Vai al contenuto

Messaggi raccomandati

Ciao a tutti,

apro questo discussione anche se devo premettere di non avere materiale fotografico al momento disponibile e le conoscenze tecniche di molti di voi....ma anche per questo la apro, per avere più informazioni.

Parto con un elenco dei trattori con pedana prodotti a Treviglio a partire dal 1970 fino a primi anni '80 provando ad ordinarli per potenza.

 

Sirenetta 30cv bicilindrico cambio 6+2.

Delfino 32 e successivamente 35cv sempre 2 cilindri 1809 cc cambio 6+2.

Aurora 45 cv 3 cilindri 2.715 cc cambio 6+2.

Falcon 50cv stesso motore dell'Aurora cambio 8+4.

Condor 55cv 3 cilindri 2.715 cc cambio 8+4 syncro.

Minitauro 50-55-60cv. 3 cilindri (3.116 cc per il 60cv) cambio 8+4.

Minitaurus 60 cv 3 cilindri 3.116 cc cambio 12+4(?) syncro.

Corsaro 70cv 4 cilindri 3.620 cc. cambio 8+4 (anche versione syncro).

Centauro 70cv 4 cilindri suppongo stesso motore del Corsaro ma forse diversa..cambio (Syncro) 12+12 con inversore.Possibiltà di piattaforma.

Centurion 75cv 4 cilindri 4.154 cc. cambio 12+3 Syncro. Possibilità di versione piattaformata con cambio 12+12.

Saturno 80cv 4 cilindri 4.154 cc cambio 8+4 (anche versione Syncro)

Mercury 85 cv.4 cilindri 4.154 cc cambio Syncro 12+12. Possibilità di piattaforma.

 

I dati sopra riportati sono ovviamente incompleti e frutto di ricordi personale quindi discutibili e assolutamente da completare.

Chi più informato di me può procedere....

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella discussione Luca75 sarà che uno di quei mezzi ce l'ho in casa e precisamente si tratta del Minitauro 60, a proposito di dati corretti ti volevo dire che il Minitauro 60 ha 56 cavalli e non 60 come potrebbe sembrare.

Altra cosa il Centauro ha il motore 4 cil a V e non il 4 in linea del Corsaro, infatti il Centauro è contemporaneo al Leone 70 quindi dell'epoca precedente al Corsaro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao Mct,

anch'io ne ho uno, il Falcon...

Giusto 56cv mi sono spiegato male, intendevo che quello denominato 60cv è 3.116 di cilindrata.

Quelli denominati 50 e 55 cv suppongo montassero il 2.715.

Per il Centauro 55-60-65 ok sono a "V" ma il 70 mi sembra di ricordare che fosse in linea...e prodotto dopo il Corsaro, forse erano contemporanei il Centauro 70 e il Corsaro 70 Syncro.

Luca.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusa luca 75 hai ragione mi sono sbagliato dicendo che il Centauro era solo a V infatti il 70 aveva il motore in linea.

Chiedo venia, ciao.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

se non ricordo male della stessa età dovrebbero essere anche il Tiger(5 cil 95 cv)e il mitico tiger six(6 cilindri 100 cv) a detta di molti il miglior trattore mai venuto fuori dagli stabilimenti di treviglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di primo acchito direi che mancano:

Leopard 85 , Panter o Panther 88 - 90 - 95, Drago 100 - 120, Buffalo 120 - 130, Jaguar 100, Tiger 100, Tiger six 105, Trident 130, Hercules 160.

Inoltre dovrebbero essere divisi in due periodi, ossia pre e post fusione con Lamborghini, alcune differenze tra i due periodi sono estetiche e meccaniche, cambio e posizione della SAC (Minitauro, Corsano, Saturno) altre più prettamente meccaniche (Panter e/o Panther, Drago 100 - 120, Buffalo 120).

Sono andato molto a memoria, ho esperienza diretta del Saturno ed ho ancora il Tiger Six.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se siete d'accordo, direi di parlare per il momento solo dei "pedanati", rimandando ad un altra discussione (che apriremo piu avanti) la discussione dei piattaformati (detti anche Export).

Dico questo perchè la materia è vasta ed è meglio suddividere in più discussioni il periodo. :)

 

 

Possiamo dire che questa "serie" di macchine parte dal Minitauro, presentato da Same nel 1969 (peraltro, stesso anno in cui Cassani firmò con la White per la fornitura di trattori da mandare in Usa).

t5541_minitauro.JPG

 

Questo trattore era una "evoluzione" (per così dire) del "progetto" Centauro. Infatti se si esclude il motore, il resto della cinematica e dei componenti è strettamente derivato dalle dotazioni del Centauro.

 

Dopo la "parentesi" dei motori a V, proprio il Minitauro fu il trattore che introdusse la nuova generazione di motori in linea, siglata L. A Tal proposito, ricordo che la lettera L indica proprio "linea" (per distinguere questa serie di motori dai V, che comunque continuano ad equipaggiare alcune macchine fino a metà anni 70), e non significa "leggero", come alcuni pseudo conoscitori tendono ad affermare.

Successiva evoluzione di questi motori, i "P"; lettera che sta ad indicare "panterizzato", e non "pesante" (quest'ultimo termine sempre a carico degli pseudo conoscitori menzionati due righe sopra).

 

Adesso vi prego di saccheggiare il vostro archivio documentale e allegare un po' di materiale :)

Modificato da Filippo B
ortografia..... questo mistero

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me risulta che l'aurora avesse il cambio 9+3, ed il centurion 75 8+4, i primi esemplari.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
A me risulta che l'aurora avesse il cambio 9+3, ed il centurion 75 8+4, i primi esemplari.

 

Infatti ho sbagliato a scrivere:ave:, l'Aurora aveva il 9+3 montato successivamente, negli anni 80 sul Ranger.

Per il Centurion 75 ricordo un 12+3, forse sono stati montati 2 cambi.

 

@Filippo cosa si intendeva per "panterizzati"?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Infatti ho sbagliato a scrivere:ave:, l'Aurora aveva il 9+3 montato successivamente, negli anni 80 sul Ranger.

Per il Centurion 75 ricordo un 12+3, forse sono stati montati 2 cambi.

 

@Filippo cosa si intendeva per \\"panterizzati\\"?

Grazie.

 

Il Centurion nasce con il cambio menzionato da Angelillo, 8 marce avanti e 4 retromarce su due leve, con possibilità di superiduttore (terza leva) con 14 marce avanti e 7 rm.

 

Nel 1981 viene sostituito il cambio, e viene adottato il 12 marce con inversore a tre leve (possibilità di superiduttore).

 

Altro sul Centurion lo aggiungerò in seguito, per il momento direi di cercare di dare un ordine cronologico alla discussione.

 

"Panterizzati": definizione coniata da Same per indicare i motori in linea con alcune nuove caratteristiche, introdotti proprio a partire "dall'epopea" dei Panter.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Inserisco alcune immagini del Same Drago, alla sue prime apparizioni, tratte dalla rivista "Il trattorista" speciale EIMA 16 novembre 1971i5726_samedragoarticolo.JPGi5727_samedragocolor.JPG

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Tiziano :clapclap::clapclap::clapclap: ho memorizzato subito queste immagini :leggi:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti,

provo a dare un ordine cronologico di produzione dei vari modelli, l'incertezza è un pò sul fine carriera...:cheazz:

 

Minitauro 50-55-60. 3 cilindri (3.116 cc per il 60cv) cambio 8+4.1968-1980

 

Delfino 32 e successivamente 35 sempre 2 cilindri 1809 cc cambio 6+2.1970-1995.

 

Sirenetta 30 bicilindrico cambio 6+2. 1972-1981

Aurora 45 3 cilindri 2.715 cc cambio 9+3.1972-1983

Corsaro 70 4 cilindri 3.620 cc. cambio 8+4 (anche versione syncro).1973-1984

Saturno 80 4 cilindri 4.154 cc cambio 8+4 (anche versione Syncro) 1973-1984

Panter 85 5 clindri 4.526 cc cambio 8+4. 1973-non conosco la data di fine prod.

 

Falcon 50 stesso motore dell'Aurora cambio 8+4.1974-1984

 

Minitaurus 60 3 cilindri 3.116 cc cambio 12+4(?) syncro.1979-1985

 

Condor 55 3 cilindri 2.715 cc cambio 8+4 syncro.1981-1986

Centurion 75 4 cilindri 4.154 cc. cambio 8+4 Syncro. Possibilità di versione piattaformata con cambio 12+12.1980-1986

Centauro 70 4 cilindri suppongo stesso motore del Corsaro ma forse

diversa..cambio (Syncro) 12+12 con inversore.Possibiltà di piattaforma.1981-1986

Mercury 85 4 cilindri 4.154 cc cambio Syncro 12+12. Possibilità di piattaforma.1981-1986.

 

Drago 100 6 cilindri 5.430 cc cambio 8+4. 1971-1978?

Ho aggiunto Panter e Drago quindi i "pedanati" da campo aperto Same negli anni '70 dovrebbero essere questi.

Come sempre se qualcuno conosce altri modelli e ha possibilità di fare correzioni/integrazioni son ben accette!O0

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ad occhio e croce direi che mancano: (cerco di seguire un ordine cronologico)

 

-Buffalo 120 (presentato 1973)

-Falcon (presentato 1973)

-Drago 120 (circa 1976)

-Leopard 85 (circa 1977)

-Panther 90 (circa 1977)

-Condor (mi manca la data certa di inizio produzione verosimilmente 1979)

-minitaurus 60 (1979)

-Panther 95 (circa 1979).

 

Con date ed eventuali altri modelli sarò piu preciso in seguito, sempre che altri non implementino/correggano prima.

Modificato da Filippo B

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

DELFINO

 

Nasce poco dopo l'introduzione del Minitauro, seguendo le impostazioni meccaniche di base, ma con alcune differenze.

Anzitutto, la Stazione Automatica di Controllo viene (finalmente) dotata di pompa indipendente dal cambio (azionata dal motore, con serbatoio olio dedicato). La pompa di iniezione è del tipo "immerso", sarà un must in casa Same per decenni.

L'assale anteriore DT ha la trasmissione coassiale (brevetto Centauro), ma non i riduttori finali.

 

Il Delfino nasce come "32", ma questa variante non dura molto (piu o meno un anno e mezzo), e diventa "Delfino 35".

Tempo fa sfogliando l'Archivio Storico Same ho notato alcune immagini che ritraevano un Delfino con numerazione "30", di cui personalmente non so nulla. Sarebbe interessante verificare se si trattava di un preserie o di un modello realmente prodotto e venduto.

 

t5899_delfino0001.jpg

 

 

La trasmissione era a 6 marce avanti e 2 rm, ad un certo punto della produzione fu possibile richiedere anche il superiduttore.

 

 

t5900_delfino0002.jpg

 

Il Delfino è stato il trattore Same probabilmente piu longevo, infatti è stato prodotto per quasi un quarto di secolo, anche se nel tempo ha comunque subìto alcune migliorie, quali ad esempio i freni a bagno d'olio (fino ai primi anni 80 erano a secco) e i riduttori finali nelle versioni DT.

 

 

Il Delfino aveva anche il "clone" in bianco, il 235:

 

t5908_delfino0003.jpg

 

A differenza del Delfino, il 235 (come anche tutti gli altri "cloni" bianchi) non aveva la SAC. Quest'ultima fu adottata solo nella parte finale della produzione.

 

 

Non ho particolari esperienze dirette con questo modello, solo qualche giretto con un 2r di un conoscente, ma i possessori di queste macchine me le hanno sempre definite come dei piccoli grandi trattori.

Modificato da Filippo B

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Del Delfino esistevano le versioni "alte" e"basse".

Belle immagini, Filippo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Del Delfino esistevano le versioni \"alte\" e\"basse\".

 

Non solo, ma anche la versione "frutteto".

 

I due ruote motrici, potevano avere gommatura sia standard (11.2-24) sia le 11.2-28 e, per alcuni mercati, anche le 12.4-28, con le ruote da 6.5-16 all'anteriore (al posto delle 5-15)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve a tutti, essendo stato possessore di un same drago 100 dt volevo specificare una cosa. Lo stesso in versione originale era molto fiacco. Invece montando la pompa in linea bosh tirava su una grinta da paura. Il problema però che ho avuto che con quella modifica, gli iniettori duravano poco, in quanto probabilmente per l'elevata temperatura grippavano.Questo è un problema che non sono mai riuscito ad eliminare.Un'altro particolare curioso del drago era il cambio ci voleva un corso per imparare a cambiare le marce con il giusto rapporto; in quanto non è detto che, esempio, la terza fosse più veloce della seconda ecc. Saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Salve a tutti, essendo stato possessore di un same drago 100 dt volevo specificare una cosa. Lo stesso in versione originale era molto fiacco. Invece montando la pompa in linea bosh tirava su una grinta da paura. Il problema però che ho avuto che con quella modifica, gli iniettori duravano poco, in quanto probabilmente per l'elevata temperatura grippavano.Questo è un problema che non sono mai riuscito ad eliminare.Un'altro particolare curioso del drago era il cambio ci voleva un corso per imparare a cambiare le marce con il giusto rapporto; in quanto non è detto che, esempio, la terza fosse più veloce della seconda ecc. Saluti

 

 

Alfieri, che pompa montava il Drago prima della sostituzione? Sempre in linea, ma Disa, oppure pompa rotativa?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Immagino rotativa, era normale sostituire la rotativa con la bosch in linea per avere un motore più pronto e grintoso, all'altezza della situazione:asd:

Per il cambio concordo con alfieri, ma dopo un po' di pratica si capiva quale era il rapporto da mettere, il problema è che era abbastanza duro:nutkick: e se decideva di impuntarsi....:perfido: erano guai

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche il mio ha la pompa rotativa ( Cav) i primi costruiti avevano la pompa in linea, l'unico problema, confermato anche da un mio compaesano che ha acquistato il Drago 100 nuovo e lo usa ancora, è l'avviamento a freddo, le marce bisogna prenderci un po' la mano e poi vanno, il mio aveva la leva del freno di "rilassamento" sganciata, dopo che l'ho sistemata è tutta un'altra musica O0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La caratteristica delle pompe iniez Cav dpa è che non hanno il supplemento per l'avviamento a freddo ma solo l'esclusione anticipo (spingendo il pomello d'arresto), e così l'avviamento non è pronto come su quelle che lo dispongono; tant'è che sui Fiat che montavano le Cav dpa era sempre abbinato il thermostarter per facilitare l'avviamento a basse temperature.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ad occhio e croce direi che mancano: (cerco di seguire un ordine cronologico)

 

-Buffalo 120 (presentato 1973)

-Falcon (presentato 1973)

-Drago 120 (circa 1976)

-Leopard 85 (circa 1977)

-Panther 90 (circa 1977)

-Condor (mi manca la data certa di inizio produzione verosimilmente 1979)

-minitaurus 60 (1979)

-Panther 95 (circa 1979).

 

Con date ed eventuali altri modelli sarò piu preciso in seguito, sempre che altri non implementino/correggano prima.

 

Filippo ma Falcon, Condor e Minitaurus li ho inseriti nell'elenco...

Purtroppo conosco pochissimo i "pedanati" over 80 cv quindi quelli citati da te:

 

Leopard 85.

Panther 95.

Bufalo 120.

Drago 120.

 

Ma i freni a bagno d'olio erano montati solo sull'ultima versione, quella con i cerchi bianchi per intenderci?

L'idroguida invece non è mai stata montata di serie o sbaglio...?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Filippo ma Falcon, Condor e Minitaurus li ho inseriti nell'elenco....

 

Luca, ti prego di scusarmi ma davvero non li avevo visti nella Tua lista. Scusami davvero, si vede che ero piu rincoglionito del solito :)

 

Ma i freni a bagno d'olio erano montati solo sull'ultima versione, quella con i cerchi bianchi per intenderci?

L'idroguida invece non è mai stata montata di serie o sbaglio...?

Grazie.

 

I freni in bagno d'olio dovrebbero essere arrivati prima, verosimilmente nella prima parte della seconda metà anni 80 (che contorto che sono stasera).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Luca, ti prego di scusarmi ma davvero non li avevo visti nella Tua lista. Scusami davvero, si vede che ero piu rincoglionito del solito :)

 

 

 

I freni in bagno d'olio dovrebbero essere arrivati prima, verosimilmente nella prima parte della seconda metà anni 80 (che contorto che sono stasera).

 

 

Ok grazie Filippo,

rimanendo sempre sui 2 cilindri che differenze c'erano, potenza a parte, tra Sirenetta e Delfino?

Il modello Sirenetta non lo conosco assolutamente, penso sia stato anche poco venduto e non capisco nemmeno comercialmente che senso avesse essendo clone e contemporaneo al Delfino!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Visitatore
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovi formattazione

  Sono ammessi al massimo solo 75 emoticon.

×   Il tuo link è stato automaticamente aggiunto.   Mostrare solo il link di collegamento?

×   Il tuo precedente contenuto è stato ripristinato.   Pulisci l'editor

×   Non è possibile incollare direttamente le immagini. Caricare o inserire immagini da URL.


×
×
  • Crea Nuovo...