Jump to content
martinaz

caldaie a legna

Recommended Posts

Sì, sì, comprendo benissimo, noi abbiamo abbattuto un paio di pereti, e non è roba che si fa stando alla tastiera del pc; c'è da sudare e tirare qualche canchero,se va bene.

Noi usiamo praticamente solo bins e pallets di scarto, fornitura gratuita; è roba buona e una volta presa la mano con (relativamente) pochi tagli di motosega li smenbri, poi si finisce con la sega circolare.

C'è di buono che lo facciamo in corte sul selciato, basta che non piova.

Il problema della spazio per accumulare la legna non è di poco conto, farlo all'interno dei capannoni, potrebbe essere pericoloso in caso d'incendio, e all'esterno bisogna coprire bene.

Certo è che noi risparmiamo molto. Però non bisogna contare la manodopera e la fatica che impieghiamo........

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche mese fa su EnergeticAmbiente.it - Powered by vBulletin c'era una tabella e l'ho salvata nel pc, per ritrovarla nel sito ci sarebbe da perder tempo, l'allego quì.

Su.. confronto-carburanti-riscaldamento.zip c'è un excel e si possono cambiare i valori

confronto-carburanti-riscaldamento.zip

confronto-carburanti-riscaldamento.pdf

Kcal_da_biomasse.zip

Edited by HP90

Share this post


Link to post
Share on other sites

Noi bruciamo soprattutto albicocco perchè è buonissimo e se caricata bene la caldaia dura tutta la notte ( caricata alla sera)..

Noi appena espiantiamo gli alberi..la teniamo fuori e la copriamo con delle lamiere...poi dopo 2 anni che s'è seccata , la portiamo dentro un capannetto e con un carettino si porta vicino la caldaia :asd:.. ( in una stanza vicino con porta anti incendio per regola..).

Saluti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da quello che leggo capisco che il risparmio vero c'è solo per coloro che non comprano la legna, perchè altrimenti mi sembra di intuire che il conto economico non è poi cosi positivo, infatti oltre il costo della legna dobbiamo aggiungere quello della caldaia che non mi sembra di capire sia poi cosi basso.

Volendo fare l'avvocato del diavolo se compro una caldaia e l'ammortamento lo calcolo su 15 anni, poi compro la legna per farla andare, infine realizzo uno stanzino o comunque un ricovero decente per allooggiarla, quanto spendo all'anno?

 

Io vado a metano, mi piacerebbe andare a legna, ma non posso per motivi condominiali, allora ogni tanto mi viene il dubbio di cosa sia meglio dal punto di vista economico, metano o legna, poi l'altro giorno ho visto in un negozio una stufa che veniva poco più di 2000€ e allora ho pensato che forse questo gran rimpianto per non poter andare a legna non lo devo avere, alla fine conviene veramente?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nella mia zona 800 mt slm, molti con il gas spendono un sacco di soldi dovono accendere ad oraio e certe giornate devono integrare con qualche stufetta o pompa di calore. Di questi chi è passato alla legna o sansa/granella varia, ha benedetto i soldi che ha speso, ora ha caldo per tutte le 24 h.

Ma sempre nella mia zona chi ha una casa ben coibentata con il gas ha lo stesso confort della legna, accertato personalmente, appartamento con pareti perimetrali interne fatte in cartongesso con dietro polipan da 2 cm, e tetto co lo stesso sistema. Gli sbalzi climatici all'interno non si avvertono. C'è anche il riscaldamento a pavimento che crea un ottimo confort e consumi ridotti, addirittura in certi periodi potrebbe funzionare con i panneli solari.

Per concludere. Se la casa è un colabrodo, ti riscaldi solo con la biomassa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

faccio una proposta: perchè non allargare la discussione anche ale caldaie alimentate a biomassa, tipo mais, cippato, pellet, sansa, nocciolino ecc...?

 

interessante la tabella pdf postata in precedenza; conoscete anche altri poteri calorifici, tipo, paglia orzo, nocciolino ecc...?

Share this post


Link to post
Share on other sites

di queste caldaie non ne conosco alcuna, dirò una fesseria, ma secondo mè quelle a pellet o cippato sono una moda, l'unico vantaggio è il caricamento automatizzato, ma il costo della materia prima dovrebbe essere antieconomico. saluti da martinaz

Share this post


Link to post
Share on other sites
di queste caldaie non ne conosco alcuna, dirò una fesseria, ma secondo mè quelle a pellet o cippato sono una moda, l'unico vantaggio è il caricamento automatizzato, ma il costo della materia prima dovrebbe essere antieconomico. saluti da martinaz

 

E in un contesto non prettamente agricolo ? In un condominio ad esempio, credi che sarebbe gestibile una catasta di legna, rispetto ai pellet ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo em bisognerebbe andare nella penisola scandinava, dove 2 cooppertative di boscaioli , letteralemnte vendono acqua calda per il riscaldamento di interi paesi , addossandosi tutta la filiera dal taglio all'essicazione dei tronchi prima del cippamento alla cippatura, trsposto , combustione , alla caldaia , alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle caldaie

 

tutto e' possibile, ma e' la metalita' che e' dieversa

Share this post


Link to post
Share on other sites
secondo em bisognerebbe andare nella penisola scandinava, dove 2 cooppertative di boscaioli , letteralemnte vendono acqua calda per il riscaldamento di interi paesi , addossandosi tutta la filiera dal taglio all'essicazione dei tronchi prima del cippamento alla cippatura, trsposto , combustione , alla caldaia , alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle caldaie

 

tutto e' possibile, ma e' la metalita' che e' dieversa

 

:cheazz: 12 ore fa ero appunto in Finlandia, mi pare che abbiano una concentrazione boschiva "leggermente" superiore alla nostra...In Italia c'è un ovvio problema di filiera (problema comune anche ad altri problemi), ma credo che sarebbe arduo intraprendere una scelta simile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
:cheazz: 12 ore fa ero appunto in Finlandia, mi pare che abbiano una concentrazione boschiva \"leggermente\" superiore alla nostra...In Italia c'è un ovvio problema di filiera (problema comune anche ad altri problemi), ma credo che sarebbe arduo intraprendere una scelta simile.

 

 

che bella la finlandia, hai portato a mano la letterina a babbo natale?

 

scherzi a parte , l'unica realta simile a questa , e' in provincia di alessandria, ma e' nata da una collaborazione tra enti pubblici , interessamento delel camere di commercio , e di una cooperativa di boscaioli , comuni ect.ect

 

ma a fronte della realta boschiva e' una goccia d'aacqua in un mare di verde

 

ora come ora c'e un progetto a Poirino di una centrale a legna, ma ancora prima di iniziare a progettarla , la gente del paese si e' gia opposta per via dell'inquinamento , e delle polveri che dal camino della caldaia esce fuori , con il pericolo che si bruci legno di scarto inquinato con altri rifiuti

Share this post


Link to post
Share on other sites
E in un contesto non prettamente agricolo ? In un condominio ad esempio, credi che sarebbe gestibile una catasta di legna, rispetto ai pellet ?

oddio credo di no!! ma questo pellet deriva dalla legna, serve lavorazione per renderlo tale, aumentandone il costo, questo mi fà sorgere il dubbio della convenienza economica.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho una ARCA a fiamma rovesciata da 29000 cal, è del 1994 e ancora adesso funziona perfettamente, produce anche acqua calda per un boiler da 200lt.

Sicuramente è un bel risparmio, ho la legna nel bosco e quindi le uniche spese sono per il gasolio dei mezzi.

L'unica manutenzione è sostituire ogni 2 anni le griglie e la tegola inferiore.

Ora voglio applicare un ventilatore industriale, perchè quello venduto come ricambio dopo 3/4 anni inizia a rallentare fino a fermarsi, essendo montato su boccole e non su cuscinetti.

 

È come questa:

- [ Arca Caldaie ] tecnologie per l'ambiente - Modelli

 

Nelle nuove versioni la ventola non soffia nel focolare, bensì aspira i fumi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ce l'aveva un mio vicino di casa uguale alla tua e aveva lo stesso difetto,ha cambiato due o tre ventole in 12 anni,le ventole che si fermano é il punto debole non solo delle caldaie ma paradossalmente anche dei frizer,io mi occupo anche di gelati ed ho circa 30 compressori di vario tipo che generano freddo e tutti nei radiatori montano ventole delle balle che girano su boccole anziche su cuscinetti e in 15 anni ho sempre e solo avuto problemi per colpa di queste ventole ora un po alla volta le sto cambiando adattando in qualche modo quelle su cuscinetti,ma é una cosa vergognosa che vengano montate ventole cosi scadenti su apparecchiature che costano svariate migliaia di euri

Share this post


Link to post
Share on other sites
L'unica manutenzione è sostituire ogni 2 anni le griglie

Se ti può essere utile, qualche anno fa avevo rifatto le griglie per una caldaia, che dopo un anno le aveva fuse, perchè erano in ferro, le ho rifatte in Aisi 310, è molto caro, però considerando che dopo 5 o 6 anni sono come appena fatte, penso che alla fine si spende meno che farle in ferro e doverle sostituire ogni 2 anni. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.savioclima.it/manpdf/s_scs/catalog.pdf

 

Infatti vorrei montare uno di questi (serie S), ho confrontato le portate e sono uguali al mio, dovrei solamente fare un adattatore per la flangia.

 

Per le griglie avevo già sentito uno che le costruiva con l'acciaio degli aratri, è lo stesso materiale?

Share this post


Link to post
Share on other sites

piccola curiosità. Qualcuno di voi conosci i termoprodotti della Laminox e mi sa dire qualcosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'anno scorso ho montato una GA TX 40.tutto l'impianto è risultato costoso(modifica dei tubi esistenti ,impianto elettrico ecc.).tutto compreso quasi :AAAAH:25000euro;ma con la differenza di confort da prima li ho spesi volentieri.primaconsumavo circa 180 qli di legna ed avevo sempre il patema di dover caricare spesso;ora risparmio circa 30 qli all'anno ma ho caldo dappertutto ed acqua calda a volontà.Considerate comunque che l'impianto è comprensivo di :caldaia,puffer da 2300 litri,"bollitore acqua sanitaria da 300 ltr.con serpentina per solare,tubi in rame per le connessioni servomotori per le valvole, impianto elettrico(non complesso ma consistente),manodopera ecc.,compreso IVA.dimenticavo che prima scaldavo il mio appartamentoa circa 20 gradi e quello di mio padre a 16;ora quello dei miei a 20 e il mio a circa21.5-22.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sotto ai miei capannoni vi son 2 come sopra da 60000 calorie, tu nh?

Comunque io d'estate devo caricare e accendere tutti i giorni per avere acqua calda a volontà , i depliant sono un pò ottimisti:asd::asd::asd:

Share this post


Link to post
Share on other sites
sotto ai miei capannoni vi son 2 come sopra da 60000 calorie, tu nh?

Comunque io d'estate devo caricare e accendere tutti i giorni per avere acqua calda a volontà , i depliant sono un pò ottimisti:asd::asd::asd:

 

domani ci guardo..non mi ricordo da quant'è

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate l'intromissione, nella pagina precednte si parla dell'arca caldaie, spero che siate interessati a sentire anche la mia opinione( discretamente di parte:asd::asd:): tanto per cominciare, nella pagina precedente viene detto che i tipi vecchi hanno il ventilatore che soffia e le nuove che aspira, sbagliato! vi sono sempre stati quei due modelli( turbogen, con il ventilatore che soffia e due giri di fumi, e aspiro, ventilatore che aspira e 3 giri di fumo; successivamente fu aggiunta la regovent, che a differenza dell'aspiro ha il ventilatore posizionato in verticale invece che a sbalzo, praticamente è la stessa caldaia che costa 1000€ in più...)ovviamente la turbogen è il modello più " da battaglia"( 2 giri di fumo, pannello di regolazione a termostati, niente modulazione dell'aria in spirazione, ecc...) mentre aspiro e regovent sono i modelli" di punta"(3 giri di fumo, ventilatore in aspirazione, modulazione dell'aria in aspirazione, centralina elettronica che gestisce caldaia, boiler, puffer e pannelli solari, ecc...). maggiori informazioni le potete reperire sul sito dell'arca caldaie. scusate per la lunghezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

:asd:

sui pali della telecom , confermo l'arsenico , come impregnante, anche buona parte li fa una ditta nel comune di cuneo , mi pare al Stella spa , che ha un piazzale quais di 30mila mq , con cataste di questi pali lunghi 7 metri

 

Io ho parecchi amici nei dintorini di saluzzo , verso fossano , villafaletto , e li e' pieno di frutteti , e mi hanno detto che , preferiscono salire la val varaita e andare a comprare della legna in montagna piuttosto che bruciare della legna che abbia avuto per 15 20 anni , 9 oppure 10 trattamenti l'anno ....

io sinceramnete brucio i pali della vigna , si lo chimiamo scam, che si rompono durante l'anno , e di questi problemi nn ne ho mai avuti , ... fino ad ora

 

se la guinness , non tradisce la memoria, le traversine del treno dovrebbero essere di legno tek , di origine centro africana, quell per intenderci che sono state messe giu nel ventennio fascista , per cui una sessantina di anni fa, e che in questi anni sono state sostituite con quelle di cemento armato, e che in genere si usano per le recinzioni , dei paddoks delle stalle , o dei cortili,

 

mi son sempre chiesto , al di la del costo , e del riuscire a tagliare un legno cosi duro , ma prendono fuoco?

 

c'e qualcuno che ha fatto l'esperienza di imballare i sarmenti della vigna con la rotopressa? io si

 

confermo che le traversine prendono fuoco e durano un totale, pensa solo che da ragazzo avevo uno di quei camini in casa colonica con una bocca di 3 metri di larghezza 1,5 metri di profondità e ne mettevo una segata (con grossa fatica :asd: ) e i 2 pezzi una volta preso fuoco nel tardo pomeriggio li trovavo alla mattina con ancora la brace ardente, tipo appena finito di fare fiamma.......per me che avevo solo il camino era una soddisfazione alla mattina scaldarmi subito subito :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...