Jump to content
DjRudy

Aratri Portati

Recommended Posts

Discussione dedicata agli aratri portati, siano essi normali o voltaorecchio, dal piccolo monovomere ai grandi polivomeri.

 

 

 

 

Edited by DjRudy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Avevo sbagliato a posizionare la discussione. Ecco qui la discussione sugli aratri portati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io come aratri ho usato ermo quadrivomere e adesso ho due lemken quadrivomere che si usano con il 180-90 (il mio operaio non usa altro non vuole) e normalmente sotto il fendt 820, adesso si pensava di piazzare un pentavomere per il grosso per sfruttare di più la macchina ma siamo molto indecisi per la scelta perchè passare da un 180-200cv con 4 vomeri e usare un 5 sotto un 300 non è una genialata ce ne vorrebbero 6 e di portati con 6 poi cominci ad avere le rogne quando fai le testate e quano vai per strada....

 

Pensavamo di rimanere su lemken o passare a un kverneland perchè l'importatore è qua a un tiro di schioppo e quindi si sta tranquilli sui ricambi, l'unica alternativa italiana che ritengo valida è il moro aratri abbiamo un trivomere a geometria variabile per il JD e lavora molto bene.

 

Siccome poi la macchina dovrebbe fare circa 400 ore di aratura (ne fa già 1000 abbondanti l'anno tra spingere insilato e ripper) non vorremmo trovarci un bidone in casa.

 

L'idea è di prendere uno per liberare una macchina media per lavorare con le macchine su sodo e minima lavorazione.

 

Non nominatemi i soliti produttori italiani produttori di pesi perchè qua ariamo a 35cm teorici e quindi del gran ferro non ce ne vuole basta che resista ma leggero è meglio (i quadrivomere non arrivano a 20q.li)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono mica la copia spagnole dei kverneland????

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra overum e kverneland ci saranno somiglianze ma non sono certo lo stesso aratro, anzi possiamo dire che sono entrambi ottimi aratri per terreni tendenzialmente sciolti e per arare da 20 a 30 cm. Overum fa parte del gruppo Kongskilde il cui importatore è Marchetti di Este.

Share this post


Link to post
Share on other sites

CONSIGLIO ARATRO NUOVO..

 

ciao a tutti avrei intenzione di cambiare il mio aratro reversibile

 

adesso ho un trivomere reversibile con avanvomeri.. e spostamento idraulico su slitta da 90 cm lavora a profondita di 35- 38 cm (ho anche i deflettori) tirato dal 6530 johndeere

 

che aratro mi consigliate??? con la slitta e apertiura variabile idraulica, fisso con apertura meccanica.. con parallelolagramma.. come??

lavoro terra agillosa e sciolta... anche collina.. pianura un pò di tutto. profondità che mi ineressa circa 35 cm

 

a me piacciono molto anche i kuhn, ma ho paura che in terra tenace soffra e si rompa qualcosa.. (con l'ayttuale aratro diverse viti di sicurezza 8.8 al giorno quando è dura!!

 

le proposte che stò valutando sono:

 

nardi trivomere apertura variabile idraulica sui 13 q circa non ricordo nome

 

moro aratri warrior variant, apertura idraulica peso circa 13

 

kuhn non ho ancora parlato con il rappresentante.. e non saprei l'abbinameno

 

non mi dispiacerebbe un quadrivomere in modo da andare più veloce su terra fina e evitare di fare grosse zolle sulla terra dura..

 

quadrivomere ho visto moro aratri variabile e kuhn... che mi piacciono molto come sistema. e pesano circa al massimo 14 q dipende un pò dal modello a dall'ala

 

che ne pensate?? pareri giudizi.. consigli... prezzi.. ( ;) )

 

grazie atutti

 

dj rudy salvami...!! :)

 

dimenticavo...faccio araturaentro solco con gomme 600 posteriori e 540anteriori .. per la finitura cosa mi consigliate? con la slitta è unn divertimento.. che dite?

grazieeeeee

Edited by puntoluce
unione messaggi consecutivi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dovessi scegliere io direi: moro warrior 18 oppure ermo tv3.95.. Ovviamente perche ho avuto (tuttora ho..) esperienze positive con queste marche.. Kuhn vanno bene quelli con versoio a losanga se devi fare arature leggere e hai terra sciolta, altrimenti lascia perdere.. Quadrivomere mi sembra decisamente troppo per un 130cv..ho avuto anche sogema a slitta, robusto, ma la qualità del lavoro non mi entusiasma...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se ti piace il Kuhn la risposta è una sola: Varimaster 152 trivomere con ali a losanga.

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie...

 

per francesco.. credo che intendessi dire 14 o 12 non 18 altrimenti sarebe troppo grande...

 

dj non ho mai visto lavorare in zona aratri a losanga.. e mai provato.. sul duro come vanno? INTERRAMENTODEI RESIDui? puntoluce che ne pensi?? degli altri djrudy che mi dici? meglio tradizionale o non ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se vuoi aratri tradizionali la misura giusta per un trivomere da 110-120 cv è il 14. L'interramento dei losanga è tra i migliori, sul duro duro non so come si comporta ma quando è molto dura comunque un trivomere con quel trattore non lo tiri quindi...

 

Il periodo di aratura in Terratech non è ancora finito...

 

 

Se non sbaglio con il CMA ara il mitico Fox...

Edited by DjRudy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se non sbaglio con il CMA ara il mitico Fox...

 

Si, è stato preso l'aratro in tinta con il colore dei capelli... :2funny::2funny::2funny:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si, è stato preso l'aratro in tinta con il colore dei capelli... :2funny::2funny::2funny:

Quindi in Terratech hanno preso anhe un CMA? o è solo in prova?Come si comporta rispetto a Ermo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

salve a tutti... chi mi saprebbe dire la differenza tra una sogema duta e una sogema dupao? io ho un new holland t5060 e sono intenzionato ad acquistare un'aratro bivomere. quest'estate ho utilizzato l'aratro di mio zio una sogema duta 130 bivomere.. devo dire che il motore si è comportato bene però si notava che l'aratro è sovradimensionato allora sono intenzionato a trovare un bivomere d'occasione. durante la ricerca trovo duta e dupao quindi vorrei capire le differenze.. poi chi mi saprebbe indicare l'aratro giusto? grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
salve a tutti... chi mi saprebbe dire la differenza tra una sogema duta e una sogema dupao? io ho un new holland t5060 e sono intenzionato ad acquistare un'aratro bivomere. quest'estate ho utilizzato l'aratro di mio zio una sogema duta 130 bivomere.. devo dire che il motore si è comportato bene però si notava che l'aratro è sovradimensionato allora sono intenzionato a trovare un bivomere d'occasione. durante la ricerca trovo duta e dupao quindi vorrei capire le differenze.. poi chi mi saprebbe indicare l'aratro giusto? grazie

 

nessuno sà dirmi niente? cmq mi sono accorto di un errore. la sogema duta che ho utilizzato è una 120 no 130

Edited by nikdic

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quindi in Terratech hanno preso anhe un CMA? o è solo in prova?Come si comporta rispetto a Ermo?

 

E' il terzo aratro in scuderia Terratech, per ora ha arato almeno 300 ettari,

 

Secondo quanto detto dagli operatori: nessun cedimento strutturale, qualità del lavoro del tutto simile ad E.R.M.O. con il vantaggio di essere più leggero grazie all'assenza della slitta sostituito dal parallelogramma, per ora i commenti sono positivi ma per un giudizio finale bisogna aspettare ottobre del prossimo anno quando avrà arato altri 500 ettari.O0

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' il terzo aratro in scuderia Terratech, per ora ha arato almeno 300 ettari,

 

Secondo quanto detto dagli operatori: nessun cedimento strutturale, qualità del lavoro del tutto simile ad E.R.M.O. con il vantaggio di essere più leggero grazie all'assenza della slitta sostituito dal parallelogramma, per ora i commenti sono positivi ma per un giudizio finale bisogna aspettare ottobre del prossimo anno quando avrà arato altri 500 ettari.O0

ma come dimensioni di telaio e ali è paragonabile all'ermo quadrivomere dell'8530 o è piu piccolo?Come peso sara senza dubbio piu pesante l'ermo

Share this post


Link to post
Share on other sites

I telai dei due Er.mo. sono uguali (se non sbaglio sono tutti e due 12), comunque il CMA pesa molto meno anche del trivomere... se non ricordo male dovrebbe essere sui 24-25 qli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

CIAO a tutti

 

studiando attentamente i varideplian dei costruttori di aratri, parlo di aratri portati reversibili a fetta variabile idraulica, ho visto che ad esempio un bivomere per una determinata fascia di potenza, a parità di profondità dichiarata, può anche essere sostituito in termini di caratteristiche di lavoro e quindi profondità, larghezza di ogni corpo lavorante, potenza richiesta, da un trivomere e ovviamente un trivomere nello step successivo e in proporzione allo stesso modo con un quadrivomere..

 

in poche parole, secondo voi considerando gli stessi cm lavorati per singolo corpo, ad esempio un trivomere che lavora 40 cm a corpo, a una profondità di 35cm, è meglio o peggio in termini di produzione e lavoro rispetto ad un quadrivomere che lavora sempre gli stessi cm a corpo e alla stessa profondità?? ovviamente con il primo si terra una velocità di lavoro maggiore, mentre con il secondo si avrà una larghezza di lavoro maggiore (in questo caso 4o cm) certoche il fattore della"durezza-argillositàdella terra" incide, ma parlo nelle medesime condizioni...

 

cosa preferite e consigliate velocità o larghezza di lavoro??

Share this post


Link to post
Share on other sites
CIAO a tutti

 

studiando attentamente i varideplian dei costruttori di aratri, parlo di aratri portati reversibili a fetta variabile idraulica, ho visto che ad esempio un bivomere per una determinata fascia di potenza, a parità di profondità dichiarata, può anche essere sostituito in termini di caratteristiche di lavoro e quindi profondità, larghezza di ogni corpo lavorante, potenza richiesta, da un trivomere e ovviamente un trivomere nello step successivo e in proporzione allo stesso modo con un quadrivomere..

 

in poche parole, secondo voi considerando gli stessi cm lavorati per singolo corpo, ad esempio un trivomere che lavora 40 cm a corpo, a una profondità di 35cm, è meglio o peggio in termini di produzione e lavoro rispetto ad un quadrivomere che lavora sempre gli stessi cm a corpo e alla stessa profondità?? ovviamente con il primo si terra una velocità di lavoro maggiore, mentre con il secondo si avrà una larghezza di lavoro maggiore (in questo caso 4o cm) certoche il fattore della"durezza-argillositàdella terra" incide, ma parlo nelle medesime condizioni...

 

cosa preferite e consigliate velocità o larghezza di lavoro??

 

Il concetto di meglio o di peggio non è assoluto.

 

Se un aratro quadrivomere lavora con la stessa profondità e stessa larghezza per corpo, e magari con gli stessi componenti, alla stessa velocità la qualità di lavoro sarà esattamente uguale.

Se diciamo che con il quadrivomere si procederà ad una velocità più bassa, diciamo inversamente proporzionale alla larghezza di lavoro, ossia a 3/4 della velocità del trivomere, si dirà che:

- la quantità di lavoro finale (ettari lavorati per unità di tempo) sarà uguale in campi lunghissimi, ossia se non si considera il tempo di svolta.

-Su campi corti si risparmia tempo col quadrivomere a causa del risparmio di tempo nelle svolte.

- Il quadrivomere costerà più caro ed avrà un tempo di ammortamento più lungo.

- il quadrivomere sarà più pesante e richiederà maggiore zavorratura.

- Il maggior peso del quadrivomere favorirà l'interramento con terreno secco ma sfavorirà la galleggiabilità del complesso trattrice-aratro nel terreno con poca portanza.

- l'usura del quadrivomere risulterà inferiore sia a causa della diminuzione della unità lavorata per ogni corpo che per la ridotta velocità

- la terra arata col trivomere sarà meno grossolana a causa della maggiore velocità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il concetto di meglio o di peggio non è assoluto.

 

Se un aratro quadrivomere lavora con la stessa profondità e stessa larghezza per corpo, e magari con gli stessi componenti, alla stessa velocità la qualità di lavoro sarà esattamente uguale.

Se diciamo che con il quadrivomere si procederà ad una velocità più bassa, diciamo inversamente proporzionale alla larghezza di lavoro, ossia a 3/4 della velocità del trivomere, si dirà che:

- la quantità di lavoro finale (ettari lavorati per unità di tempo) sarà uguale in campi lunghissimi, ossia se non si considera il tempo di svolta.

-Su campi corti si risparmia tempo col quadrivomere a causa del risparmio di tempo nelle svolte.

- Il quadrivomere costerà più caro ed avrà un tempo di ammortamento più lungo.

- il quadrivomere sarà più pesante e richiederà maggiore zavorratura.

- Il maggior peso del quadrivomere favorirà l'interramento con terreno secco ma sfavorirà la galleggiabilità del complesso trattrice-aratro nel terreno con poca portanza.

- l'usura del quadrivomere risulterà inferiore sia a causa della diminuzione della unità lavorata per ogni corpo che per la ridotta velocità

- la terra arata col trivomere sarà meno grossolana a causa della maggiore velocità.

 

 

se il terreno non è sassoso, quindi l'aratro non prende botte, la velocità non conta..

 

per il resto, non posso che quotarti, poi con un aratro più lungo si tende a lasciare leggermente più capezzagna ed è meno maneggevole in rifinitura, per il peso leggermente più elevato..

 

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
se il terreno non è sassoso, quindi l'aratro non prende botte, la velocità non conta..

 

per il resto, non posso che quotarti, poi con un aratro più lungo si tende a lasciare leggermente più capezzagna ed è meno maneggevole in rifinitura, per il peso leggermente più elevato..

 

 

ciao

Cerchiamo di capirci, non è che uno compra un tre o un quadrivomere al posto di un bivomere.

Le valutazioni da fare a mio avviso sono:

Tipo di trattore, tipo di terreno, profondità di lavoro, superfice media degli appezzamenti, quantità di lavoro da fare, tempo a disposizione, che è sempre meno ma non diminuisco il tempo della lavorazione aumentando il numero degli aratri, non sempre!

La qualità di lavoro si ottiene con il versoio giusto, non con più o meno corpi,

chiaramente sempre parlando di un aratro adatto alla realtà in cui si lavora.

Quindi se puoi "tirare" un triv. ma hai un ettaro di terra NON ti serve.

Il resto sono chiacchere da rivenditori, se l'acquirente non SA quello di cui ha bisogno, vale la regola delle scarpe, PROVARE, può sembrare tempo perso, ma se non si fà, non lamentatevi se le prendete o larghe o piccole.

Share this post


Link to post
Share on other sites
se il terreno non è sassoso, quindi l'aratro non prende botte, la velocità non conta..

 

per il resto, non posso che quotarti, poi con un aratro più lungo si tende a lasciare leggermente più capezzagna ed è meno maneggevole in rifinitura, per il peso leggermente più elevato..

 

 

ciao

e' anche vero che se il terreno e' piu' pesante con un quadrivomere che prende la larghezza per corpo leggermente meno di un trivomere il terreno si sminuzza meglio es... se con 3 prendo 50 cm per corpo a 40 cm di profondita' con 4 ne prendero' 40 cm per corpo sempre a 40 cm di profondita' mantendendo una velocita'quasi la stessa che con un trivomere ma lavorando piu' terreno e affinandolo meglio.Poi il quadrivomere sopratutto se si ara in fuorisolco e' piu' bilanciato di un trivomere,con l'avvento dei pieghevoli ad esempio il quadrivomere e' meno impegnativo per strada di un trivomere.Come ogni attrezzatura se andiamo analizzarla ha i pro e i contro ovviamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
e' anche vero che se il terreno e' piu' pesante con un quadrivomere che prende la larghezza per corpo leggermente meno di un trivomere il terreno si sminuzza meglio es... se con 3 prendo 50 cm per corpo a 40 cm di profondita' con 4 ne prendero' 40 cm per corpo sempre a 40 cm di profondita' mantendendo una velocita'quasi la stessa che con un trivomere ma lavorando piu' terreno e affinandolo meglio.Poi il quadrivomere sopratutto se si ara in fuorisolco e' piu' bilanciato di un trivomere,con l'avvento dei pieghevoli ad esempio il quadrivomere e' meno impegnativo per strada di un trivomere.Come ogni attrezzatura se andiamo analizzarla ha i pro e i contro ovviamente.

 

Tutto valido, se tengo ferma la regola di mi serve o non mi serve, se ho acquistato un 300 hp DEVO lavorare con un quadrivomere, oppure devo acquistare l'attrezzo adatto alla trattrice ed alla tipologia di lavoro,( sarebbe opportuno fare queste considerazioni prima di acquistare la trattrice e non dopo) si lo so, la terra dura, la profondità, tutto quello che volete, ma pensate che nell'industria o nell'artigianato, non ci sia questo problema? Prima di aquistare una macchina devo sapere con che utensili può lavorare, dopo è tardi!

Se si ascoltano i rivenditori, ti danno quello che hanno e se non lavori COME DOVRESTI è sempre colpa del terreno, o di altro, nel Ns. settore.

se ascoltavamo i "tecnici" (a loro dire) il Boro invece di incomiciarlo ad usare 30 anni orsono quando nessuno sapeva neanche cos'era, ed impiegarlo in maniera diffusa in tutti i componenti ora staremmo a dare la colpa a questo o a quest'altro.

Scuate il fuori arg. ma trovo difficile spiegare un concetto senza fare riferimenti ad una filosofia generale di costruzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...