Jump to content

Sorgo da granella - Tecniche e Scelte colturali


Recommended Posts

Noi abbiamo finito oggi la semina del sorgo:all'incirca 120-130ha... sempre che non ne vengano fuori altri da seminare:asd:

Messo giù più che altro del Taxus, ma anche Marcus, Pioneer y20 e Cheope... Vediamo cosa salta fuori:)

Link to post
Share on other sites
  • Replies 2.3k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Sorgo Marcus Syngenta prime foto semina 3 giugno seconde 2 foto semina 2 maggio. Quest'anno la semina più tardiva promette meglio. Annata estremamente Siccitosa

Io non capisco tutto questo discorso. Eravate abituati bene, 100mm per ogni mese estivo da noi non si sono mai visti e mai si vedranno. Purtroppo il clima sta cambiando e tutti ci sbattiamo la testa.

Pioneer y47  92 qli ettaro con 15.3 umidità. Altro lotto di 4 ha apsov diamond circa 80 qli ettaro con media di 14.8 umidità. Peso specifico di 3 punti più basso 73 contro 76 abbondanti del Pioneer.

Posted Images

Ai primi impianti fatti, ieri abbiamo iniziato a diserbare con Primagram. Oggi invece un "matto" pretendeva già di sarchiare:2funny: Sono riuscito a convincerlo ad aspettare ancora 7-8 giorni!

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

Primo anno di sorgo nella nostra azienda, e chiaramente oltre a seminarlo in tecnica tradizionale, non potevamo non provare a fare il sodo, anche se sapevo già in partenza che il sorgo, così come il mais, avendo apparato radicale fascicolato e poco potente (al contrario del girasole) si sarebbe adattato male al sodo.

 

Tecnica tradizionale:

 

Aratura estiva a 35 cm

Erpicatura a fine settembre con chisel

Concimazione di presemina con: 5 q.li/ha 5-7-10, e 3 q.li/ha urea 46 %

Disseccamento infestanti con: 2 kg/ha di gliphosate

Erpicatura con erpice rotante

Semina 26 aprile a 45 cm x 4,7 cm

Ibrido seminato: Puma

 

Tecnica ultraconservativa:

 

20 settembre: semina su sodo di veccia da cover crop

22 aprile: disseccamento veccia con 2,5 kg/ha di Gliphosate

Concimazione di presemina con: 5 q.li/ha 5-7-10, e 1 q.li/ha urea 46 % (le altre 100 unità si calcola che le dia la veccia da cover crop).

26 aprile: semina su sodo con semeato SPE06 + Crimper Roller Crop Frontale a 45 x 4,7 cm

Ibrido seminato: Puma

 

In entrambe le prove coltura precedente grano duro.

 

Sorgo su arato:

 

t99671_imag0900.jpg t99672_imag0901.jpg t99673_imag0912.jpg

t99674_imag0913.jpg t99675_imag0914.jpg

 

Sorgo su sodo:

 

t99676_imag0916.jpg t99677_imag0915.jpg

 

Ecco la pacciamatura della veccia secca sotto il sorgo:

 

t99679_imag0905.jpg t99680_imag0910.jpg t99681_imag0909.jpg

 

Aratura vs sodo

 

t99682_aratura-vs-sodo.jpg

 

Problematiche riscontrate sul sodo:

 

1) minore emergenza, per seminare su sodo con cover crop occorre aumentare di un 20 % la dose del seme altrimenti si hanno troppe fallanze.

 

2) la copertura vegetale della cover crop comporta un abbassamento della temperatura del terreno, per cui il sorgo che per nascere ha bisogno di elevate temperature, con la copertura vegetale c'ha messo quasi 10 giorni in più a nascere.

 

3) Sorgo su sodo è cresciuto meno, sia perchè è partito dopo, sia perchè l'apparato radicale si sviluppa con maggiore difficoltà.

 

4) Unico grande vantaggio della veccia, che coprendo tutto il terreno effettua un'ottimo controllo delle infestanti che su sorgo dove ci sono pochi diserbi è una bella cosa.

 

Vedremo i risultati produttivi....

 

E già che c'eravamo appena levata la colza, abbiamo seminato su sodo il sorgo 15 giorni fa, ecco un paio di foto di una settimana fa:

 

t99683_imag0894-1600x1200-.jpg t99684_imag0893-1600x1200-.jpg

 

Sarà difficile trebbiarlo a meno che non ci sia un ottobre non troppo piovoso, ma è anche vero che per la prova abbiamo speso ben poco, cioè seminato e via senza nemmeno concimare.

 

Riguardo alle problematiche del sodo per sorgo e mais, non sono nuove, già da qualche anno quando vado a vedere le prove di agricoltura blu, e ci sono i campi di confronto tra mais su sodo e mais su lavorato si vede sempre che il mais su sodo è almeno 50 cm più basso del mais su lavorato.

 

Addirittura quest'anno un amico che fa mais da una vita sempre arando e seminando a primavera (terreni paludosi della zona di Orentano), ha fatto una prova di 10 ettari invece di arare a 30, ha ripuntato a 40.

 

Con l'andamento climatico eccessivamente secco di questa primavera, il mais su ripuntato era partito meglio, perchè subito dopo la semina il terreno ripuntato aveva perso meno acqua ---> quindi maggiore disponibilità idrica per il mais, ma dopo la pioggia di fine maggio (circa 50 mm), e ora 1 mese che non piove, il mais su arato è decisamente meno in stress rispetto a quello su ripuntato, quindi mais e sorgo hanno un apparato radicale che necessita di un terreno il quanto più possibile soffice e strutturato, al contrario del girasole, dove in 3 anni di prove tra sodo e lavorato non abbiamo avuto differenze significative di produzione, grazie al suo apparato radicale fittonante che meglio si adatta al regime sodivo.

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites

 

Con l'andamento climatico eccessivamente secco di questa primavera, il mais su ripuntato era partito meglio, perchè subito dopo la semina il terreno ripuntato aveva perso meno acqua ---> quindi maggiore disponibilità idrica per il mais, ma dopo la pioggia di fine maggio (circa 50 mm), e ora 1 mese che non piove, il mais su arato è decisamente meno in stress rispetto a quello su ripuntato, quindi mais e sorgo hanno un apparato radicale che necessita di un terreno il quanto più possibile soffice e strutturato,.

 

Ciao Rudy.

Per quale motivo la ripuntatura ha avuto l'effetto di offrire una maggior disponibilità idrica in epoca post-semina e non lo stesso in epoca più avanzata di giugno?

Link to post
Share on other sites

Per il motivo che sto cercando di spiegare da alcuni mesi ad Andrea nell'altra discussione:

http://www.tractorum.it/forum/coltivazioni-erbacee-f21/coltivazioni-primaverili-tecniche-confronto-7271/

 

Sarebbe stato interessante vedere anche la differenza del sorgo in tecnica tradizionale però facendo aratura prima della semina.

Link to post
Share on other sites

Il mio quest'anno non è bellissimo... seminato a metà aprile su terreno precedente passato con rotante, era abbastanza caldo ma si era seccato, invece di dargli una bagnatina veloce dopo una settimana dalla semina abbiamo aspettato la pioggia di 20 giorni dopo ma il risultato è stato deludente, il 30% dei semi sono andati persi... seminato con seminatrice Monosem 6 file da 75cm, ma ha lavorato male, non ha distribuito bene il seme... il prossimo anno voglio provare a farlo con la seminatrice universale, magari togliendo un tubo si e uno no, seminandolo a crica 26 cm tra le file, cosa ne dite??

Link to post
Share on other sites

Strano, cos'è che ha lavorato male nella seminatrice?

Quella universale penso tu intenda quella da grano, c'è chi lo semina, però non essendo di precisione secondo me si hanno risultati inferiori.

Link to post
Share on other sites

La semina incide per il fatto che il seme deve essere distribuito bene ed alla giusta profondità,quella da grano ha il problema della profondità con conseguente problema di fallanze.

Se quella di precisione ti ha fatto un macello del genere vuol dire che ha qualche problema,non so, i dischi o altro.

Link to post
Share on other sites

Diciamo che potrebbe essere una semina analoga a quella della medica... noi sinceramente un metodo lo abbiamo trovat oe con buoni risultati, su terreno perfettamente livellato, abbiamo tolto le molle della simantrice, riducendo la pressione a zero, lasciando quindi il seme praticamente in superficie, si interra successivamente con una passata di rullo, su medica, su sorgo però non so se poi funziona...

Link to post
Share on other sites

Se per "praticamente in superficie" intendi esattamente il significato letterale della frase, a mio avviso la scelta non è corretta.

In zona quest'anno vi sono stati grossi problemi di emergenza su sorgo (tutto seminato con seminatrici di precisione, ovviamente); in particolare si riscontrava una miglior emergenza in presenza di carreggiate ed altre zone dal terreno compatto.

Ragionando in seguito sembra che dove il seme è stato deposto su terreno particolarmente soffice e sottile, oppure dove la seminatrice non ha pressato adeguatamente il solco di semina, oppure ancora semine troppo superficiali, un periodo particolarmente siccitoso e ventoso post semina ha compromesso la buona riuscita delle germinazioni. O è mancata in toto l'umidità necessaria, o peggio, in ragione di quanto appena detto, lo strato utile alla germinazione ed al primo sviluppo del seme si è seccato in pochi giorni.

Link to post
Share on other sites

Ed infatti, mi ero dimenticato di scriverlo, chi ha poi rullato post semina non ha avuto problemi. Il fatto è che la rullatura del sorgo non è praticata solitamente, chi l'ha fatto quest'anno è perché lo faceva sempre, ma sono una ridotta minoranza.

 

Voi invece siete soliti rullare il sorgo ? Sempre ? Esattamente quando ?

Link to post
Share on other sites

 

2) la copertura vegetale della cover crop comporta un abbassamento della temperatura del terreno, per cui il sorgo che per nascere ha bisogno di elevate temperature, con la copertura vegetale c'ha messo quasi 10 giorni in più a nascere.

 

4) Unico grande vantaggio della veccia, che coprendo tutto il terreno effettua un'ottimo controllo delle infestanti che su sorgo dove ci sono pochi diserbi è una bella cosa.

 

Come sempre complimenti a Dj Rudy per l'intraprendenza.

Un appunto su quanto quotato.

 

Abbiamo lungamente scritto e dibattuto sull'importanza dell'anticipo colturale per massimizzare le rese. La cover crop, seppur con gli indiscussi vantaggi da te spesso elencati, in questo caso risulta essere quasi controproducente: inizialmente come ritardo nella germinazione, poi per l'impossibilità di sarchiare; pratica che almeno qua, più che per il controllo delle infestanti consente di interrare il concime ma soprattutto di riscaldare i terreni pesanti.

 

Come sempre aspettiamo le rese per poter valutare meglio.

E della manichetta non ce ne parli ? :rolleyes:

Link to post
Share on other sites
Abbiamo lungamente scritto e dibattuto sull'importanza dell'anticipo colturale per massimizzare le rese. La cover crop, seppur con gli indiscussi vantaggi da te spesso elencati, in questo caso risulta essere quasi controproducente: inizialmente come ritardo nella germinazione

 

Sul girasole non ho mai notato grosse differenze (proprio perchè le esigenze in termini di temperatura per la germinazione sono molto minori), mentre sul sorgo e quindi molto probabilmente anche su mais il differenziale in negativo c'è ed è inutile negarlo.

 

E' anche vero che di prove in Italia di primaverili su sodo direttamente su cover crop non ce ne sono, un conto è seminare direttamente sulla stoppia del grano dell'anno prima (quindi terreno completamente pulito), e un conto è seminare su una cover crop alta più di un metro che quando la schiacci fa una copertura verde di 20 cm, che fino a che non si secca fa molta ombra.

 

La sperimentazione serve proprio a questo, capire quali sono i problemi di una tecnica molto innovativa e cercare di risolverli, ma se non si fanno le prove tra 200 anni siamo ancora ad arare e seminare....

 

poi per l'impossibilità di sarchiare; pratica che almeno qua, più che per il controllo delle infestanti consente di interrare il concime ma soprattutto di riscaldare i terreni pesanti.

 

Come detto la concimazione l'ho fatta tutta in presemina sia su arato che su sodo. La parte arata è stata diserbata e sarchiata, quella su sodo solo diserbata, ma grazie alla veccia è più pulito quello su sodo non sarchiato che quello su arato sarchiato, quindi la veccia con la sua copertura aiuta molto la lotta alle infestanti.

 

Come sempre aspettiamo le rese per poter valutare meglio.

 

Certamente le rese saranno sempre riportate.

 

E della manichetta non ce ne parli ? :rolleyes:

 

Da una settimana abbiamo messo l'irrigazione a manichetta, per vedere il massimale produttivo del sorgo chiaramente sia su sodo che su arato.

Link to post
Share on other sites
Ed infatti, mi ero dimenticato di scriverlo, chi ha poi rullato post semina non ha avuto problemi. Il fatto è che la rullatura del sorgo non è praticata solitamente, chi l'ha fatto quest'anno è perché lo faceva sempre, ma sono una ridotta minoranza.

 

Voi invece siete soliti rullare il sorgo ? Sempre ? Esattamente quando ?

 

Sono 4-5 anni che da quando abbiamo il rullo liscio, siamo soliti svolgere la pratica su ogni coltura (logicamente quando il tempo lo permette, in primavera e quasi sempre possibile, in autunno già è una cosa più complicata, ma quest'anno abbiamo anticipato el semine autunnali quindi siamo riusciti comuqnue) quindi anche su sorgo. Solitamente si va direttamente dietro la seminatrice in primavera (dato che quest'anno il terreno era asciuttissimo), idem dopo medica fatta a fine agosto-settembre, su semine autunnali bisogna attendere dopo la semina che il terreno diventi bianco in superficie, se no fai solo danno, sempre che sia possibile, se no niente... oltre ai normali benefici della rullatura noi abbiamo anche un altro scopo, far sparire la maggior parte dei sassi in superficie...

Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
Guest albe 86

Per controllare il giavone su sorgo, oltre al Primagram Gold in post precoce, non si può fare niente?

Complimenti vivissimi al buon Dj sia per l'ottimo sorgo che per la solita "intraprendenza" colturale.

Link to post
Share on other sites

Mi sono dimenticato di precisare, al di la dei problemi legati alla semina con seminatrice universale (da grano), pensavo che seminato a file si sarchia e se c'è un pò di erba se ne va, ma seminato più fitto senza essere sarchiato se esce l'erba che si combina???

Link to post
Share on other sites

Tra irrigazione e pioggia ecco il sorgo dopo un mese e circa 150 mm:

 

aratura:

 

t103127_imag0947-1600x1200-.jpg t103128_imag0948-1600x1200-.jpg

 

sodo:

 

t103129_imag0949-1600x1200-.jpg t103130_imag0950-1600x1200-.jpg

 

con l'acqua quello su sodo si è ripreso bene, ma rimane sempre indietro di quasi 20 giorni rispetto all'arato, a causa del ritardo nell'emergenza.

Link to post
Share on other sites
Per controllare il giavone su sorgo, oltre al Primagram Gold in post precoce, non si può fare niente?

Complimenti vivissimi al buon Dj sia per l'ottimo sorgo che per la solita "intraprendenza" colturale.

 

Noi il modo l'abbiamo trovato:perfido: Una miscela a dir poco esplosiva per il giavone... ora non ricordo bene i prodotti, ma mi informo poi vi so dire. Il sorgo ne risente un po' ma il giavone:nutkick:

Link to post
Share on other sites
Guest albe 86
Noi il modo l'abbiamo trovato:perfido: Una miscela a dir poco esplosiva per il giavone... ora non ricordo bene i prodotti, ma mi informo poi vi so dire. Il sorgo ne risente un po' ma il giavone:nutkick:

 

Grazie Mt! mi faresti un grande piacere visto che da noi l'infestazione di giavone è uno dei principali problemi di questa coltura.

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...