Jump to content

Recommended Posts

Salve a tutti, secondo voi quanto conviene usare questa macchina, cioe'......il frutto viene raccolto completamente oppure rimane sempre un po' sulla pianta; e per quanto riguarda la pianta viene maltrattata molto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao ANDREA io ti posso dire che raccolgo circa 230 ettari di vigne ogni anno e per quanto concerne la macchina il frutto lo raccoglie tutto...certo ci sono varità che si satccano meglio e altre peggio....come riguardo alle perdite per smostamento alcune varita smosatno di piu altre di meno...per quel che concerne il maltrattammento della pianta se l'impainto è un impianto con vegetazione contrrollato e non a cordone libero ceme se ne trovano almeno da noi, la pianta non subisce alcun danno, mentre nel caso del cordone libero o cortina pendente qualche tralcio si rompe...però sappi che il ritorno economico cè ..perche credo che si stà intorno al 50% meno di spesa rispetto alla manuale

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho capito, dalle mie parti non ne ho mai vista una, e quindi ho pensato che potrebbe essere una buona idea prenderla per lavorare per conto terzi.........penso che funzionerebbe:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

io che lavoro in una cantina(il lavoro della terra lo faccio per hobby)penso che il futuro è la vendemmiatrice...e chi ha coraggio di investire,ha il suo ritorno!

 

quando è il momento di raccogliere,non trovi mai le persone..per raccogliere un ettara ci vuole un giorno....con una media di 6 persone...poi noi..che essendo zona doc,facciamo poca uva ad ettaro..è ancora peggio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi Toso, dici che sarebbe un buon investimento?:cheazz:

Share this post


Link to post
Share on other sites

La vendemmiatrice raccoglie bene su alcuni tipi di impianto e su alcuni tipi di coltivazione, su altri ha le sue difficoltà quindi vai più piano e lavori poco rispetto alla produttività potenziale della macchina.

 

Per quanto riguarda l'impianto se ci sono pali in cemento o pali di grosso diametro, intorno a quei pali se non vuoi fare il macinato con i battitori devi modificare la larghezza di lavoro degli stessi e la pressione esercitata (che di solito dovrebbe essere una funzione programmabile) già questo influisce sulla produzione e qualità della raccolta.

 

Il tipo di impianto per esempio il cordone speronato favorisce la raccolta meccanica, altri impianti sono meno favorevoli.

 

Secondo me il discorso raccolta è molto importante se ti trovi in una zona piena di impianti vecchi e nessun innovatore la produttività della macchina potrebbe essere anche di 4-500q.li al giorno mentre su impianti dedicati viaggi tranquillo a 1000 quintali e poi c'è da considerare il cantiere di raccolta la lunghezza dei filari (se troppo lunghi rispetto alla capacità delle tramogge devi scaricare in moto su trattori posti nel filare vicino) la distanza dalla cantina dove portare l'uva e la capacità della cantina stessa di lavorare uva (perchè se devi tenere la macchina ferma perchè la pressa non ce la fa allora devi farti pagare extra).

 

Può essere interessante il discoso meccanizzazione ma bisognerebbe prima sapere bene che tipo di impianti e che produttività e possibilità ci sarebbero potenziali prima di mettersi a fare conti.

 

Inoltre la vendemmiatrice andrebbe bene anche per fare trattamenti e altre lavorazioni quindi l'ideale sarebbe fare una valutazione dei possibili clienti e realitivi terreni lavorabili.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quello che dici te Raffaele è la pura verità....comunque la vendemmiatrice deve raccogliere solo in impianti con pali adeguati...nel senso, sul cememnto deve essere solo il pre-compresso....poi il resto legno o addirittura ferro sono i migliori .....secondo me per iniziare si puo anche acquistare una trainata spendendo circa la metà di una semovente, oppure una semovente usata che di 5 anni tipo una Pellenc 3300 che revisionata la si può prendere a 80.000 euro circa....comunque sia una semovente acquistata a nuovo deve avere un volume di lavoro di sola vendemmia almeno di 100 ettari annui, che come primo anno di utilizzo non consiglio mai a nessuno, perche se una vendemmiatrice lavora bene o no , il 60% dipende dall'operatore , e quindi per conoscere a dovere e far funzionare una vendemmiatrice a pieno ritmo, ci vogliono almeno 2 anni di esperienza.....quindi per non tagliarsi i piedi prima di iniziare consiglio a tutti di partire piano piano e di fare il lavoro a dovere, perche una volta che uno si è sputtanato il gioco è fatto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti SAN, il tuo discorso non fa una piega, avevo pensato a questa macchina perche' dalle mie parti si produce molta uva e ancora non ho visto uno che ha questa macchina e quindi ho pensato che sarebbe una buona idea, pero' come dici tu, prima di fare i conti, bisogna prima trovare la clientela e poi bisogna imparare ad usare correttamente la macchina, altrimenti se fai danni il "gioco" e' finito!.

Per qunto riguarda i vigneti, la maggior parte sono impianti vecchi con i pali in cemento, ma ce ne sono anche di nuovi con i pali in ferro. Pero' secondo me, (anche se io per certe cose sono un po' troppo ottimista:)) cominci a trovarti qualcuno che e' disposto a provare questa macchina e ti comporti come si deve, la voce comincia ad espandersi, ed il cliente ha un sacco di vantaggi, perche' ormai non e' piu' facile come una volta trovare gente che viene a raccogliere l'uva, ed inoltre ci metti molto meno tempo che con la manodopera. Pero' mi sa che ci deve essere uno col rimorchio non troppo alto vero? Invece per quanto riguarda il lavoro, quanto si fa pagare piu' o meno uno con questa macchina?

Share this post


Link to post
Share on other sites

allora gli impainti vecchi con pali in cemento non sono un problema a meno che per vecchio tu non intenda il palo quello con i fori...in questo tipo di palo non puoi raccogliere peche si spaccano tutti....per il resto in cemento pre-compresso è ok.....la clientela è come l'appetito che viene mangiando....quindi in tutti i lavori devi essere te che te la fai e poi il resto viene da se....anzi si dice che " chi picchia per primo picchia due volte".....la vendemmiatrice sia semovente che trainata scarca su carri alti fino a mt 2.7 e quindi non hai nessun problema l'importante che sia uan vasca a tenuta stagna......i prezzi da noi vanno dai 430 euro su pali legno o ferro fino a 500 su quelli in cemento per impianti con interfila di mt 3 ....se poi l'interfila è minore devi aumentare il prezzo perche di filari in un ettaro ce ne sono di piu. Comunque la ditta Volentieri - Pellenc mi sembra che nella zona Lecce abbia aperto una filiale da un pò di tempo ne parlavamo con il proprietario lo scorso anno che doveva fare l'innaugurazione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo i pali in cemento dalle mie parti, sono quasi tutti bucati. Non ero a conoscenza che qui c'era questa ditta, quindi andro' subito a vedere queste macchine da vicino e grazie dell'informazione. Per quanto riguarda i prezzi di queste macchine pero' sono davvero alti eh??!! :sob:chiedero' un prestito allo stato:asd:

Un'altra domanda.....ma i prezzi che hai descritto sopra sono per un ettaro??

Share this post


Link to post
Share on other sites

oddio una semovente Pellenc 4560 che è la piu grande sensa il selectiv proces, che è una specie di pulitore per l'uva sta intorno ai 160.000 euro scontata ma una trainata ne costa la metà.....certo non produce come una semovente......ovviamente i prezzi indicati sono ad ettaro......comunque se vuoi sapere informazioni il numero della sede centrale della Volentieri Pellenc a Siena è 0577983611

Edited by Johndin
corretto perchè poteva ssere frainteso semovente trainata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque, su agriaffaries ne ho trovate anche a 15-20000 euro, mo pero' stiamo a vedere in che condizioni sono, oltre al fatto che stanno tutte in francia.

Poi ho pensto anche al fatto che qui non ne ho mai viste, e puo' essere a causa del tipo di impianti che ci sono qui da me, che non sono adeguati a questa macchina:boh::boh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il discorso della macchina usata l'avevo affrontato perchè mi era venuto in mente di fare un oliveto superintensivo a prendere una trainata usata da modificare.

 

Per l'usato specie quello francese direi che le problematiche sono:

 

Il tipo di macchina e la marca (se i pezzi di ricambio sno reperibili anche da noi)

Chi fa cosa nel senso che la manutenzione specie a una macchina vecchia specie se sconosciuta nella zona chi te la fa???? (per esempio qua da me ci sono delle pellenc trainate quindi il servizio assistenza c'è e si potrebbe appoggiarsi a quello chiedendo prima)

Visto che normalmente i francesi sfruttano tutto all'osso è sempre pericoloso comperare da loro se non conosci benissimo quello che cerchi........

 

Io sono interessato all'argomento come puoi notare perchè anche da me c'è una certa carenza di macchine semoventi (la trainata non la prendo in considerazione per nulla poi magari ti dirò perchè), quindi potenzialmente c'è mercato ma prima devo fare alcune valutazioni che sono:

 

Verificare se quelli che già usano la macchina per il servizio sono partiti completamente da zero o hanno avuto una "assistenza alla messa in funzione notevole" che vuol dire entrare in campagna con qualcuno che sa quello che fa(che penso sia un casto aggiuntivo rispetto al totale macchina accessori) e cosa fare in caso di emergenza.

 

Verificare i costi di esercizio della apparecchiatura (intesa come tutti i costi connessi)

 

Verificare se qualcuno fa piani pluriennali di intervento che coinvolgano anche altre lavorazioni connesse (trattamenti etc)

 

Verfificare la disponibilità dei propietari di aziende di appoggiarsi add un servizio il più possibile completo.

 

Dopo di chè valutate le spese e le possibili entrate si può ensare a spendere i soldini.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sconsiglio di acquistare un usato in francia....perche gli allestimenti francesi non sono come quelli italiani....cioè in francia raccolgono con macchine che hanno solo gli aspiratori inferiori e vanno bene invece da noi se non hai almeno anche quelli superiori non vai in nessun posto....loro hanno vigneti, vitigni, e clima diverso dal nostro almeno nel centro sud nostro....da noi come quest'anno che il merlot arriva a 24 gradi zuccherini e vendemmi a 35 gradi di temperatura con vegetazione mezza secca abbiamo avuto dei grossi problemi anche conil nuovissimo Selectiv Process perche l'uva si attaccava alle foglie secche e si impacchettava il tutto e andava in terra .....mentre in francia non sapevano nemmneo che fosse questo problema....percio una macchina che usate che lavoravano in francia non sempre sono allestite come quelle che ci vogliono in italia.....comunque io sono partito nel 2002 con la prima semovente e nel 2003 ho preso la seconda allestita anche con la prepotatrice...e cosi via .....certo oggi non è facile come prima ma sempre piu gente vuole e vorra raccogliere a macchina.....è un pò come 30 anni fà con le mietirebbie......però secondo me è importante non farsi prendere dalla fretta e fare le cose con calma......io il primo anno con la prima macchina ho fatto solo 30 ettari e posso dire di aver tirato fuori i soldi di tasca per pagarla.........un terzista lontano 30km da me la fece pure lui e con i conti che aveva fatto , giustamente per pagarla doveva fare 80/90 ettari per forza......e lì fece......ma l'anno dopo nemmeno la metà dal disastro che combinò....e la dovette rivendere .....e nella zona solo 2 anni fà è ripartita la vendemmia meccanica perche aveva creato scompiglio a tutti e tutti consideravano la vendemmiatrice una ruspa che distrugge vigneti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nell'azienda in cui lavoro abbiamo una vendemmiatrice semovente Pellenc 4560 e la usiamo oltre che per la vendemmia anche per i trattamenti, con la prepotatrice e la usavamo anche con la cimatrice (da quest'anno l'abbiamo modificata per metterla sul trattore).

Comprando oltre alla vendemmiatrice anche le altre attrezzature i costi lievitano (se non sbaglio solo l'atomizzatore Friuli poker costava sui 40.000 euro) ma la macchina lavora tutto l'anno e quindi si ripaga prima.

Per quanto riguarda l'acquisto di una vendemmiatrice usata di provenienza estera concordo con quanto detto da Johndin e SAN64.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ragazzi, io sono daccordo con voi sul fatto che e' meglio non comprare cose dall'estero, in quanto sono il primo che quando compro una cosa usata ci vado con i piedi di piombo, pero' mettetevi un attimo nei miei panni, avendo 23 anni, (e non essendo nato ricco :boh:), chi mi fa a me un prestito da 200000 euro per comprare una macchina nuova??Quindi........l'alternativa sarebbe l'usato oppure aspettare, ma purtroppo non riesco a stare fermo, perche' so gia' che tra non molto andra' di moda anche qui questa macchina:leggi:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Metto una foto della vendemmiatrice che abbiamo dove lavoro. Nella foto si vede la vendemmiatrice senza vendemmiatrice :asd: ma con la prepotatrice sul braccio anteriore.

t5929_04122008001.jpg

Nella seconda foto ci sono il gruppo di vendemmia e dietro l'atomizzatore (se riesco farò foto migliori).t5930_04122008.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avete sù le Trelleborg avanti e dietro:AAAAH::AAAAH:....e quelle dietro con cerchio allargabile?.....se non erro il telaio porta zavorra montato dietro non è originale?......e poi se avete le taniche per i trattamenti perche non mettete quelle?......la pre-potatrice è una Vison 1 mi sembra? ......insomma legge solo il palo..perche cè la Vision 2 come la mia che oltre che al palo segue anche il cordone

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ebbene si abbiamo le Trelleborg davanti e dietro O0, quelle davanti però non possiamo usarle per vendemmiare perchè vanno a battere contro la vendemmiatrice quando sterza. Le ruote posteriori hanno il cerchio allargabile per il semplice motivo che a noi servivano subito e il gommista aveva solo quei cerchi disponibili, infatti avremmo preferito i cerchi saldati come davanti.

Le zavorre sono state fatte dalla stessa ditta che ha fatto l'atomizzatore e sono piene di ghiaia:asd:, sinceramente non so il perchè usiamo le zavorre e non l'atomizzatore :cheazz: , l'unica ipotesi è che le zavorre basta agganciarle e via senza collegare tubi o prese elettriche.

La prepotatrice è una Visio 1 perchè noi la usiamo solo sui guyot e quindi la teniamo 40-45 cm sopra il capo girato l'anno prima e sopra taglia tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate qualcuno sa come si comportano le ERO,sono buone macchine oppure danno grattacapi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io quel che ti posso dire è che quest'anno sono venuti da me a fare una prova con la semovente....erano oin giro per l'italia con questa macchina e mi hanno chiesto di fare una prova.......non è male come macchina anche se completamente diversa dalle altre.....non sò che risultati possono dare perche in giro ce ne sono pochissime...io sò di una venduta nelle marche.....ma quello che conta in una vendemmiatrice è il punto vendita e l'assistenza.......è la cosa basilare in tutto, perche sono mezzi innovativi e la meccanizzazione nei vigneti è in continuo sviluppo e quindi addiritura ora che dalla Ero la frittata è passata alla Deutz-fhar non è facile avere persone preparate per assistere macchine del genere quando non le hai mai avute.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sono incuriosito, che marca è?? Non è che hai delle altre foto del sistema di raccolta anche che mi interessa???

Share this post


Link to post
Share on other sites

Potrebbe essere una Carpenfer.

 

Alfieri, parlaci un pò di questa macchina.. Pulizia del prodotto raccolto, ecc ecc..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si è una Carpenfer. Il sistema di raccolta funziona che tramite una stella posizionata in mezzo al nastro convogliatore, scuote il filo su cui è appesa la vigna, gli acini cadono e vengono trasportati mediante dei nastri su un piccolo carretto provvisto di ribaltabile elevatore posto dietro la trattrice.

La pulizia avviene mediante dei rastrelli e ventilatori che puliscono l'uva dalle foglie. Molto semplice.

Purtoppo per quest'anno non ho altre foto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...