Jump to content
DjRudy

Aratri Portati

Recommended Posts

1 minuto fa, Niky199 ha scritto:

La differenza qual è? La sensibilità regola la frequenza degli interventi mentre la regolazione dello sforzo regola la portata degli interventi?

Allora, parliamo di sollevatore elettronico, che per elettronico si intende la funzione di controllo.

Abbiamo: profondità, sforzo controllato, sensibilità.

Diciamo che su Fendt e jd, la sensibilità e collegata allo sforzo, molto meno incasinata di altri in cui più parametri vanno poi in conflitto.

IL RADAR VA SPENTO.

Si regola lo sforzo, che ha la funzione di analisi, migliore è l'analisi più precisa la risposta, un poco come misurare con strumenti digitali al posto del metro.

La profondità di lavoro viene stabilita con il sollevatore, qui diventa fondamentale la triangolazione del tiro sull'aratro, generalmente il terzo punto crea un parallelogramma con il sollevatore, cosa che mi elimina diverse possibilità, quindi analisi del carico, carico tramite il sollevatore, non vedo nulla di complicato, se poi cosa attacco non mi permette di ottenere o sfruttare la macchina ed il suo potenziale, dovrei riflettere sul fatto, ora permettetemi uno sfogo, ma chi vi vende la macchina non vi spiega come e perché funziona? NO!

Quando e come avete affrontato il discorso traino, triangolazioni di tiro, altezza dei traini ecc.

Si parla di agricoltura 4.0 Togliamo pure il quattro, scendiamo dalla cabina e cominciamo ad analizzare il sollevatore, perché, per chi non lo sapesse è lì che si attacca l'aratro.

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Allora, parliamo di sollevatore elettronico, che per elettronico si intende la funzione di controllo.
Abbiamo: profondità, sforzo controllato, sensibilità.
Diciamo che su Fendt e jd, la sensibilità e collegata allo sforzo, molto meno incasinata di altri in cui più parametri vanno poi in conflitto.
IL RADAR VA SPENTO.
Si regola lo sforzo, che ha la funzione di analisi, migliore è l'analisi più precisa la risposta, un poco come misurare con strumenti digitali al posto del metro.
La profondità di lavoro viene stabilita con il sollevatore, qui diventa fondamentale la triangolazione del tiro sull'aratro, generalmente il terzo punto crea un parallelogramma con il sollevatore, cosa che mi elimina diverse possibilità, quindi analisi del carico, carico tramite il sollevatore, non vedo nulla di complicato, se poi cosa attacco non mi permette di ottenere o sfruttare la macchina ed il suo potenziale, dovrei riflettere sul fatto, ora permettetemi uno sfogo, ma chi vi vende la macchina non vi spiega come e perché funziona? NO!
Quando e come avete affrontato il discorso traino, triangolazioni di tiro, altezza dei traini ecc.
Si parla di agricoltura 4.0 Togliamo pure il quattro, scendiamo dalla cabina e cominciamo ad analizzare il sollevatore, perché, per chi non lo sapesse è lì che si attacca l'aratro.
 

Devo lodare L ultimo pezzo che hai scritto, fuori tema ma faccio un esempio, trebbia nuova terzista parte a smanettare con tutta L elettronica in cabina e dice così è perfetta e in un ora non ha mai guardato sotto L andana, morale?agricoltore incazzato nero e grano a terra ma non qualche chicco,quintali.
Se si vuole fare gli agricoltori c’è da sporcarsi le mani e mangiare polvere dietro gli attrezzi e poi allora si può migliorare con L elettronica, mio modesto parere da 30enne con solo 6 anni di esperienza.


Inviato dal mio iPad

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine i vecchi sistemi meccanici nei quali una funzione escludeva l' altra non erano per niente male.
Ha ragione Gabriele puntare sul controllo della posizione per impostare la profondità paga solo in caso di campi livellati , in tempra e solchi puliti



Inviato dal mio SM-J330FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 minuti fa, miro filippucci ha scritto:

Alla fine i vecchi sistemi meccanici nei quali una funzione escludeva l' altra non erano per niente male.
Ha ragione Gabriele puntare sul controllo della posizione per impostare la profondità paga solo in caso di campi livellati , in tempra e solchi puliti



Inviato dal mio SM-J330FN utilizzando Tapatalk
 

Non paga mai, a mio avviso le zavorre posteriori sono il sintomo del non corretto uso della macchina, fate una prova, mettete la macchina in pesa con l'asse posteriore, abbassate l'aratro, pesate, alzatelo e pesate, pensate alla penetrazione ed al peso della terra sui versoi in lavoro, quanti q.li devo zavorrare per ottenere forse il 20 % ecco questo fa lo sforzo controllato, carica sulla motrice un peso inimmaginabile, solo quando serve e perciò preciso istante che serve, capite il perché della precisione dell'analisi? Fatela questa verifica della Pesa, guardate il terzo punto come agisce quando il sollevatore alza, con le leve si ottengono risultati impressionanti per il carico motricità, basta volerlo fare. 

Edited by ggb58
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...