Jump to content
DjRudy

Aratri Portati

Recommended Posts

come diceva ggb58 che ha tolto poi alcune frasi dall'ultimo discorso c'è un foro tutto soletto in cima, si è vero, ma per fuorisolco serie nuova o 4 o 5 aratri son sempre esistiti in cima alla testata i fori alti alti, almeno da 4 o 5 anni.

 

poi sul nardi al momento dell'acquisto puoi costruire l'aratro come più ti piace, testata più grossa o più leggera, trave più grosso e più leggero etcc.. in pratica decidi tu se avere più robustezza o magari per un trattore più leggero avere meno peso da portarsi dietro, magari per terre più facili.

Edited by Luchino

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'aratro ti interessa nuovo o usato? (rispondimi nella discussione degli aratri per cingolati).

 

P.S. ho aggiunto altre foto nella prima pagina del penta Nardi, stasera vi do la sigla esatta del modello.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno a tutti,

come al solito se ho bisogno di un consiglio, non posso venire che su questo sito.

Con mio padre stiamo valutando di cambiare l'aratro in quanto non è adatto a tutte le applicazioni a cui lo sottoponiamo.

Per essere più preciso io ho un john deere 5720 e ho un bivomere ORSI da 9 quintali piuttosto datato che, finché si tratta di arare su terreno pulito il suo lavoro lo fa, però quando si tratta di sotterrare stocchi di mais non riesce più a fare un aratura come si deve.

Poi da quando ho aperto un po' il john le cose sono peggiorate.

Io sarei più propenso ad indirizzarmi verso un MORO ARATRI, un WARRIOR BVM 16A, o 16AP. Forse questi due modelli sono un po' grandi per il mio trattore, ma almeno hanno un vomere che mi permetterà di coprire ogni tipo di coltura.

 

Se è possibile, io vorrei sapere qualche prezzo sia del nuovo che dell'usato. Grazie in anticipo

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao, per un 5720 un 16 della moro è un pelo troppo, sarebbe un aratro per un 120 cavalli e il tuo è un trattore compatto non tanto adatto all'aratura. non so che terre hai e se hai pendenze.

Comunque un usato discreto si può partire da 5000 euro in su, se più di 7/8 anni anche 4000 euro, poi dipende dall'usura e da come è tenuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Buongiorno a tutti,

come al solito se ho bisogno di un consiglio, non posso venire che su questo sito.

Con mio padre stiamo valutando di cambiare l'aratro in quanto non è adatto a tutte le applicazioni a cui lo sottoponiamo.

Per essere più preciso io ho un john deere 5720 e ho un bivomere ORSI da 9 quintali piuttosto datato che, finché si tratta di arare su terreno pulito il suo lavoro lo fa, però quando si tratta di sotterrare stocchi di mais non riesce più a fare un aratura come si deve.

Poi da quando ho aperto un po' il john le cose sono peggiorate.

Io sarei più propenso ad indirizzarmi verso un MORO ARATRI, un WARRIOR BVM 16A, o 16AP. Forse questi due modelli sono un po' grandi per il mio trattore, ma almeno hanno un vomere che mi permetterà di coprire ogni tipo di coltura.

 

Se è possibile, io vorrei sapere qualche prezzo sia del nuovo che dell'usato. Grazie in anticipo

 

 

che profondità devi arare?

comunque guarda che anche con un 14 riesci bene ad interrare gli stocchi la differenza sta nella profondità di lavoro.......se vuoi prendere un aratro che interri bene devi prenderlo con la larghezza tra i corpi maggiore possibile (in caso di moro credo 110 cm) non con una profondità maggiore

Share this post


Link to post
Share on other sites

domenica passavo da S Pietro P. e stava arando un fendt con un quadrivomere rabe profondità 30 cm ebbene interrava gli stocchi di mais non trinciati. Ottimo aratro. A proposito di stegoli guardate come lavora il sollevatore (stegoli) col bordin a 55 cm di profondità. si potrebbero aprire da un momento all'altro gli attacchi a tirare così basso[ATTACH=CONFIG]14847[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]14848[/ATTACH]

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenica passavo da S Pietro P. e stava arando un fendt con un quadrivomere rabe profondità 30 cm ebbene interrava gli stocchi di mais non trinciati. Ottimo aratro. A proposito di stegoli guardate come lavora il sollevatore (stegoli) col bordin a 55 cm di profondità. si potrebbero aprire da un momento all'altro gli attacchi a tirare così basso[ATTACH=CONFIG]14847[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]14848[/ATTACH]

 

dalla foto non mi pare terreno particolarmente tenace ,per cui non vedo come possano aprirsi gli stegoli , li l'aratro lo tiri anche con l'elastico delle mutandine Canguro. ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

li ho fatto il video con il p moro terra bestiale 35 cm dopo l ho ruspata e ci metto vite ma ti assicuro che i &20 cm rimasti facevano tirare e non poco il silver . per gli stegoli era per agganciare al discorso di gg58 e sul fatto che ha ragione quando si parla di altezza di tiro. come può lavorare bene un sollevatore così basso

Share this post


Link to post
Share on other sites
domenica passavo da S Pietro P. e stava arando un fendt con un quadrivomere rabe profondità 30 cm ebbene interrava gli stocchi di mais non trinciati. Ottimo aratro. A proposito di stegoli guardate come lavora il sollevatore (stegoli) col bordin a 55 cm di profondità. si potrebbero aprire da un momento all'altro gli attacchi a tirare così basso[ATTACH=CONFIG]14847[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]14848[/ATTACH]

si ma con 55 cm di profondita' hai 15 cm in piu' che arare a 40 logico che gli stegoli stiani piu' bassi

Share this post


Link to post
Share on other sites
che profondità devi arare?

comunque guarda che anche con un 14 riesci bene ad interrare gli stocchi la differenza sta nella profondità di lavoro.......se vuoi prendere un aratro che interri bene devi prenderlo con la larghezza tra i corpi maggiore possibile (in caso di moro credo 110 cm) non con una profondità maggiore

 

Forse NON intendi larghezza ma intendi la lunghezza tra i corpi da 110.

@Matt77: Per interrare bene gli stocchi occorre far lavorare bene l'avanvomero.

Dici che da quando hai "aperto" il JD la situazione è peggiorata. Forse è aumentata la velocità di aratura. Prova ad abbassare un po gli avanvomeri del tuo "orsi". Negli aratri portati all' aumento della velocità di aratura corrisponde una spinta dinamica diversa che provoca una diminuzione della profondità di aratura.

@Gabriele: confermi la mie teoria (che deriva da osservazioni pratiche)? Ossia che a parità di aratro, trattore, terreno e regolazione dello sforzo e senza ruota di profondità, se aro ai 6 Km/h l'aratro va ad una profondità X, se aro ai 10 Km/h nella stessa situazione l'aratro va MENO profondo.

Edited by Alberto64

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da circa un mese, ho "rinnovato" il parco macchine, ho anche un aratro Orsi seminuovo e per curiosità vorrei sapere perchè il perno del terzo punto è tornito così (forse per lasciare gioco? ) L'aratro è piccolo per quel trattore, ma per il momento ho trovato quello...

[ATTACH=CONFIG]14856[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]14857[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]14858[/ATTACH]

Share this post


Link to post
Share on other sites
Forse NON intendi larghezza ma intendi la lunghezza tra i corpi da 110.

@Matt77: Per interrare bene gli stocchi occorre far lavorare bene l'avanvomero.

Dici che da quando hai "aperto" il JD la situazione è peggiorata. Forse è aumentata la velocità di aratura. Prova ad abbassare un po gli avanvomeri del tuo "orsi". Negli aratri portati all' aumento della velocità di aratura corrisponde una spinta dinamica diversa che provoca una diminuzione della profondità di aratura.

@Gabriele: confermi la mie teoria (che deriva da osservazioni pratiche)? Ossia che a parità di aratro, trattore, terreno e regolazione dello sforzo e senza ruota di profondità, se aro ai 6 Km/h l'aratro va ad una profondità X, se aro ai 10 Km/h nella stessa situazione l'aratro va MENO profondo.

 

Ciao, certo il carico che lo sforzo analizza a 6 km/h è diverso che a 10, il sollevatore mantiene quello impostato, per l'interramento degli stocchi il discorso è piu complesso, anche la velocità può influire, la distanza tra i corpi sicuramente aiuta, poi la regolazione della profondità degli avanvomeri, è difficile dare (almeno per me) un giudizio o un parere senza vedere la situazione reale, per l'altezza dei tiri, comunque l'aggancio rapido in quella situazione lavora in modo scorretto, meglio, è assoggettato ad un carico nella zona meno resistente, quella superiore, ci sono tanto di schemi, con illustrazioni e misure delle caratteristiche e modalità di impiego, fatte dai costruttori di tali componenti, forse, dico forse, un dubbio a chi progetta e costruisce poi le varie attrezzature, dovrebbe venire, sarò più chiaro, ma per che ca....o li fanno gli schemi/schede d'impiego se poi ognuno fa quello che vuole?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Da circa un mese, ho "rinnovato" il parco macchine, ho anche un aratro Orsi seminuovo e per curiosità vorrei sapere perchè il perno del terzo punto è tornito così (forse per lasciare gioco? ) L'aratro è piccolo per quel trattore, ma per il momento ho trovato quello...

[ATTACH=CONFIG]14856[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]14857[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]14858[/ATTACH]

 

Quella è usura, la spina ruota e si consuma nella zona del supporto, la "norma" prevede di tenere ferme le spine, l'usura si verificherà solo sulla zona dello snodo non rischiando di compromettere il supporto, vedi lato trattore che il supporto ne impedisce la rotazione, (se montata la spina correttamente con la copiglia nel foro non lateralmente) saluti Gabriele.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a tutti per le risposte.

 

Avete ragione non mi sono spiegato a sufficienza sul territorio in cui lavoro e sulle caratteristiche dell'aratro che possiedo.

 

Allora: io abito a Magliano Alpi, un piccolo comune nel centro della provincia di Cuneo, leggermente in collina, anche se l'agricoltura si sviluppa solo su tre fasce pianeggianti del territorio maglianese localizzate a tre altitudini diverse; quindi noi lavoriamo per quasi la totalità su terreni pianeggianti. Queste tre fasce ovviamente sono caratterizzate da tipi di terreni diversi.

Partendo dalla fascia più bassa che si trova subito sopra il torrente Pesio, è presente un terreno irriguo che si lavora bene, ma nel quale è presente un enorme quantità di pietre; la seconda fascia, dove si sviluppa anche il centro abitato del comune, che ha un terreno irriguo di facile lavorabilità, ma senza pietre; la terza fascia, che poi è la cima della collina, dove è presente una terra rossa non irrigua, che si compatta facilmente e di diffile lavorabilità. Quindi capite che la scelta di un'attrezzatura con terreni così diversi non è così facile.

 

Per quanto riguarda l'aratro che ho adesso, è un aratro abbastanza corto e basso che poco si adatta a profondità leggermente più elevate e all'interramento di stocchi di mais, in quanto non è il problema di regolazione degli avanvomeri che limità l'aratro, ma è proprio un problema di vomeri, che sono piccoli e non girano bene il terreno. Io avevo già pensato di regolare gli avanvomeri per arare più profondo, ma avevo già notato che quando provavo a rendere il solco più profondo i vomeri andavano veramente in crisi, e invece di girarla, la terra gli passava sopra e una buona parte mi ricadeva nel solco. Quindi non riuscirei neanche a mettere abbastanza terra sugli stocchi che mi permetta di non scoprirli di nuovo usando le attrezzature successive.

Il Moro, avevo pensato ah un BVM16AP, non per fare il figo ed avere un aratro grande, ma perchè è più resistente del 14 ed è più alto, quindi resiste di più alle "botte" nelle pietre e si intasa di meno negli stocchi. Poi magari mi sbaglio ed esagero nella scelta.

 

Per quanto riguarda il John, lo so anche io che purtroppo non è una macchina adatta per i lavori pesanti, però con il caricatore frontale attaccato diciamo che se la cava abbastanza, ovviamente non come potrebbe fare un serie 6020 o 6030, però per la nostra azienda il suo lavoro lo fa.

 

Spero di essere riuscito a dare un quadro un po' più chiaro della mia situazione e vi ringrazio in anticipo per le vostre risposte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

salve a tutti, ho uregente bisogno di un consiglio su un aratro nardi. si tratta dell'nx 20 , aratro nardi reversibile con spostamento meccanico. . il conce lo consiglia per il mio formula 135, dice che è l'aratro adato per il mio trattore. non so, la struttura è massicia, ma i versoi mi sembrano piccoli. inoltre a le punte a scalpello e no a puntale. la nardi bisogna dire che prova i suoi aratri proprio in sardegna. studiati per i terreni difficili sardi. siamo prossimi alle arature, anzi già si ara a pieno ritmo, almeno con il ripper. però quest'anno ho bisogno di girare la terra, troppi anni passati a rippare. quindi ho intenzione di aggiungere ai miei atrezzi un quadrivomere. ho messo nella lista anche un quadrivomere in linea, che costa meno. devo dire però che i prezzi sono altissimi. vorrei tanto trovare anche qualcosa di usato, ma aimè l'ustato con queste macchine è molto pericoloso, si rischia di prendere una fregatura , come quell' overum che avevo preso 3 anni fa. non so dite voi , ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

se è quel quadrivomere che ho visto io, quello con i perni verso l'esterno e non a passante ti dico lascia perdere perchè se trovi un po di terra asciutta domani che entra e poi rischi di stracciare i perni invece se mi dici l'sx che aveva in giro trivomere che già più serio ti dico contratta e prendilo, a me aveva proposto sx14to/1403t cn6 a puntale, ex prove ma ne voleva troppo l'aratro in linea lascialo dove è. se hai pianura e posti comodi il reversibile è meglio perchè non lasci solchi aperti in mezzo

Edited by gianlu81

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sembra simpatico quel 5 vomeri nardi lo vorrei vedere lavorare . Che profondita fa ?

 

finalmente attacchi alti !!

 

N.b. Prima di arare misurate gli attacchi aratro e se non ci sono almeno 30cm con quelli del trattore , tagliate e alzateli !

attendero chissà quando video di quel nardi e anche prezzo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sembra simpatico quel 5 vomeri nardi lo vorrei vedere lavorare . Che profondita fa ?

 

finalmente attacchi alti !!

 

N.b. Prima di arare misurate gli attacchi aratro e se non ci sono almeno 30cm con quelli del trattore , tagliate e alzateli !

attendero chissà quando video di quel nardi e anche prezzo

 

Ciao, certo che non hai mezze misure, tagliare e modificare però la vedo dura, ci sono un insieme di problematiche da considerare non ultima la funzionalità della barra traino, che varia da aratro ad aratro, giustamente su un aratro non reversibile è molto più semplice, però per cortesia prima di modificare, parlatene con il costruttore, e che l'eventuale modifica la faccia lui, forse è meglio, saluti Gabriele.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Confermo su un voltaorecchio se non progetti da zero l'aratro per avere gli attacchi alti, se lo modifichi e alzi molto gli attacchi poi quando vai a ruotare l'aratro sono dolori.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Confermo su un voltaorecchio se non progetti da zero l'aratro per avere gli attacchi alti, se lo modifichi e alzi molto gli attacchi poi quando vai a ruotare l'aratro sono dolori.

Ciao, la problematica non è solo il ribaltamento, ma la resistenza della testata in generale, alzando i punti di attacco, l'aratro DEVE essere controllato dal sollevatore e non più solo dalle ruote di profondità, quindi la testata subirà una torsione notevole, attacchi del cilindro rotazione compreso, torniamo al discorso tallone, senza chi "solleva" l'aratro? Tutto il trattore? Impossibile!

Siamo sempre lì, il peso del muso in lavoro è inferiore al peso dell'attrezzo sommato al peso della terra sulla lunghezza. saluti Gabriele.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo che e' normale che la testata deve tenere .

siamo sempre li , ci vogliono i materiali buoni che pesano poco e ci sono .

per il ribaltare del aratro a meno che non abbia i bracci troppo lunghi si vede subito se alzato c'è margine .

 

Per me e' un assurdo che ancora la gente cammina senza che l'attrezzo gli carica le ruote posteriori e poi mi parlano di sollevatori Same deutz che fanno miracoli e non sanno nemmeno vedere a occhio che hanno le gomme dietro scariche .

 

se ti fermi nel piazzale si vedono benissimo se i bracci stanno con i pistoni quasi tutti chiusi e le parallele già in piano . E' logico che per fare 30 cm avrà i bracci giù il trattore . Basta premere il pulsantino sul parafango e abbassare l'aratro nel piano , più lo abbassi più gli alzi le ruote dietro .

 

Secondo me la gente si sente professionista ma nel collegare l'attrezzo non capisce nulla . Appena sento slittamento 20 % a me prende la bestia .

Share this post


Link to post
Share on other sites

QUOTE=IlCoNtE;316716]Certo che e' normale che la testata deve tenere .

siamo sempre li , ci vogliono i materiali buoni che pesano poco e ci sono .

per il ribaltare del aratro a meno che non abbia i bracci troppo lunghi si vede subito se alzato c'è margine .

 

Per me e' un assurdo che ancora la gente cammina senza che l'attrezzo gli carica le ruote posteriori e poi mi parlano di sollevatori Same deutz che fanno miracoli e non sanno nemmeno vedere a occhio che hanno le gomme dietro scariche .

 

se ti fermi nel piazzale si vedono benissimo se i bracci stanno con i pistoni quasi tutti chiusi e le parallele già in piano . E' logico che per fare 30 cm avrà i bracci giù il trattore . Basta premere il pulsantino sul parafango e abbassare l'aratro nel piano , più lo abbassi più gli alzi le ruote dietro .

 

Secondo me la gente si sente professionista ma nel collegare l'attrezzo non capisce nulla . Appena sento slittamento 20 % a me prende la bestia .

 

Una domanda; lavori con il radar inserito?

Dalle esperienze su macchine NS, non riusciamo, se attivo il radar entra in conflitto con lo sforzo e solleva l'aratro al variare o della velocità o se giro per raddirzzare o perche il campo è a curva, parlo di tutte le marche, non di una in particolare, anni 90, mi è stata spiegata da tecnico NH in sperimentazione nelle Ns. zone, da lì le variabili e le ricerche per le soluzioni a problematiche. Saluti Gabriele.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...