare tutto e lasciarle tra i filari a fare sostanza organica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie dj rudy sempre CHIARO. Però scusa se rompo ancora ma quì il caso è quello di avere un frantoio e una mole esagerata di fogliame (in quanto arrivano le olive di tutti i paesi vicini ) insomma non è un impiantino da gnente. A questo punto mi chiedo a quanto dovrebbe amontare (orientativamente) la mole di fogliame (o un equivalente regime di lavoro dell'impianto a cui far corrispondere una certa quantità di fogliame)affinchè torni uttile l'investimenti sui macchinari citati?? ...Tutta questa mia idea nasce dal fatto che quì pellet e relative stufe vanno a gogo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il pellet viene venduto a circa 3-4 € per sacchetto da 15 kg, Vendita Pellet:annunci vendita commercio pellet

 

Per cui per iniziare ad avere un certo business, dovresti lavorare almeno 40-50 Tonnellate di materiale, da cippare e pellettare per iniziare, ad avere un certo ritorno nell'investimento dell'acquisto della cippatrice e della pellettattrice, e poi sicuramente tali quantità dovrebbero andare ad aumentare nel tempo (sempre se riesci a trovare di piazzare tutto questo materiale pellettato).

 

Poi bisognerebbe fare per bene tutti i costi relativi al gasolio che serve per cippare, e pellettare questo materiale, poi chiaramente serve anche una insaccatrice.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Salve ragazzi, dunque dopo aver scritto in varie sezioni (forse sbagliate), ad oggi non ho avuto risposta ad un mio problema legato alle biomasse! Venendo al dunque , il mio problema è come poter smaltire/(sfruttare in ottica biomassa se quì si possono allocare) , gli enormi cumuli di fogliame d'olivo prodotti dalla pulitura delle olive prima della macinazione in frantoio ( cappannone pieno) . Si potrebbero sfruttare come cipato o addirittura trasformarli in qualche modo in pellet?? Avendo anche ulivetti si possono miscelare le foglie agli scarti di potatura oppure è meglio trattarli separatamente?? Attendo un vostro prezioso consiglio grazie!!!!

Per pellettizare dovresti portare l'umidità della biomassa a tenori molto bassi, cosa che per le foglie di olivo è molto difficile. Io ti consiglio di far passare il fogliame in una cippatrice in modo da spezzare le foglie e favorirne la disidratazione e poi mischiare il cippato così ottenuto con dell'altro cippato di legno. Così facendo aumenti il potere calorifico del cippato perchè le foglie sono ricche di cera. Un amico adotta questo metodo per alimentare una caldaia per riscaldare il suo agriturismo completamente da residui di potatura di olivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessante argomento,soprattutto perche sembra essere diventato attuale,da qualche anno a questa parte.

Parlando con un signore,che gestisce un azienda di 500 ha,mi diceva che sono 4 anni che stanno portando avanti la richiesta di mettere un biodigestore in azienda,chiaramete hanno diversi problemi burocratici,ma se riesce ad andare in porto il progetto,tutta l'azienda verra cambiata con culture da biomassa.Loro sostengono,che sia l'alternativa (in soldi)alle culture tradizionali(grano,mais,sorgo)vendute come granella.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Volevo porvi un quesito: nessuno di voi si trova in una condizione tale per cui vuole costruire un impianto di biogas a soli reflui zootecnici, ma trovandosi la propria azienda nella fascia di rispetto dei 500 metri dai centri abitati , il comune gli blocca tutto?

Personalmente mi trovo in questa situazione e purtroppo mi troverò ahimè costretto a desistere nel mio investimento in biogas...

Se qualcuno si fosse trovato nella medesima situazione non esiti a propormi qualsivoglia suggerimento...

Grazie anticipatamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Volevo porvi un quesito: nessuno di voi si trova in una condizione tale per cui vuole costruire un impianto di biogas a soli reflui zootecnici, ma trovandosi la propria azienda nella fascia di rispetto dei 500 metri dai centri abitati , il comune gli blocca tutto?

Personalmente mi trovo in questa situazione e purtroppo mi troverò ahimè costretto a desistere nel mio investimento in biogas...

Se qualcuno si fosse trovato nella medesima situazione non esiti a propormi qualsivoglia suggerimento...

Grazie anticipatamente.

 

qui da me c'è ilrpoblema contrario, si costruirà un biogas perchè tanto le cisterne si devono fare lo stesso per contenere sei mesi di liquame, e così si spende qualcosa di più ma si ha un ritorno economico e in questa maniera si può spargere il digestato con meno problema di odore..

 

però è a più di 500 metri da case abitate..

 

e se tu provassi a chiedere una deroga spiegando che ci sarebbero meno odori con lo spargimento di digestato anzichè liquali? in bocca al lupo

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

E da noi si sono cambiate leggi comunali per bloccare impianti...

Comitati cittadini ecc.

A proposito, mio papà dice che proprio ieri sera c'è stato un servizio di striscia (di quelli fatti come riescono fare loro....) contro un impianto di biogas.

Con tanto di dottore AMERICANO che diceva che inquina.

Qualcuno l'ha visto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

visto... inquina, puzza, è brutto e ci buttano dentro schifezze...visto con occhi cittadini sembra un attentato alla pubblica sicurezza quest'impianto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

il biogas è la più grande truffa mai esistita! gli impianti prendono 0,28 centesimi al kw mentre noi la paghiamo 0,14 e l italia la prende dalla francia a 0,7 centesimi! siamo tutti noi a pagare gli impianti!

per non parlare degli affitti dei terreni, i poveri agricoltori onesti stanno perdendo dei terreni perchè i signori del biogas pagano anche 1500/1800 euro ettaro! ma che energia pulita è poi? quanto consumo di gasolio e macchinari serve per produrre energia (pulita). tutto questo è la solita truffa all italiana

Share this post


Link to post
Share on other sites
il biogas è la più grande truffa mai esistita! gli impianti prendono 0,28 centesimi al kw mentre noi la paghiamo 0,14 e l italia la prende dalla francia a 0,7 centesimi! siamo tutti noi a pagare gli impianti!

per non parlare degli affitti dei terreni, i poveri agricoltori onesti stanno perdendo dei terreni perchè i signori del biogas pagano anche 1500/1800 euro ettaro! ma che energia pulita è poi? quanto consumo di gasolio e macchinari serve per produrre energia (pulita). tutto questo è la solita truffa all italiana

Si... si... e poi c'era la marmotta che incartava la cioccolata!!!

Dai continua a dormire che hai fatto un brutto sogno...

PS: Senza offesa ma il Biogas crea una filiera virtuosa di lavoro (macchinari, ore uomo, impianti, manutenzioni) che il fotovoltaico non crea (e anche lui prende i contributi). Anche per produrre granella si consuma gasolio... e col Biogas nessuno dice che il Co2 catturato è superiore a quello prodotto. Guardiamo oltre il nostro naso per il futuro dell'agricoltura!

Anche le energie "assimilate" quindi le energie inquinanti dei vari Moratti di turno prendono gli incentivi ma nessuno lo dice... Ah pardon ma quelli non sono poveri agricoli come noi...

Edited by G240

Share this post


Link to post
Share on other sites
ce la racconteremo tra massimo due anni vedrai vedrai e ricorderai le mie parole!

Ok ci riaggiorniamo tra un paio di anni! okO0

Share this post


Link to post
Share on other sites
visto... inquina, puzza, è brutto e ci buttano dentro schifezze...visto con occhi cittadini sembra un attentato alla pubblica sicurezza quest'impianto...

 

Eccolo qui...Striscia la Notizia - Video

Quello che non si capisce è se sarà un impianto normale (deiezioni animali più insilati vari) oppure uno fatto da fanghi, scarti e "schifezze varie".

Qui da me nel raggio di 5 km ce ne sono 4 fatti da allevatori e nessuno ha parlato, uno invece proprio in questo perdiodo è stato bloccato perchè dovrebbe venire costruito da una società che usa come sopra fanghi e cose poco chiare, almeno così hanno detto..quindi comitati di cittadini, sinsaco contrario ect ect

 

Si... si... e poi c'era la marmotta che incartava la cioccolata!!!

Dai continua a dormire che hai fatto un brutto sogno...

PS: Senza offesa ma il Biogas crea una filiera virtuosa di lavoro (macchinari, ore uomo, impianti, manutenzioni) che il fotovoltaico non crea (e anche lui prende i contributi). Anche per produrre granella si consuma gasolio... e col Biogas nessuno dice che il Co2 catturato è superiore a quello prodotto. Guardiamo oltre il nostro naso per il futuro dell'agricoltura!

Anche le energie "assimilate" quindi le energie inquinanti dei vari Moratti di turno prendono gli incentivi ma nessuno lo dice... Ah pardon ma quelli non sono poveri agricoli come noi...

 

Peccato però che moratti non fa cibo tu, io e noi si...

Ti ricordo che non in un'altro pianeta lontano, ma solo qualche decina di migliaia di km più sotto di noi ancora oggi c'è la gente che muore di fame...

 

Ps: proprio ieri ho sentito di una stalla cremonese di 800 vacche con biogas e vari operai fare una scelta drastica, via 3/4 degli operai, via tutte le vacche e si campa solo col biogas...c'è da riflettere eh!

Share this post


Link to post
Share on other sites
il biogas è la più grande truffa mai esistita! gli impianti prendono 0,28 centesimi al kw mentre noi la paghiamo 0,14 e l italia la prende dalla francia a 0,7 centesimi! siamo tutti noi a pagare gli impianti!

per non parlare degli affitti dei terreni, i poveri agricoltori onesti stanno perdendo dei terreni perchè i signori del biogas pagano anche 1500/1800 euro ettaro! ma che energia pulita è poi? quanto consumo di gasolio e macchinari serve per produrre energia (pulita). tutto questo è la solita truffa all italiana

 

 

il biogas vive solo grazie agli incentivi, quel giorno che vedrò un impianto guadagnare senza incentivi, mi ricrederò..

 

poi chi dice che cattura CO2: al massimo ne emette meno del petrolio, in quanto il biogas non la cattura in quanto la ribrucia e la sostanza organica poi rientra nel ciclo del carbonio comunque..e i trattori il gasolio lo consumano..

 

io la corrente la pago più di 0,14 circa 0,17 compreso allacciamento e company..

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
il biogas è la più grande truffa mai esistita! gli impianti prendono 0,28 centesimi al kw mentre noi la paghiamo 0,14 e l italia la prende dalla francia a 0,7 centesimi! siamo tutti noi a pagare gli impianti!

per non parlare degli affitti dei terreni, i poveri agricoltori onesti stanno perdendo dei terreni perchè i signori del biogas pagano anche 1500/1800 euro ettaro! ma che energia pulita è poi? quanto consumo di gasolio e macchinari serve per produrre energia (pulita). tutto questo è la solita truffa all italiana

 

 

Allora da come ci descrivi: i signori del biogas contro i poveri agricoltori onesti,sembra che noi siamo dei lestofanti che facciamo chissá cosa...siamo anche noi agricoltori che hanno visto il biogas sia per un lato redditizzio (come ogni cosa in campo agricolo,non ditemi che lavorate solo per passione o altro) sia d'altro canto come grossa utilitá...esempio per i reflui: noi con 1000 vacche ne avevamo in abbondanza e tutti i paesi vicini si lamentavano dell'odore...e se l'impianto va solo a liquame allora non vi é il consumo di carburante ecc. Inoltre come giá detto da altri favoriamo lo sviluppo di terzismo e diamo posti di lavoro....non cerchiamo di fare torti a nessuno....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...