Jump to content
MCT

La raccolta si avvicina: previsioni e speranze.

Recommended Posts

Grazie hyspanico , risposta molto esaustiva :n2mu:

 

Avevo sentito dire che non amasse il caldo ma adesso ho le idee molto più chiare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtà ci sono anche altri fattori in ballo tra cui l' umidità dell' aria. Respirando dal corpo con un sistema tipo il nostro circolatorio con bassa umidità dell'aria e caldo la mosca perde molti liquidi e muore. Infatti resiste meglio a 35°con alta umidità che non a 32 ma aria molto secca.

Quest'anno poi il luglio secco ha reso le olive piuttosto striminzite e le larve avevano molta difficoltà a sopravvive re. E' così che la prima generazione è stata quasi azzerata. Infatti uno dei problemi dell'anno scorso è stato proprio che la prima generazione si è riprodotta a dismisura arrivando ad agosto con una elevatissima popolazione, olive belle gonfie e clima fresco. Ecco che l'infestazione è stata impressionante.

Gli insetti infatti oltre a crescere in modo esponenziale in pochissimo tempo con condizioni sfavorevoli la popolazione si azzera altrettanto velocevente

Share this post


Link to post
Share on other sites

A quanto pare il fresco di montagna quest'anno ha favorito la mosca da me.:cheazz:

 

Va be per ora non è molta, ha beccato le più grosse: Ascolana, Grignan, Carolea, ecc ad ogni modo l'attacco è contenuto e credo che ne verrò fuori alla grande.

 

Avendo l'impianto di irrigazione lavorato sodo, mi trovo molte belle e gustose olive per il palato della Bactrocera.:perfido:

Credo però che essendo l'infestazione contenuta, dovrei cavarmela con un 20/30% di olive bacate.

Ho già predisposto il frantoino e appena cominciano a colorare macino, non vedo l'ora di tornare ad avere olio buono in tavola.

L'olio vermicello dello scorso anno in ogni caso sta per finire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

[h=1]Le previsioni per la campagna olivicolo-olearia 2015/16: passerà alla storia[/h][h=2]Per il secondo anno di fila la produzione mondiale sarà inferiore alla domanda di olio d'oliva, senza neanche le scorte a poter attutire il colpo. Spagna e Italia recuperano ma non brillano. La Tunisia farà i conti con una campagna dimezzata. Sorridono i greci. Possibili tensioni sul fronte dei prezzi[/h]

Dopo che il 2014/15 ci ha consegnato la campagna olearia più magra per l'Italia dal dopoguerra, con meno di 200 mila tonnellate prodotte, e la fine del mito della Spagna icrollabile, con la sua produzione che non ha toccato le 900 mila tonnellate, la campagna olearia 2015/16 doveva essere quella del riscatto e dell'abbondanza.

Così non sarà.

In ripresa, netta, le produzioni in Spagna e Italia ma senza exploit e fuochi d'artificio. Sarà un'annata di mezza carica in entrambe le nazioni.

Olive-harvest-4ff9b152f2b48_hires.jpgIn Italia abbiamo previsto una produzione oscillante tra le 300 e le 330 mila tonnellate. L'andamento climatico delle prossime settimane influenzerà il grado di inolizione, senza contare i possibili, ma mai auspicati, eventi atmosferici avversi.

A dominare la scena, un'altra volta, la Puglia con una produzione di 135 mila tonnellate. Anno di carica, il quarto consecutivo, per il nord barese. Coratina e Ogliarola non mancheranno. Meno positiva la situazione nel Gargano. Qualche pioggia eccezionale e qualche grandinata ha falcidiato oliveti. Analoga situazione in alcune aree dell'alto Salento. Dopo l'anno di scarica e la paura Xylella, però, dovrebbe essere una buona annata per il tacco d'Italia.

La seconda Regione olivicola italiana si riprenderà lo scettro senza se e senza ma. InCalabria, quasi dappertutto, è annata di carica, specie per la Carolea, cultivar regina della Regione. Le 70 mila tonnellate previste la mettono saldamente al secondo posto.

Terza piazza per la Sicilia, con 40 mila tonnellate stimate. Situazione buona ovunque, tranne in qualche areale del catanese, colpito dalla grandine. Buona annata, però, sia nella pregiata area dei Monti Iblei sia nell'ovest dell'isola.

E' il Centro-Nord che risentirà maggiormente dell'ondata di calore in fase di fioritura/allegagione, della siccità estiva, unitamente al caldo africano, e di qualche evento climatico eccezionale che ha flagellato sia la costa tirrenica sia quella adriatica. Nel complesso si prospetta una campagna a macchia di leopardo con oliveti distanti qualche chilometro, ma a volte anche qualche centianio di metri, con situazioni produttive opposte.

Questo scenario fa propendere per un'annata non eccezionale, con valori produttivi intorno alle medie, se non inferiori, come per il Garda. Al contrario per l'area di Brisighella si prospetta una buona campagna. Toscana e Lazio continueranno a battagliare intorno alle 12-14 mila tonnellate, ampiamente superate dalla Campania, con produzione superiore alle 20 mila tonnellate.

Buona campagna in Liguria, dove si attendono 2000 tonnellate. Al contrario piange la Sardegna che, dopo aver sorriso l'anno passato (unica Regione col segno positivo), quest'anno segna il passo, anche per le piogge e grandinate di inizio settembre, con particolare riferimento al Medio Campidano.

Nessun problema evidenziato, invece, per la qualità dell'olio che si prospetta buona o molto buona. La mosca delle olive, infatti, ha colpito assai raramente, a causa delle ondate di caldo africano. In qualche area si segnalano olive molto asciutte a causa della siccità ma la situazione può rapidamente cambiare grazie a qualche pioggia.

A7508_1.jpg

In Spagna, dopo l'entusiasmo di inizio primavera, con la vista di interi oliveti coperti di fiori, la situazione è andata rapidamente mutando già a metà dell'estate. Ondate di caldo, durante la fioritura e allegagione, e perdurante siccità, in alcuni casi dalla primavera, hanno duramente influenzato il risultato produttivo dell'area olivicola spagnola: l'Andalusia. In particolare è l'area intorno a Jaen ad aver sopportato i maggiori disagi per caldo e siccità, così le maggiori ripercussioni sulla produzione. A salvarsi, con una campagna olearia discreta sia l'area di Siviglia sia quello di Toledo. Così pure l'Extramadura e la Catalogna. Ovviamente, per le zone interne della Spagna, resta l'incognita delle gelate precoci che possono compromettere la produzione, almeno quella di extra vergine.

Rispetto alle prime stime, basate sulla fioritura, che indicavano 1,4-1,5 milioni di tonnellate, le previsioni di produzioni si sono bruscamente ridotte nelle ultime settimane.

La Spagna produrrà quindi 1-1,2 milioni di tonnellate. Forbice piuttosto ampia, essenzialmente dovuta all'incognita dell'andamento climatico. Se perdurerà una stagione secca, le perdite si faranno più consistenti, altrimenti vi potrà essere un lieve recupero.

L'andamento climatico influenzerà in maniera determinante anche la qualità dell'olio. Nell'area di Jaen le olive appaiono molto sofferenti, con rapporto polpa/nocciolo assolutamente sfavorevole, con il rischio di avere un difetto di legno nell'olio.

olive-harvest-2010-016.jpgIn Grecia, dopo l'annata eccezionale dell'anno scorso, con una produzione di 300 mila tonnellate, si tornerà su livelli più usuali, di 250 mila tonnellate. E' Creta ad aver sofferto maggiormente dell'annata di scarica e delle ondate di calore, mentre l'area del Peloponneso mostra un'ottima campagna sia dal punto di vista quantitativo sia da quello qualitativo.

Annata di scarica anche in Tunisia che produrrà non più di 150 mila tonnellate d'olio, dopo aver sfiorato le 300 mila lo scorso anno. Al nord, la regione della qualità, la campagna olearia si prospetta buona, con piogge arrivate al momento giusto e olive sane. Riduzione sia qualitativa sia quantitativa, invece, nel centro sud della Tunisia, in particolare nell'ara di Sfax. E' proprio il centro sud a essere la zona più vocata e produttiva, il che spiega la brusca frenata della produzione tunisina.

Campagna invece assolutamente regolare sia in Marocco, con una produzione di 90-100 mila tonnellate, sia in Portogallo, con 80-90 mila tonnellate. In Portogallo in particolare si assiste all'entrata in produzione dei nuovi oliveti, con Arbequina e Koroneiki che sembrano promettere oli di buona qualità.

Anche in Turchia ci si aspetta un'annata normale, con una produzione di 170-180 mila tonnellate.

La produzione mondiale di olio d'oliva sarà quindi inferiore a 3 milioni di tonnellate, per il secondo anno consecutivo, una situazione inaspettata per tutti gli operatori del settore. I 3 milioni di tonnellate sono infatti considerati la quota minima per avere equilibrio di mercato tra domanda e offerta.

A questa situazione si aggiunge la mancanza di stock. Le giacenze, a livello del bacino del Mediterraneo, potrebbero, all'inizio della campagna, essere inferiori alle 200 mila tonnellate, di cui circa la metà in Spagna.

Le giacenze, quindi, a differenza dell'anno passato, non potranno compensare la mancata produzione e quindi calmierare i prezzi. E' questa la ragione per cui, al momento, i listini si sono fermati. Più che fare incetta dell'olio rimasto sul mercato, i commercianti preferiscono assicurarsi quello di nuova produzione, con contratti di fornitura, a prezzi prefissati, per dicembre.

Stante la situazione è improbabile un tracollo dei prezzi nel medio periodo che permarranno sui livelli attuali.

 

http://www.teatronaturale.it/strettamente-tecnico/l-arca-olearia/21812-le-previsioni-per-la-campagna-olivicoloolearia-2015-16-passera-alla-storia.htm

 

qui da me si vocifera di 50-60 euro al quintale, prezzo da ritenere basso in virtù di quanto letto nell'articolo (non che non si sapesse tutto ciò)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avevo già sentito di questo mezzo andamento della spagna.. dite che ci saranno ulteriori aumtenti di prezzi all'ingrosso durante tutta questa nuova campagna?

 

Ma in Sicilia con le olive grosse, non sono già mature e pronte da molire?

Non ha iniziato nessuno?

Edited by dominik1990

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sto ancora raccogliendo, ieri ho raccolto 48 alberi di ogliarola leccese circa 40qli di olive resa 19% acidità 0,2. Non male direi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Stagione raccolta olive terminataO0da voi com'è andata?

quintalaggio come da previsione, rimasto sorpreso dal fatto che alberi potati mi hanno dato più del previsto e gli alberi carichi mi hanno dato meno del previsto( di sicuro ha influito la notevole siccità mentre gli alberi potati ne hanno risentito meno)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Meno della metà dello scorso anno, in compenso quasi tutto emmental :cheazz:

qui si teme un nuovo 2014, che sul fronte prezzi non è stato affatto orribile ma a differenza di quell'anno, pare che il calo in termini quantitativi e qualitativi sia esclusivamente italiano quindi con tutto il prodotto che entrerà dalla grecia e spagna........speriamo bene comunque!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io speravo di fare circa 100 q.li di olive visto che le piante sono cariche, am la siccita' mi sta dando una brutta sorpresa, ma proprio brutta!!!!! :sob::sob::sob::boh::cry::cry::cry::cry::cry:

Edited by njoule

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che annata balorda questa..olive tutte secche e trapanate dalla mosca..qualcuno ha voluto scuotere ma è impossibile perche ancora le piante sono calde e scortecciano tutte..da voi l annata com è?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Che annata balorda questa..olive tutte secche e trapanate dalla mosca..qualcuno ha voluto scuotere ma è impossibile perche ancora le piante sono calde e scortecciano tutte..da voi l annata com è?

ci si lamenta molto per la mosca, personalmente non posso dire nulla, olive a terra non ne vedo, fatti 2 trattamenti, per il resto la drupe è bella grande, per via delle tante pioggie....speriamo che il prezzo accompagni

Share this post


Link to post
Share on other sites
da voi l annata com è?

 

Su 70 piante raccoglierò si è no un secchiello di olive da mettere in salamoia. Schifo totale. Le piante erano cariche di fiori ma dopo la pioggia di giugno abbiamo trovato cumuli di fiori tutti a terra.

Edited by agropontino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qua nell alta piana di Gioa Tauro piante con frutto pochissime, mosche no, ma funghi porca miseria....... Annata grigia...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Qua nell alta piana di Gioa Tauro piante con frutto pochissime, mosche no, ma funghi porca miseria....... Annata grigia...
Se sono porcini....veniamo ad aiutarti nella raccolta:asd:

Scherzi a parte, qua ancora non ho sentito previsione dagli amici che ne hanno....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui si raccoglie da 10 giorni ormai...

ho iniziato le mie, prime moliture con rese del 15%

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche qua in provincia di Arezzo alcuni hanno già iniziato ( sopratutto coloro che non hanno effettuati trattamenti ) e per adesso le rese sono circa dell' 8-9 %; qui la mosca ha fatto la sua comparsa solo a zone, in alcune la situazione è sotto controllo in altre c è gente che ad inizio ottobre ha iniziato la raccolta !!!

La prossima settimana credo che anche chi ha trattato incomincerà meteo permettendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei chiedere a voi che siete esperti, una volta raccolte le olive posso stenderle a terra e lasciarle li per circa una settimana? La qualità dell'olio ne può risentire?

Share this post


Link to post
Share on other sites

gia la stagione è una schiefzza tu vuoi fare gasolio o olio?

ma come ci si racocmanda di molire entro 24 ore dalla raccolta e te le vuoi lasciare una settiman?

 

comunque anche in sabina è la solita annata da dimenticare..pochissima produzione e mosca

Edited by MET80100
unione messaggi consecutivi

Share this post


Link to post
Share on other sites

La mia era una domanda, mi sto avvicinando ora a questo mondo quindi se avessi saputo che le indicazioni generali sono queste non avrei nemmeno chiesto, non credi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno!

 

IO NON MI LAMENTO DEL PRODOTTO LA QUANTITA' E' BUONA E NEMMENO TANTO ROVINATO DALLA MOSCA (HO AZZECCATO BENE I TEMPI DI TRTTAENTO E E TRAPPOLE ATTRATTIVE QUALCOSA HANNO FATTO) COSA CHE NON SI PUO' DIRE DI ALTRI OLIVETI.

LE ULTIME PIOGGE PERO' QUALCOSA ANNO FATTO CADERE:muro:

Edited by marco84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...