Jump to content

Recommended Posts

Data la mia conosciuta ignoranza nel argomento medica, vorrei fare una domanda a voi esperti:

 

Posso seminare la medica a novembre tagliarla a maggio e poi fare grano ?

 

Vedo che voi la tenete molto a lungo(per soffacare le erbe) per rotazioni vostre ......

 

Io farei balloni e via.....solo un anno , si può?

 

Da quanto ho capito vorresti fare uno sfalcio di medica poi immediatamente seminare grano (susa ma il grano nn si semina in autunno? :cheazz:)

Te lo sconsiglio, se semini medica devi fare una rotazione di almeno tre anni per iniziare a vederne i vantaggi (sia a livello di produzione che di miglioramento del terreno) inoltre novembre è un pò tardino per seminare medica, di solito si fa in rotazione al mais trinciato e quindi fine agosto/primi settembre in modo che la coltura possa affrancarsi bene prima di affrontare l'inverno.

Se vuoi interrare un bel pò di sostanza organica vai di loietto usando della semente poco costosa (varietà italiane)

Edited by Gianpi
Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.7k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Intanto la prima seminata il febbraio inizia a fare fila. Inviato dal mio Mi 9T utilizzando Tapatalk

Mia erba medica biologica varietà Giulia seminata il 19 marzo.

Non te la prendere, succede. Sopratutto in questo periodo che siamo tutti impegnati nelle campagne, magari il messaggio è rimasto indietro. Non sono molto pratico di diserbo perché sulla medica non l'

Posted Images

Data la mia conosciuta ignoranza nel argomento medica, vorrei fare una domanda a voi esperti:

 

Posso seminare la medica a novembre tagliarla a maggio e poi fare grano ?

 

Vedo che voi la tenete molto a lungo(per soffacare le erbe) per rotazioni vostre ......

 

Io farei balloni e via.....solo un anno , si può?

 

Anche secondo me nn ti conviene fere medica per un anno, sia per il costo ecessivo del seme e sia perchè come ha già detto Gianpi, i risultati si vedono dopo il primo anno e per i successivi 4 anni si ha un raccolto generoso(salvo condizioni climatiche controverse) ed in più dal secondo anno si può mandare anche a seme ( pratica che da noi, tolto un buon primo taglio, viene usata da gran parte degli agricoltori). Nel tuo caso secondo mè è più indicato il loietto ,così sia che tu lo faccia da seme o da sfalcio, ai primi di giugno hai il terreno libero.

Edited by Patrizi
correzione ortografica
Link to post
Share on other sites

Concordo con tutte le risposte date Al Conte,e aggiungio che nella coltura che andresti a mettere dopo la medica,avresti un ricaccio abbondante della medica,faccio un esempio l'anno scorso dopo avere trebbiato il frumento ho fatto un paio di taglii discreti di medica,in quanto prima del frumento cera la medica,però devo aggiungere che il campo non era mio e quindi non so se l'aratura prima di seminare il frumento è stata fatta in maniera ottimale......a me avevao offerto di pulire il campo e portarmi via il tutto

Link to post
Share on other sites

Personalmente tutte le volte che ho ascoltato professori, ed ho seminato medicai alla fine dell'estate, sono arrivati all'anno successivo in una condizione penosa. In pratica l'erba medica và in una sorta di letargo, peromeno qui al nord, e se non ragguinge una riserva cosistente di zuccheri nel fittone non riesce a svernare. In sicilia probabilmente utilizzando varietà semidormienti, in quanto credo che dalle tue parti il clima sia più mite, potrebbe arrivare a primavera in buone condizioni. Però leggevo nei tuoi discorsi che dalle tue parti in inverno piove molto, e credo che se non va in letargo poi tema il troppo bagnato. In ogni caso sono d'accordo con tutti quelli che dicono, che guastare un buon medicaio prima dei 4 anni sia folle.

Link to post
Share on other sites

Secondo me la durata del medicaio dipende innanzitutto da come si mantiene nel corso degli anni e poi da che tipo di prodotto si vuole ottenere.Io da quando produco ballette solo per allevamento dei conigli e vendita a piccoli privati sempre per il solito tipo di allevamento ho ridotto la vita dei medicai a 3 anni, oltretutto il primo taglio di ogni anno solitamnte lo arrotolo quando è bello secco e lo destino all alimentazione bovina.Per il discorso dell epoca di semina direi che almeno qua nel centro nord l epoca è la primavera inderogabilmente per ottenere buone rese

Link to post
Share on other sites

Mah qui da me viene seminata sia in primavera che in autunno e non ho mai visto grosse differenze l'anno succesivo,io sono più dell'idea di seminare a settembre,poi non mi stancherò mai di dirlo,varia da zona a zona,per mille motivi.......

Link to post
Share on other sites

grazie a tutti voi per le risposte, purtroppo non avendola mai vista qui non ne so un bel nulla.

per le pioggie meglio non parlarne.......come mi dura la veccia dopo tutta l acqua che ha fatto io manco lo capisco!

magari ne parliamo dove è piu corretto......ma il loietto il terreno non lo sfrutta come il grano?

che senso ha fare fieno .......io semino veccia per far si che mi fissi l azoto atmosferico sul terreno , infatti l anno dopo il grano ......mi fa 60 quintali ettaro con poche unità di azoto .

 

per eventuali risposte fatelo negli appostiti argomenti grazie.

Link to post
Share on other sites

e invece conte non potresti provare con il trifoglio?se non sbaglio è un azoto fissatore anche lui.......da noi viene seminato sia per affienarlo e sia per fare seme. generalmente da noi si mette quello incarnato il caporosso come lo chiamiamo noi sia la qualità precoce che quella tardiva mentre nelle crete senesi se non sbaglio mi sembra che il piu utilizzato è lo squaroso e quello alessandrino

Link to post
Share on other sites

Questo è il mio medicaio al secondo anno d'impianto, è stato seminato in primavera su terreno ben raffinato e con la seminatrice a righe, senza effettuare la rullatura

 

t22976_spagnera2.jpg

 

dopo il secondo taglio si presenta così, preciso che durante l'inverno non ho effettuato diserbi ma solo una concimazione con (se ben ricordo) 150 kg di nitrato ammonico 26%

Link to post
Share on other sites
preciso che durante l'inverno non ho effettuato diserbi ma solo una concimazione con (se ben ricordo) 150 kg di nitrato ammonico 26%

 

Molto bello il medicaio. Però il nitrato ammonico proprio non ci và! E' bene evitare le concimazioni azotate sulla medica per non comprometterne l'azoto fissazione e accorciare la vita dell'impianto. Molto meglio un 5-10-15 o similari

Link to post
Share on other sites

Ed io che visto com'e adesso pensavo di aver fatto una bella cosa!mi ricordavo che i disciplinari ne ammettono 60kg/ha se dati al primo anno di impianto...io non dovendo seguire nessun disciplinare ho poi preso questa decisione! Ma è dannoso anche quando l'ho dato io, cioè alla fine del riposo vegetativo?e perchè compromette l'azoto fissazione?

grazie della dritta comunque!O0

Link to post
Share on other sites

Buona regola è quella di non dare l'azoto alla medica, di solito si dà quando il medicaio è finito (4° anno) per dare una spintarella alle graminacee, comunque anche se lo fai comprometti ben poco :)

Link to post
Share on other sites

Mi hanno consigliato la varietà Ezzelina al prezzo di 4,54 euro Kg compresa di iva.....

Mi hanno anche detto di metterne 30 grammi per metro quadrato..........quindi 30kg/ettaro.........

Che dite??

Link to post
Share on other sites

L'ezzelina è una varetà vecchiotta ma comunque rustica e produttiva. 30 kg/ha sono il quantitativo ideale (anche se io tenderei a mettere qualcosina in più)

Link to post
Share on other sites

ciao a tutti, solito voi a come lavorate il fieno di erba medica dallo sfalcio alla pressatura?io di solito sfalcio, il terzo giorno ranghino e il quarto o il quinto lo presso di sera verso le 9 fino alle 11.grazie

Link to post
Share on other sites
ciao a tutti, solito voi a come lavorate il fieno di erba medica dallo sfalcio alla pressatura?io di solito sfalcio, il terzo giorno ranghino e il quarto o il quinto lo presso di sera verso le 9 fino alle 11.grazie

 

Dipende molto , può dipendere dalle condizioni del meteo , se è nuvolo o se c'è molto sole molto caldo , può dipendere da quanto è alto il fieno , può dipendere dal campo se è in un posto all'ombra la maggior parte dela giornata oppure esposto al sole...

Qui c'è che un giorno sega , l'altro giorno volta , l'altro giorno ranghina e il giorno dopo ancora imballa , alcuni fanno anche prima perchè i campi esposti al sole fanno prima a seccarsi e altri ci mettono più giorni percè i campi sono all'ombra.

Il secondo taglio alcuni non lo voltano perchè si secca bene cosi , e si pressa o di sera o mattina , sennò perde la foglia.

Edited by nh72-85
Link to post
Share on other sites
ciao a tutti, solito voi a come lavorate il fieno di erba medica dallo sfalcio alla pressatura?io di solito sfalcio, il terzo giorno ranghino e il quarto o il quinto lo presso di sera verso le 9 fino alle 11.grazie

 

io per lo meno il primo giorno la taglio il primo giorno la taglio poi se l'erba è secca la rovescio, poi la ranghino poi la presso... comunque la presso di mattina presto o di sera tardi...

tu non la rovesci ??

Link to post
Share on other sites
io il fieno lo rovescio solo quando è tanto.La mattina a che ora cominciate a pressarlo?e la sera?

 

Dipende se c'è umidita o se c'è vento..

Se è troppo umido aspetti senno nei balloni bolle... se è troppo asciutto perdi la foglia :asd:.

Bisogna beccare quell'umidità che non ti faccia ne bollire ne perdere la foglia.... penso .

Link to post
Share on other sites
Dipende se c'è umidita o se c'è vento..

Se è troppo umido aspetti senno nei balloni bolle... se è troppo asciutto perdi la foglia :asd:.

Bisogna beccare quell'umidità che non ti faccia ne bollire ne perdere la foglia.... penso .

 

gia... se vedi che è umida aspetti che esca il sole... come dice alex devi beccare l'umida...

comunque alla mattina alle 5 pero devi vedere quanta terre ne hai a erba medica e quando tempo hai a disposizione... alla sera deve scendere il sole..O0

Link to post
Share on other sites

ma se per caso c'e' sempre caldo e secca troppo, alla fine anche se vi ritorna l umido non si sfrantuma lo stesso?

 

sto capendo che ha la stesso problema della veccia che semino io.

 

mi spiegate?

Link to post
Share on other sites

Bhe Conte dalla mia poca esperienza,e qualche dritta dai più esperti,solitamente quando è troppo secca imballo al mattino presto,quando è un po umida,prima di pressare però do un'ulteriore ranghinata per arieggiarla,si rigonfia e viene bene,all'inizio la mettevo in fila la mattina precedente alla pressatura e poi la lasciavo stare, ma ho constatato che arieggiarla prima di pressarla viene bene.Ripeto non sono un esperto nel settore,diciamo che mi sto facendo le ossa!

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...