Jump to content

Recommended Posts

Il 5/11/2019 Alle 10:53, nh72-85 ha scritto:

Puoi andare tranquillo , se hai proprio pendenze estreme c'è bisogno di zavorre sul muso se l'hai piena , ti allego un video della florida vecchia con il trx 9400 , non rende la pendenza dal video ma con la trainata da 10 q fatica anche il quasar ad andare su...

 

da ultimi secondi di video:passati ormai 3 decenni dai primi  raddrizzatrori di flusso ma niente da fare,

da una parte "sparano" sempre più da una che dall'altra.

 

 

 

Edited by gallogeorge

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno ha considerato Berthaud?

 

Cosa ne pensate della Weber? Si distingue perchè monta delle eliche a colonna

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, gallogeorge ha scritto:

da ultimi secondi di video:passati ormai 3 decenni dai primi  raddrizzatrori di flusso ma niente da fare,

da una parte "sparano" sempre più da una che dall'altra.

 

 

 

Per una ventola...e impossibile  togliere del tutto  quell anomalia....ma con raddrizzatore aiuta molto.......e che ancora oggi ripeto  cè chi non lo monta  o chi lo  monta prima della ventola  cosa inutile secondo me..........sicuri che quello del video lo abbia......?

Share this post


Link to post
Share on other sites

....in effetti  davo per scontato che adesso fosse uno standard per tutti i modelli ,

invece riguardando la foto statica non lo ha.

per puro caso noto pure che il sistema convogliatore nelle fattezze e misure è pressochè identico a quello del

Mitterer "d'epoca" comprato usato da un utente trentino del forum.

praticamente era un rottame ma nascondeva accorgimenti interessanti.....timone sterzante,asse balestrato e sopratutto

una 4 teste comet IDS 1200 che è ancora oggi nel settore pompe alta pressione  è una Ferrari.

ovviamente essendo marcio di telaio è venuto a casa per 2 cotenne e là lo avrei lasciato non fosse che di mestiere

ho un officina di carpenteria metallica,per cui rifatto il telaio......zincato a caldo,

pompa revisionata(4 membrane che ancora andavano) tubi nuovi ....elettrovalvole braglia e 6 getti ATR doppi reversibili per parte(erano già su in origine).

non faccio nomi ma un costruttore di atomizzatori e altro della zona che fà anche servizio taratura,

al momento di collaudarlo è rimasto piacevolmente sorpreso da come distribuisce nonostante manchi di deviatori di flusso.

prima usavamo un tifone a turbina preso nel 78 con su una comet IDS 1400 ma da alcuni anni non aveva più senso in quanto ora i nostri ciliegi 

arrivano a 4metri e mezzo mentre prima stavano dagli 8 ai 10 e anche oltre.

 

 

Edited by gallogeorge
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per una ventola...e impossibile  togliere del tutto  quell anomalia....ma con raddrizzatore aiuta molto.......e che ancora oggi ripeto  cè chi non lo monta  o chi lo  monta prima della ventola  cosa inutile secondo me..........sicuri che quello del video lo abbia......?
Ma non fanno atomizzatori a 2 ventole?

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si quelle risolvono il problema .....ma dicono che assorbono tanta potenza....

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, gallogeorge ha scritto:

😬 non era il Florida in foto  della pagina precedente?

No......

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 17/12/2019 Alle 11:22, cuntadein ha scritto:

Di quali vitigni si tratta? Chiedo perchè stiamo valutando e noi abbiamo lambrusco

Prosecco, cabernet, traminer chardonnay. Avendo vegetazione abbondante, sopratutto nel prosecco, il fitofarmaco fa fatica a penetrare nel nostro caso. Negli ultimi 3 anni stiamo cercando di cimare più spesso. 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi volevo provare a leggere tutta la discussione, ho iniziato, ma la sera quando torno dopo una due pagine prendo sonno sul divano, purtroppo la stanchezza è tanta, quindi cerco di farvi una domanda vediamo se mi sapete consigliare facciamo prima.

Sono in procinto di comprare un atomizzatore/nebulizzatore nuovo e sono indeciso su cosa scegliere, noi la maggior parte sono uliveti secolari con piante sparse nei terreni di altezza variabile, ma stiamo intorno i 7-8 metri d'altezza, e sono indeciso se prendere atomizzatore o nebulizzatore, più che altro per l'olivicoltura si usano prodotti da contatto e non sistemici.

Cosa mi consigliate?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 19/12/2019 Alle 15:42, carvigna ha scritto:

Si quelle risolvono il problema .....ma dicono che assorbono tanta potenza....

E urlano come un aereo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Vito1981 ha scritto:

Ragazzi volevo provare a leggere tutta la discussione, ho iniziato, ma la sera quando torno dopo una due pagine prendo sonno sul divano, purtroppo la stanchezza è tanta, quindi cerco di farvi una domanda vediamo se mi sapete consigliare facciamo prima.

Sono in procinto di comprare un atomizzatore/nebulizzatore nuovo e sono indeciso su cosa scegliere, noi la maggior parte sono uliveti secolari con piante sparse nei terreni di altezza variabile, ma stiamo intorno i 7-8 metri d'altezza, e sono indeciso se prendere atomizzatore o nebulizzatore, più che altro per l'olivicoltura si usano prodotti da contatto e non sistemici.

Cosa mi consigliate?

Baget......?...per me una bella ventola da 900 con ugelli albuz atr  rossi.......

Share this post


Link to post
Share on other sites
25 minuti fa, carvigna ha scritto:

Baget......?...per me una bella ventola da 900 con ugelli albuz atr  rossi.......

Non è una questione di soldi mi chiedevo se per gli ulivi secolari molto alti e con prodotti da contatto era meglio un atomizzatore o nebulizzatore

Per il modello prenderò sicuramente una botte portata da 6 q vista la tipologia di terreni che abbiamo.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non vedo dove sta il.problema con i prodotti di contatto per atomizzatori normali rispetto ad un nebulizzatore.......dicevo Baget perché  una turbina buona può costare anche il doppio di uno normale....comunque qualche altra notizia devi darla....tipo quanti cavalli hai....

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, carvigna ha scritto:

Non vedo dove sta il.problema con i prodotti di contatto per atomizzatori normali rispetto ad un nebulizzatore.......dicevo Baget perché  una turbina buona può costare anche il doppio di uno normale....comunque qualche altra notizia devi darla....tipo quanti cavalli hai....

 

Allora ci sono 3 Ford da 60 ad 80 CV, ed abbiamo prenotato un New Holland lp 110 che arriva ad aprile , con cabina di liv 4 

Se vuoi qualche altra informazione chiedimi pure

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 ore fa, carvigna ha scritto:

per me una bella ventola da 900 con ugelli albuz atr  rossi.......

Come hai fatto ad avere una risposta così rapida? Manca solo la pressione agli ATR rossi!

Mi ha detto che per tarare una macchina serve sapere:

 la larghezza delle file.

 la velocità di avanzamento in funzione della forza d'aria del ventilatore e della massa delle foglie,

 i litri ettaro necessari per avere una buona copertura per contatto,

la micronizzazione corretta in funzione del colore e della pressione, ecc... 

Queste sono paranoie per i perfettini?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Appunto queste sono considerazioni che servono per tarare una macchina, lui ha chiesto che tipo di atomizzatore o nebulizzatore comperare.

Comunque facciamo due conti utilizzando una formula standard

La quantità di litri dipende dal rapporto velocità di lavoro larghezza dello stesso e quantità erogata divisa per 600 per il numero di ugelli che lavorano diciamo che se butta 400 litri ettaro su una larghezza di 12 metri a 4 kmh con 12 ugelli la portata sarà:

P=(400*12*4)/(600*12) 19200/7200 quindi la portata dovrebbe essere 2.6 nella tabella albuz equivale ai rossi a 9 bar

Share this post


Link to post
Share on other sites
37 minuti fa, Johndin ha scritto:

Appunto queste sono considerazioni che servono per tarare una macchina, lui ha chiesto che tipo di atomizzatore o nebulizzatore comperare.

Comunque facciamo due conti utilizzando una formula standard

La quantità di litri dipende dal rapporto velocità di lavoro larghezza dello stesso e quantità erogata divisa per 600 per il numero di ugelli che lavorano diciamo che se butta 400 litri ettaro su una larghezza di 12 metri a 4 kmh con 12 ugelli la portata sarà:

P=(400*12*4)/(600*12) 19200/7200 quindi la portata dovrebbe essere 2.6 nella tabella albuz equivale ai rossi a 9 bar

Infatti Johndin, io avevo chiesto se nella mia situazione di alberi non a file e secolari quindi molto alti era preferibile un atomizzatore o un nebulizzatore, ed anche se si ha differenza dei due sistemi usando prodotti sistemici o da contatto, diciamo quasi una descrizione di pregi e difetti tra atomizzatore e nebulizzatore.

Spero di essere stato chiaro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guarda io sono per il nebulizzatore tutta la vita, crea microgocce che colpiscono meglio e più uniformemente la vegetazione e lavora a una pressione più bassa.

Adesso come adesso bisogna dire che con gli ugelli antideriva anche gli atomizzatori offrono ottime prestazioni e io per la mia esperienza valuterei in sequenza: 

Vicinanza del costruttore o della concessionaria per assistenza.

Decisione del tipo di macchina in funzione della quantità di litri ettaro che decidi di dare e della dimensione della chioma (assicurandoti che considerino la copertura di piante così grosse),

perchè in primis con un basso volume riduci i volumi distribuiti e quindi se consideriamo la macchina da 600 litri con basso volume fai due ettari col convenzionale ne fai 1 e la velocità di lavoro non penso sia una variabile da non prendere in considerazione.

Poi carrellato o portato a seconda della tipologia di terreni che hai (e carrellato sarebbe ancora più comodo prendi un bel 15 quintali e non ti fermi più) 

Insomma io punterei fare una spesa oculata e comincerei dal vedere cosa ti gira intorno e cosa ti offrono poi si valuta, perchè anche il convenzionale per oliveto va bene.  

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti io sarei propenso al basso volume, perché mi devo passare più di 50 ettari di uliveti, ma non essendo intensivi in un ettaro trovi 20 piante in un altro ettaro trovi 200 piante, però sempre metà acqua e metà tempo per distribuirlo, però mi ponevo il problema se con il basso volume riesco a coprire bene piante così grandi.

Mentre per il problema del carrellato o il portato scelgo il portato per via della conformità dei terreni, sono tutti appezzamenti piccoli con pietre, dislivelli terrazzamenti, lame e chi più ne ha più ne metta, quindi sono costretto a fare qualche viaggio in più ma posso circolare più facilmente

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

22 ore fa, Johndin ha scritto:

Comunque facciamo due conti utilizzando una formula standard

La quantità di litri dipende dal rapporto velocità di lavoro larghezza dello stesso e quantità erogata divisa per 600 per il numero di ugelli che lavorano diciamo che se butta 400 litri ettaro su una larghezza di 12 metri a 4 kmh con 12 ugelli la portata sarà:

P=(400*12*4)/(600*12) 19200/7200 quindi la portata dovrebbe essere 2.6 nella tabella albuz equivale ai rossi a 9 bar

12 ugelli tutti uguali con queste dimensioni? Non è il caso di dare una certa proporzionalità nella scelta degli ugelli tipo questa? Non dico che questa sia corretta ma da un'idea, certo il conto è un po più complesso ma con un po di buona volontà ci si arriva.

Gli ugelli ad induzione d'aria (o antideriva come voi li chiamate) in questa situazione mi lasciano un po perplesso. L'ATR rosso secondo il sistema DANTEC a 9 bar lo danno a 170 micron di diametro delle gocce, il corrispondente ad induzione d'aria é il CVI Lilla che lo danno sempre a 9 bar  a 320 micron ed il TVI Lilla a 550 micron. Quindi una goccia del TVI  pesa come 5 del CVI e 34 dell'ATR, ri-quindi a parità di volume un numero di impatti più basso di 34volte e 34 volte più pesanti da portare a certe altezze.

Sto parlando di Albuz che è una signora marca, gli altri i miracoli non li fanno.

Adesso vado ad organizzarmi per la vigilia, Buon Natale a tutto il gruppo.:gluglu:

 

nuovo-4.jpg

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, byago ha scritto:

 

12 ugelli tutti uguali con queste dimensioni? Non è il caso di dare una certa proporzionalità nella scelta degli ugelli tipo questa? Non dico che questa sia corretta ma da un'idea, certo il conto è un po più complesso ma con un po di buona volontà ci si arriva.

Gli ugelli ad induzione d'aria (o antideriva come voi li chiamate) in questa situazione mi lasciano un po perplesso. L'ATR rosso secondo il sistema DANTEC a 9 bar lo danno a 170 micron di diametro delle gocce, il corrispondente ad induzione d'aria é il CVI Lilla che lo danno sempre a 9 bar  a 320 micron ed il TVI Lilla a 550 micron. Quindi una goccia del TVI  pesa come 5 del CVI e 34 dell'ATR, ri-quindi a parità di volume un numero di impatti più basso di 34volte e 34 volte più pesanti da portare a certe altezze.

Sto parlando di Albuz che è una signora marca, gli altri i miracoli non li fanno.

Adesso vado ad organizzarmi per la vigilia, Buon Natale a tutto il gruppo.:gluglu:

 

nuovo-4.jpg

Byago ma secondo te  per questo tipo di piante è da preferire un atomizzatore o un nebulizzatore

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 19/12/2019 Alle 18:45, gallogeorge ha scritto:

😬 non era il Florida in foto  della pagina precedente?

No... quello nel video è il vecchio, quello della foto è il nuovo arrivato a luglio... si dopo 14 anni ho preso lo stesso identico atomizzatore😂

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 24/12/2019 Alle 14:08, byago ha scritto:

 

12 ugelli tutti uguali con queste dimensioni? Non è il caso di dare una certa proporzionalità nella scelta degli ugelli tipo questa? Non dico che questa sia corretta ma da un'idea, certo il conto è un po più complesso ma con un po di buona volontà ci si arriva.

Gli ugelli ad induzione d'aria (o antideriva come voi li chiamate) in questa situazione mi lasciano un po perplesso. L'ATR rosso secondo il sistema DANTEC a 9 bar lo danno a 170 micron di diametro delle gocce, il corrispondente ad induzione d'aria é il CVI Lilla che lo danno sempre a 9 bar  a 320 micron ed il TVI Lilla a 550 micron. Quindi una goccia del TVI  pesa come 5 del CVI e 34 dell'ATR, ri-quindi a parità di volume un numero di impatti più basso di 34volte e 34 volte più pesanti da portare a certe altezze.

Sto parlando di Albuz che è una signora marca, gli altri i miracoli non li fanno.

Adesso vado ad organizzarmi per la vigilia, Buon Natale a tutto il gruppo.:gluglu:

 

nuovo-4.jpg

Siccome i nostro amico non ha messo le dimensioni dell'impianto io ho fatto conti così ipotetici, non ho nessuna cognizione di quanti ugelli abbiano gli atomizzatore perchè ho smesso di usarli 6 anni fa, ho solo vigneti e di oliveti secolari non ci capisco una fava...................

Ho messo un conto tanto per fare se poi di ugelli ne servano 20 a me non interessa, non vendo gli atomizzatori lui ha bisogno di avere una idea di cosa sia meglio della sua azienda.

E anche un conto teorico può servire a chiarire le idee.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...