Jump to content

Recommended Posts

Presentate le nuove gamme aggiornate con motori Tier IV con affinamenti e miglioramenti dopo la totale entrata di Laverda nella galassia AGCO (spariscono tutti i motori NEF).

 

Serie M 400 Advanced

 

t115156_m400.jpg

 

Serie M 400 Advanced nasce con l’obiettivo di soddisfare le molteplici richieste del mercato con innovazioni e soluzioni tecniche che fanno parte dell’esclusivo sistema Laverda: nuova gestione elettronica della macchina grazie a Managing Console GTA II per un controllo immediato e totale delle funzioni della macchina; nuova leva multifunzione ergonomica, integrata nel bracciolo del sedile per la massima comodità d’utilizzo; motori ecologici fase III/B Agco Sisu Power a tecnologia SCR e DOC per minimi consumi, durata prolungata nel tempo e ridotte emissioni nell’atmosfera; piattaforma di taglio Free Flow per rendere più semplice e redditizia la raccolta di ogni prodotto.

 

 

Scheda Tecnica

 

Brochure

 

Serie M 300

 

t115157_m300.jpg

 

La nuova Serie M 300 si posiziona nella fascia medio-alta del mercato, con l’obiettivo di soddisfare le esigenze delle imprese che operano in agricoltura adottando criteri di competitività nei costi e di controllo della qualità del prodotto. Laverda propone due modelli, M 310 MCS e M 300 MCS, equipaggiati con tecnologia PFR e MCS Plus, e due modelli, M 310 e M 300, dotati di modulo REV. La redditività di questi mezzi deriva dalla razionalizzazione dei costi di gestione, ottenuta grazie a molti fattori, tra i quali: piattaforma di taglio Free Flow; nuovi motori ecologici fase III/B Agco Sisu Power a tecnologia SCR e DOC; cabina Comfort Cab.

 

 

Scheda Tecnica

 

Brochure

 

Serie M 200

 

t115158_m200.jpg

 

Affidabilità, potenza, versatilità, investimento economico contenuto. Sono tanti i vantaggi offerti da questa serie di mietitrebbie, pensata per incontrare i reali bisogni dei clienti: come nel caso del modulo REV, eccellente complemento dell’apparato trebbiante, composto dal postbattitore e dal prolungamento del controbattitore, che può essere registrato in 3 diverse posizioni, garantendo così un’ottimale flessibilità e multifunzionalità. Un incremento della superficie di separazione del 20% e l’aumento dell’angolo di avvolgimento a 120°, insieme al razionalizzato convogliamento delle paglie negli scuotipaglia, determinano il successo operativo delle mietitrebbia.

 

Scheda Tecnica

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao, per pura curiosità, a quanto sta l'aggiornamento dei prezzi di listino ripetto ai modelli "antiquati"?

 

 

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh qui bisogna chiedere a Toxi che le vende, vediamo che dice.

Share this post


Link to post
Share on other sites

I prezzi sono ovviamente aumentati all'incirca di un 10% per adeguarsi primo ai motori nuovi tutti SCR Sisu e Iveco Nef.

Poi alla tecnologia (si nota sulla serie M 400 Advance) però anche le altre sono state adeguate anche a livello di controllo elettronico.

C'è da dire che ora nel gruppo AGCO e credendo alla bontà della macchina con 4 controlli Qualità nella stessa macchina dall'inizio della campagna 2012 ci sono 3 anni di garanzia (ovviamente tagliandi eseguiti dalla concessionaria)

E con una vera promozione di finanziamento nel periodo pre-stagionale (con viaggio incluso) per chi fosse interessato passata nella vostra concessionaria di zona per aver maggiore informazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
I prezzi sono ovviamente aumentati all'incirca di un 10% per adeguarsi primo ai motori nuovi tutti SCR Sisu e Iveco Nef.

Poi alla tecnologia (si nota sulla serie M 400 Advance) però anche le altre sono state adeguate anche a livello di controllo elettronico.

C'è da dire che ora nel gruppo AGCO e credendo alla bontà della macchina con 4 controlli Qualità nella stessa macchina dall'inizio della campagna 2012 ci sono 3 anni di garanzia (ovviamente tagliandi eseguiti dalla concessionaria)

E con una vera promozione di finanziamento nel periodo pre-stagionale (con viaggio incluso) per chi fosse interessato passata nella vostra concessionaria di zona per aver maggiore informazione.

 

 

al listino o effettivi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quello che tanti hanno preso la M304 nuova.......cambiano il modello, quindi sconti su sconti! ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

salve a tutti, sono un riparatore elettrico/meccanico e collaudatore laverda... se avete bisogno di qualsiasi informazione (nel limite del possibile) chiedete pure... tutto ciò che può esservi utile in questi nuovi modelli laverda e anche su quelli vecchi. A vostra completa disposizione...

 

lelo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Benvenuto lelo 86 magari scrivi un messaggio nella discussione nuovi utenti tractorum,cosi ti presenti!

Vedendo il video mi sembra che Laverda finalmente,ha fatto una cabina all'avangurdia con la concorrenza!un po piu rifinita nei dettagli!

Share this post


Link to post
Share on other sites

[h=4]Presentati ad Eima 2012 nuovo logo, nuova immagine e la rinnovata serie di mietitrebbie M400 in sette modelli[/h]Eima 2012 è stata per Laverda, gruppo Agco, l'occasione di presentare il nuovo logo, ai cui caratteri di chiarezza e semplificazione che simboleggiano l'immagine di una barra di taglio al lavoro, viene affidato il compito di rappresentare un momento storico per l'azienda - unica costruttrice di mietitrebbie sul suolo italiano - e più precisamente nell'innovativo centro di Breganze, come sottolineato con orgoglio dall'amministratore delegato, Francesco Quaranta.

Tecnologia all'avanguardia e servizi di prim'ordine racchiusi in un'immagine completamente rinnovata, coadiuvata dalla nuova cabina Skyline Cab, caratterizzano la nuova serie 400 in sette modelli, di cui ad Eima, abbiamo visto l'ammiraglia M410.

Al TechTouch Terminal è affidata la gestione elettronica delle funzioni della macchina mentre, la comodità di utilizzo è appannaggio della nuova leva multifunzione ergonomica Powergrip, integrata nel bracciolo del sedile.

Il motore, fase IIIB, è Agco Power con Scr e Doc per ridurre i consumi e le emissioni in atmosfera.

 

Contraddistingue la serie, la combinazione tra piattaforma di taglio Free Flow e Power Flow con Gsax-Ground self alignment Extra il sistema automatico di adeguamento al suolo per un taglio intelligente, Pfr-Prepare and feeding roller per un’alimentazione regolare e costante, Mcs-Multi crop separator plus per la trebbiatura e separazione, cui si aggiungono i crivelli Hcd-High capacity design regolabili elettricamente dalla cabina.

 

Rispettivamente a 5 e 6 squotipaglia, le versioni M 410 ed M 400 sono pensate per il lavoro in pianura; battitore, controbattitore e elementi antiusura specifici per il riso, e cingolatura, caratterizzano le M 410 Riso ed M 400 Riso; montano il sistema di livellamento Levelling Concept ad azione laterale per pendenze trasversali fino al 20 per cento, i modelli M 410 LC e M 400 LC e, chiude la gamma, la versione M 400 LCI-Integrale per pendenze del 30 per cento in salita e del 10 per cento in discesa, oltre al 20 per cento trasversale.

Il nuovo sistema di livellamento che caraterizza i modelli LC e LCI, limita l'ingombro esterno riducendo notevolmente il problema degli spostamenti su strada dove le larghezze rappresentano un ostacolo.

La cabina Skyline

Con sedile a sospensione pneumatica, schienale alto, climatizzatore, volante regolabile, sedile passeggero e frigorifero portatile, la nuova cabina punta al comfort dell'operatore ricercandolo anche nell'isolamento acustico garantito dalla pellicola Pvb in materiale altamente insonorizzante, impiegata sulle vetrate.

La gestione della macchina è racchiusa nella consolle che a mezzo dei comandi posti sul bracciolo, della leva multifunzione Powergrip e del TechTouch terminal da 10.4 pollici in grado di visualizzare fino a quattro schermate contemporaneamente, governa l'accesso alle principali funzioni operative.

ono optional il lettore CD, il sistema satellitare Gps, il computer Ceres 8000i deputato al controllo di prestazioni e umidità del prodotto e, novità, il Multimedia navigation NY 8000 che, dotato display touchscreen a colori da 6.2 pollici, racchiude un navigatore, la radio con lettore CD e DVD, due porte usb e un ingresso per scheda SD e AV-IN oltre alla tecnologia Bluetooth.

Completano la cabina i fari H9 orientabili per il lavoro notturno e la telecamera posteriore di serie che associata all'ampia superficie delle vetrate, consente di monitorare tutte le operazioni.

 

[ATTACH=CONFIG]10561[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]10562[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]10563[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]10564[/ATTACH][ATTACH=CONFIG]10565[/ATTACH]

 

Fonte: image-line

Share this post


Link to post
Share on other sites
Benvenuto lelo 86 magari scrivi un messaggio nella discussione nuovi utenti tractorum,cosi ti presenti!

Vedendo il video mi sembra che Laverda finalmente,ha fatto una cabina all'avangurdia con la concorrenza!un po piu rifinita nei dettagli!

Quelli di Laverda si divertono a fare copia incolla. Cerca la Fendt Katana e vedi le grandi innovazioni fatte da Laverda ...

Sinceramente andarsi a complicare la vita con terminali can bus e centraline, rende tutto più complicato. Ad esempio nelle vecchie Laverda basate su logica cablata con relè, riesci ad intervenire in fretta e riportare operativa la macchina senza l'intervento di tecnici specializzati. Insomma nei momenti in cui ti serve veramente la macchina, riesci ad aggiustarla in poco tempo.

Se per caso si dovesse guastare una di quelle centraline in piena raccolta, ti ritrovi la macchina ferma per parecchi giorni.

 

Ciao

Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il tuo ragiobamento potrebbe essere anche giusto,ma ad oggi guardando la concorrenza non recriminerei Laverda,per aver messo piu elettronica(quindi centraline).

Quante centraline monta la serie 400?!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il numero esatto non lo sò. Comunque sono poste nelle facchiniere, in corrispondenza della zona in cui sono presenti le elettrovalvole di riferimento.

Quando vedi macchine della concorrenza ferme nel campo con il tubo di scarico bloccato in posizione aperta per diversi giorni, ti passa la voglia di acquistare una macchina del genere...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma la Fendt katana la produce Laverda??? Perché le cabine sono uguali.!!

 

No, semplicemente che Agco ha acquisito il marchio Laverda, ecco perchè ci sono parti in comune sulle varie macchine da raccolta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ok, Quindi la cabina è di derivazione Fendt.. Presumo. Cmq con queste nuove serie Laverda si è dimostrata all'altezza delle concorrenti.

Good job!!!! :clapclap:

Share this post


Link to post
Share on other sites
ok, Quindi la cabina è di derivazione Fendt.. Presumo.

 

Errato. Le nuove cabine Skyline sono prodotte a Beauvais, nel noto stabilimento Mas.. pardon, AGCO.:fiufiu:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Errato. Le nuove cabine Skyline sono prodotte a Beauvais, nel noto stabilimento Mas.. pardon, AGCO.:fiufiu:

Mi spiace le cabine e la progettazione è di mamma Fendt esattamente lo stabilimento che produce le cabine che monta la Katana e la mieti Laverda M400 è in territorio tedesco più precisamente nella fabbrica di Asbach Baumenheim

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mi spiace le cabine e la progettazione è di mamma Fendt esattamente lo stabilimento che produce le cabine che monta la Katana e la mieti Laverda M400 è in territorio tedesco più precisamente nella fabbrica di Asbach Baumenheim

 

Su GTP affermano esattamente il contrario...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno spiega bene le differenze tra modulo "REV" e sistema "MCS"?

Quale migliore ed in che condizioni,con che colture?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che di Laverda non sono un esperto, ma praticamente il modulo MCS rispetto al REV ha un tamburo e una griglia in più, quest'ultima escludibile.

 

Il modulo MCS aumenta la capacità di separazione e sgranatura nelle condizioni più difficili avendo un passaggio forzato in più, invece il modulo REV è più delicato stressando di meno il prodotto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto simone 83O0

Il sistema MCS è meglio se devi fara grano duro,o comunque cereali in generale,perche il flusso passando lì,viene ulteriormente sgretolato e quindi si dovrebbe essere avvantaggiati in condizioni di prodotto in cui il prodotto non è perfettamente maturo

Impag:Immagino che sei interessato ad un possibile acquisto di Laverda o NewHolland?!

Edited by Toso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...