Jump to content

Recommended Posts

da voi l'erba medica si semina adesso ??:cheazz:

Edited by Mapomac

Share this post


Link to post
Share on other sites

argomento dedicato alla sua coltivazione, caratteristiche, proprietà, processi propduttivi e quant'altro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si parla qui giusto?

Qui da noi l'erba medica...detta anche fieno se è quella che ho preso in considerazione io , si semina verso metà marzo , se tutto va bene il prato vergine , cioè il primo taglio di quel fieno , si fa verso fine giugno inizio luglio.

Poi dopo qui da noi fanno circa 4-5 anni di impianto , per poi rifare 2-3 anni di grano e così via.

Saluti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ciao a tutti

inanzi tutto ringrazio puntoluce che per evitare di andare fuori tema ha aperto una nuova discussione...

comunque da me l'erba medica si semina verso marzo...Ora spero di non dire cavolate e se le dico VI PREGO RIPRENDETEMI... l' erba medica si tiene per circa tre anni.... dove il primo anno si raccoglia poco ma buono ... nel secondo anno raccogli di più ma la qualità diminuisce ma è presente.... e invece nel terzo anno racco poco sia in modo quantitativo sia nel modo della qualità .... ora a me a scuola mia hanno detto cosi... per voi è vero ??

Edited by fiat 540 c

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah..secondo me capiscono di più i contadini che fanno questo lavoro da molti anni che la scuola :asd:...

Poi dei tagli di fieno...c'è da aggiungere anche com'è il terreno , se è molto o poco esposto al sole , il terreno com'è composto..ecc..

Tipo qui da me.. io abito tra due valli...più precisamente dove batte il sole... e dico che nella parte dove picchiano di più i raggi solari , c'è chi fa 5 anni di fieno...ma solo primo e secondo taglio all'anno..qualche volta il terzo, quindi non ricava un gran a meno che il campo non sia di terra buona.

Invece chi è meno esposto al sole , dura sempre 4-5 anni l'impianto , ma ricava più fieno , anche perchè il terreno è più fertile..

Poi il prato vergine io ho sempre visto pochissimo fieno , comincia a crescere la quantità negli anni che seguono , ad esempio il primo taglio dell'anno dopo.

saluti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

peccato che si sia estinta una varieta autoctona di erba medica , che usavamo noi, in pratica si lasciava a seme un taglio dierba medica che si usava per seminare, la nostra famiglia l'aveva "selzionata" da generazioni , non era un granche come analisi chimica, ma durava piu di 10anni ,Sicuramente veniva dall'astigiano , monferrato , Langa

Veniva alta nei primi 2 tagli dell'anno sul 120... quando da piccolo la tagliavo con la fiat 215rb e la barra falciante , l'erba batteva sui fanali, e le vacche di piemontsse che avevamo all'epoca in stalla , ne tiravano giu un quintale al giorno ( facevano anche di conseguenza una vagonata di m...), l'unica cosa ogni anno a fine campagna ricompensavamo con 300kg di potassa e 250 di perfosfato triplo x ettaro , e l'anno dopo ricompensava noi con 5 tagli mai una volta che la vedevo patire l'asciutto , vedre delle corone di erba medica grandi piu di 20cm

 

ora con le selezioni nuove non si va oltre i 4 anni. ein genere son del tipo polesano , rovigotto.

 

Alcuni agronomi dicono di stare attenti a dare un po di zolfo , per aumentare lgli aminoacidi essenziali.

 

Uno dei problemi dell'erba medica , e' l'impoverimento di calcio disponibile , e l'insorgere ddel tarassaco ,del rumex, e del vilucchio , che di fatto , sopratutto in autunno soffoca un po , e fa scadere il medicaio .

 

se qualcuno ha del seme di qualche popolazione indigena di erba medica del tiipo che ho descritto sopra , me lo dica, perche la sto cercando,

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mah..secondo me capiscono di più i contadini che fanno questo lavoro da molti anni che la scuola :asd:...

Poi dei tagli di fieno...c'è da aggiungere anche com'è il terreno , se è molto o poco esposto al sole , il terreno com'è composto..ecc..

Tipo qui da me.. io abito tra due valli...più precisamente dove batte il sole... e dico che nella parte dove picchiano di più i raggi solari , c'è chi fa 5 anni ...

 

ciao a tutti

ma io sapevo che l'erba medica veniva seminate per produrre fieno e anche per far riposare il campo.... ma se il campo si riposa per 5 anni... penso che sia troppo:cheazz:... Voi cosa ne pensate??

Share this post


Link to post
Share on other sites

No non e troppo, il medicaio ha una durata media che va dai 3 ai 5 anni, in base a gli areali. E' una coltura che ha un alto costo di impianto e il primo anno produce veramente poco, per ammortizzare l'investimento ci vogliono almeno 2 anni, dal terzo cominci a guadagnare. La medica da si riposo al terreno ma è anche una pianta fortemente miglioratrice della fertilità, in quanto ha la possibilità di fissare l'azoto nel terreno. nella mia zona e seguita di solito dal frumento e fai tranquillamente senza concimazioni azotate e riesci ad ottenere un frumento di buona qualità e quantità. Con i nuovi ecotipi si ha un durata inferiore in quanto sono varietà con elevate produzioni e steli sottili che difficilmente riescono a protrarre la durata del medicaio a lungo nel tempo. Qua da noi diciamo che ce convenienza a rompere il medicaio quando le graminacee hanno perso il sopravvento su almeno il 40% del medicaio, circa il 4 anno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
No non e troppo, il medicaio ha una durata media che va dai 3 ai 5 anni, in base a gli areali. E' una coltura che ha un alto costo di impianto e il primo anno produce veramente poco, per ammortizzare l'investimento ci vogliono almeno 2 anni, dal terzo cominci a guadagnare. La medica da si riposo al terreno ma è anche una pianta fortemente miglioratrice della fertilità, in quanto ha la possibilità di fissare l'azoto nel terreno. nella mia zona e seguita di solito dal frumento e fai tranquillamente senza concimazioni azotate e riesci ad ottenere un frumento di buona qualità e quantità. Con i nuovi ecotipi si ha un durata inferiore in quanto sono varietà con elevate produzioni e steli sottili che difficilmente riescono a protrarre la durata del medicaio a lungo nel tempo. Qua da noi diciamo che ce convenienza a rompere il medicaio quando le graminacee hanno perso il sopravvento su almeno il 40% del medicaio, circa il 4 anno.

 

Io questi costi di impianto di unmedicaio , non li condivido. costa molto di piu seminare un ettero di mais , che un ettaro di erbamedica.

 

Al di la della semente, di uan buona concimazione fosfo-potassica e del letame, e i classici lavori preparatorei del terreno , quali altri costo si hanno?

 

nel priimo anno si hanno solo 3 tagli , e il primo in genere e' una scerbatura, per cui quello che viene raccolto si butta via, io quest'anno visto che c'era molta sinapis , ho fatto che passare sopra il trinciastocchi e i tagli dopo erano una meraviglia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora qui da me la Medica la si semina tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre....come concimazione di fondo oltre al letame diamo del Potassio ed un ternario (le dosi non me le ricordo :cheazz:)....poi si effettuano le varie lavorazioni di preparazione del terreno (erpicatura con coltivatore, livellatura e erpicatura con erpice rotante).

Tutta la superficie seminata andrà per la produzione di Fasciato d'Erba medica ed attulamente la pianta si presenta alla 7° foglia..e debbo dire che anche seminata con terreno asciutto non ha risentito più di tanto...staremo a vedere.

Per quanto riguarda quello che ha detto Crono...non vedo molti costi d'impianto....meno che seminare del grano tenero...

Share this post


Link to post
Share on other sites

La medica noi la seminiamo indifferentemente a metà- fine settembre oppure a febbraio. Con la semina autunnale si guadagna uno sfalcio, per contro è più rischiosa.

Per i costi di impianto non vedo dove possano essere maggiori di altre colture, noi facciamo aratura, una passata di rotante, semina e rullatura (quindi come le altre); come concime una buona letamata è sufficiente.

L'impianto dura 3 anni, a volte 4, come varietà di solito uso la Delta, e la Prosementi, varietà datate ma ben produttive per la mia zona.

Share this post


Link to post
Share on other sites
La medica noi la seminiamo indifferentemente a metà- fine settembre oppure a febbraio.

 

ciao a tutti

ma come mai da voi si semina cosi presto ?? che terreno avete ?:cheazz:

Share this post


Link to post
Share on other sites

rileggendo il precedente messaggio forse sono stato un po catastrofico chiedo perdono:ave: Voi non irrigate la medica? qui da me se vuoi ottenere almeno 5 sfalci devi irrigare, il primo anno fatto il primo taglio, se non irrighi, non nasce più niente ( salvo piogge come quest'anno). Non posso fare paragoni con il mais in quanto da noi non si semina, qui da noi per ripagarti le spese di impianto, se irrighi, ci vogliono almeno 2 anni. Posso dire di avere fatto delle cosiderazioni forse un po troppo oggettive basandomi sulla mia zona. Qui da me la varietà che da migliori risultati e produce più tagli in asciutto e la prosementi, anche l'ecotipo romagnolo si adatta abbastanza bene alle nostre seccagne estive. Ogni tanto, quando la stagione lo permette, semino anch'io d'autunno guadagnando un anno praticamente, allora si che i costi si abbassano bene, ma non sempre e possibile. Se devo irrigare appena seminato perche ce troppo secco addio risparmio!

Edited by crono

Share this post


Link to post
Share on other sites
rileggendo il precedente messaggio forse sono stato un po catastrofico chiedo perdono:ave: Voi non irrigate la medica? qui da me se vuoi ottenere almeno 5 sfalci devi irrigare, il primo anno fatto il primo taglio, se non irrighi, non nasce più niente ( salvo piogge come quest'anno). Non posso fare paragoni con il mais in quanto da noi non si semina, qui da noi per ripagarti le spese di impianto, se irrighi, ci vogliono almeno 2 anni. Posso dire di avere fatto delle cosiderazioni forse un po troppo oggettive basandomi sulla mia zona. Qui da me la varietà che da migliori risultati e produce più tagli in asciutto e la prosementi, anche l'ecotipo romagnolo si adatta abbastanza bene alle nostre seccagne estive. Ogni tanto, quando la stagione lo permette, semino anch'io d'autunno guadagnando un anno praticamente, allora si che i costi si abbassano bene, ma non sempre e possibile. Se devo irrigare appena seminato perche ce troppo secco addio risparmio!

 

ma costa cosi tanto irrigare appena seminata con un rotolone l'eba medica?

 

io inizio a fine luglio a preparare il terreno , di modo che averlo affinato per la semina.

 

Concordo con BASA , sul fatto che anche con la semina in terreno sciutto l'erba medica viene lo stesso , seminando afine agosto settembre, e che si guadagna uno sfalcio l'anno successivo.

 

Io semino presto , perche abbimo problemi di freddo in inverno , perche anche nella pianura, siamo ad una altitudine di oltre 350m sLM , e dicembre gennaio e febbraio , quandoa rrivano i venti di fuhn i prati soffrono , prendono delle colorazioni giallo rossastre , che son tutti un progetto.

 

Per cui a volte sia rriva a fine novembre le l'erba medica e' ben radicata e anche se secca la parte fuori dal colletto , la radice e ' franca.

 

qui non si irriga(per ora) , e problemi di siccita ci sono dopo il terzo taglio , dopo la prima decina di luglio fino a meta agosto, pero c'e da dire , che i prati perenni , sono ancora peggio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qua il FIENO lo seminano tutti verso marzo... poi non è che lo irrigano.

C'è che fa 2 massimo 3 tagli e chi riesce a fare 4-5 tagli... ma ci vuole un buon terreno e non esposto al sole...poi dipende anche dal terreno e se ci dai molto letame prima dell'aratura. un mio amico in un pezzettino di neanche un ettaro vicino me ci ha dato 10 carri di letame...osta se è venuto su il fieno...quest'anno è il 3 anno e ha fatto 3 tagli..tuti troppo avanti con già la semente sia nel primo che ne secondo..:asd::asd:...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Qua il FIENO lo seminano tutti verso marzo... poi non è che lo irrigano.

C'è che fa 2 massimo 3 tagli e chi riesce a fare 4-5 tagli... ma ci vuole un buon terreno e non esposto al sole...poi dipende anche dal terreno e se ci dai molto letame prima dell'aratura. un mio amico in un pezzettino di neanche un ettaro vicino me ci ha dato 10 carri di letame...osta se è venuto su il fieno...quest'anno è il 3 anno e ha fatto 3 tagli..tuti troppo avanti con già la semente sia nel primo che ne secondo..:asd::asd:...

 

ma di erba medica , o di prato stabile?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma di erba medica , o di prato stabile?

 

ciao a tutti

penso che nh 72-85 voleva dire di erba medica....

da me l'erba medica non si irriga mai... neanche quando ce la secca.....

Share this post


Link to post
Share on other sites
rileggendo il precedente messaggio forse sono stato un po catastrofico chiedo perdono:ave: Voi non irrigate la medica? qui da me se vuoi ottenere almeno 5 sfalci devi irrigare, il primo anno fatto il primo taglio, se non irrighi, non nasce più niente ( salvo piogge come quest'anno).

La medica la irrighiamo, se ce n'è bisogno. Però non è che se non la irrighi muore, produci poco, ma non muore.

 

X nh72-85

Distinguiamo il fieno dalla medica: di solito, con fieno, si intende prato (sia perenne che annuale)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io generalmente non irrigo la medica, a parte 3 ha, perche preferisco irrigare i prati stabili che in coltura asciutta da me danno solo un taglo e basta. Dalla medica in coltura asciutta riesco ad ottenere, da 2° anno in poi, due tagli e, se la stagione e clemente un altro taglio estivo (e successo quest'anno dopo 3 di seccagna estiva) prma del ricaccio autunnale. Se va una stagione normale che posso seminare alla metà di settembre, con le prime piggie autunnali, nasce da sola ed e conveniente la semina autunnale. nella mia azienda per irrigarla a pioggia devo pompare l'acqua in un pozzo fondo 100m con una elettropompa sommersa, mandala in un bacino artifiiale e li ripomparla con un gruppo motopompa de 120 cv ( perche il pozzo non ha abbastanza portata per fare andare il rotolone) che la manda al rotolone. Per questo la maggior parte delle volte nella mia zona si semina alla fine dell'inverno. Pensate che sono l'unico nella mia zona che ogni tanto ne semino un pò alla fine dell'estate. Per andare in contro alla scarsa produzione del primo anno semino in consociazione alla medica dell'avena. Questa ai primi di giugno e pronta da falciare, io la utilizzo come foraggio verde, fatto questo taglio lascia il capo ibero alla medica, che generalmente torno a falciare l'anno seguente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
La medica la irrighiamo, se ce n'è bisogno. Però non è che se non la irrighi muore, produci poco, ma non muore.

 

)

Non ho mai detto che la medica muore, anzi e una delle poche foraggere che resiste bene alla siccità, e in certi areali con scrsità d'acqua e un clima non troppo caldo d'estate e l'unica risorsa foraggera. con la siccità si dirada molto più alla svelta che in coltura irrigua ( quella che irrigo da me la sguasto di solito all'6°-7° anno).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, crono, avevo inteso male, però noi se non irrighiamo non è che facciamo meno sfalci, facciamo meno produzione, ma ogni 25-30 giorni è pronta da tagliare ugualmente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma attenzione a non irrigarla troppo altrimenti si dirada.

Di solito qui non la bagnamo più di 1-2 volte all'anno (salvo stagioni siccitose) il mais arriviamo a bagnarlo anche 6-7 volte!

Share this post


Link to post
Share on other sites

personalmente non conosco l erba medica, perlomeno non l ho mai vista dato che qui non se ne semina.

Vorrei capire, perchè da ciò che leggo non c'e' scritto, ma voi non la diserbate?

cioè è una coltura che si fa nascere assieme a tutto il casino di erbe che spuntano finchè lei sopravvince le altre col passare degli anni?

 

Avete foto degli anni....... di questa erba , perchè vorrei fare delle sperimentazioni dato che nessuno qui le fa.

 

Dopo la semina del grano cosa avete visto che vi cambia?

per quanto tempo fate i ringrani?

ed i valori che cambiamenti hanno?

 

n.b. saluti , si parte a seminare di nuovo, si spera non piova...

Share this post


Link to post
Share on other sites
personalmente non conosco l erba medica, perlomeno non l ho mai vista dato che qui non se ne semina.

Vorrei capire, perchè da ciò che leggo non c'e' scritto, ma voi non la diserbate?

cioè è una coltura che si fa nascere assieme a tutto il casino di erbe che spuntano finchè lei sopravvince le altre col passare degli anni?

 

Avete foto degli anni....... di questa erba , perchè vorrei fare delle sperimentazioni dato che nessuno qui le fa.

 

ciao a tutti

io all'erba medica non la irrigo e non la diserbo .... io come la semino la faccio crescere......... comunque dovrei avere una foto dei altri anni ma non ci metterei la mano sul fuco....O0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...