Jump to content

Recommended Posts

Apro questo 3d per parlare delle varie tipologie di seminatrici combinate per la semina dei cereali.

 

Che ne pensate di questo tipo di semina?

 

Dalle mie parti è la più diffusa specie tra i terzisti perchè permette il risparmio di una passata e si sa in tempo di semina ogni minuto risparmiato è grasso che cola.

 

Possiedo 3 combinate tutte da 3 mt una composta da erpice Maschio DM con sollevatore e seminatrice gaspardo meccanica M300, un'altra sempre con erpice Maschio DM con sollevatore e seminatrice meccanica Nodet BS e l'ultma erpice Kuhn hr 3003 con gaspardo pneumatica PE 300 montata sopra senza sollevatore.

Edited by puntoluce
Sistemato 3d

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente ho notato almeno dalle mie parti due tipi di macchine:

 

L'erpice integrato con la seminatrice fissa montata sullo stesso e l'erpice con sollevatore idraulico per accoppiare seminatrici di vario tipo.

 

Personalmente se dovessi dotarmi di combinata sarei più propenso alla versione con sollevatore, vuoi perchè mi pare più semplice da gestire e vuoi perchè puoi utilizzare una macchina che hai già.

 

Certo che sono apparecchiature che devono essere usate con criterio secondo me, il mio contoterzista è venuto con una combinata kverneland gaspardo pneumatica un giorno che c'era terra bagnata e se seminavo io a spaglio con lo spandi sicuramente veniva meglio il lavoro.

 

Per la mia esperienza in condizioni limite la combinata (o è un idiota quello che usava quella che ho visto io) lascia a desiderare.

 

Poi biosogna sempre considerare il famoso detto: se c'è bagnato stai a letto che è meglio......:perfido:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per chiarezza, secondo me onde evitare fraintendimenti, occorre fare una precisazione.

Per semina combinata si intende quella tecnica che consente di seminare (prevalentemente cereali a paglia a semina autunnale) abbinando la semina ad un' altro attrezzo per la lavorazione-preparazione del terreno. In Italia (e non solo) l'attrezzo normalmente abbinato alla seminatrice, soprattutto grazie all'estrema capacità di adattarsi alle più diverse condizioni, è l'erpice rotante.

Esistono molte altre configurazioni che possono definirsi "seminatrice combinata" tra cui ad esempio:

 

- coltivatore vibro

- coltivatore a dischi

- fresatrice a lame o a coltelli

 

 

CONSIDERAZIONI SULLA SEMINATRICE COMBINATA CON ERPICE ROTANTE

 

A diversi anni dall'introduzione delle macchine combinate, oggi la configurazione "vincente" delle combinate sembra essere, inequivocabilmente,quella con erpice rotante: vediamo di approfondirne i motivi.

La tecnica della semina del grano combinata all'erpice rotante in quanto offre numerosi vantaggi rispetto alla semina in più passaggi estemporanei, i quali sono sia di tipo strettamente agronomico sia di tipo economico - gestionali:

 

- può operare su terreno: tenace, sciolto, secco, bagnato, preparato finemente, grossolano, arato, discato, rippato, sodo (ipotesi estrema ma verosimile), pulito da residui o sporco di residui. Forse la virtù migliore di questo tipo di macchine è proprio l'estrema adattabilità, ovviamente con le opprtune dotazioni e regolazioni, alle più svariate condizioni che si possono trovare.

 

- la deposizione del seme avviene sempre su terreno "vergine", ossia non condizionato dalle inevitabili "tracce" (più o meno marcate a seconda delle condizioni di umodità del terreno) lasciate dal trattore che traina la seminatrice. L'ideale ed uniforme compattazione del terreno per l'intera larghezza di semina (ancor migliorata dall'adozione dei nuovi rulli compattatori in gomma) migliorano la qualità dell'emergenza.

 

 

- la preparazione finale del terreno anticipata rispetto alla semina nella tecnica convenzionale espone il terreno al rischio pioggia. Non è infrequente (almeno in Romagna) il caso di dover ripassare un terreno (magari con un coltivatore vibro leggero) preparato pronto alla semina interessato da una pioggia pesante (normale in autunno) prima della semina. Con la combinata si può lasciare il terreno grossolano (e meno sensibile alle pioggie) fino al giorno della semina, che potrà riprendere molto prima rispetto alla tecnica convenzionale.

 

- con l'adozione dei falcioni a disco di ultima generazione le seminatrici combinate rendono possibile la messa in pratica di tecniche di lavorazioni primarie del terreno di tipo conservativo, tipo discatura o estirpatura, che presuppongono il parziale interramento degli stocchi. L'efficenza su terreno sporco del falcione a disco su combinata rispetto allo stesso su seminatrice singola è assolutamente maggiore e di conseguenza lo è pure la qualità della semina. Basti pensare ad esempio alla reazione di una seminatrice normale a disco su stocco di mais in corrispondenza delle tracce lasciate dal trattore su terreno umido....

 

- con le seminatrici combinate è possibile utilizzare trattori di grossa taglia (normalmente inutilizzati per l'operazione di semina in tecnica convenzionale) rendendone più facile l'ammortamento.

 

AMAZONE AD-P 303 SPECIAL DA MT3 ABBINATA AL JD 6920s

i1412_6920amazone1.jpg

Edited by Andrea terratech

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giovane virgulto JD se magari rimpicciolisci un pochino le tue fotone i tuoi lungimiranti interventi risultano più leggibili.

 

Perchè il contenuto è già a altissimo livello.....comunque con la combinata io ho avuto una brutta esperienza e dopo è difficile cambiare idea all'agricolo vecchia maniera....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo sia stata la campagna di semina dei cereali autunno vernini del 2005 che fu particolarmente piovosa qui in provincia di Pd e dintorni.

 

La mia zona è notoriamente poco propensa alle tecniche "innovative", vi è una mentalità "vecchia" molto ben radicata. Solo ora si cominciano a vedere, sui secondi raccolti, semine combinate o in minima lavorazione.

 

Comunque, la campagna che poc'anzi ho menzionato in taluni casi è stato possibile portarla a termine proprio grazie all'uso di seminatrici combinate.

Molti conto-terzisti non erano neppure attrezzati in tal senso, e mi è infatti capitato di vedere combinazioni erpice rotante-seminatrice realizzate artigianalmente in fretta e furia.

L'abbondanza di precipitazioni aveva reso i terreni particolarmente bagnati e con scarsa portanza, ed anche dopo che le piogge finirono ci vollero molti giorni per poter entrare in campo senza far danni.

Chi ha potuto beneficiare di tali macchine ha seminato senza particolari problemi, mi è capitato di poter osservare qualche appezzamento seminato con combinata, e sulla emergenza non ho notato differenze ecclatanti di emergenza sulle tracce delle gomme, eccezion fatta per le testate dove giocoforza il costipamento era maggiore, ed anche dopo passata di erpice rotante evidentemente il terreno rimaneva compattato.

Ho potuto osservare anche un appezzamento seminato con seminatrice convenzionale, ed effettivamente nelle file seminate sulle tracce delle gomme notai poi una emergenza diversa, molto "asfittica" nelle parti interessate al passaggio delle gomme.

 

L'ideale sarebbe stato poter beneficiare di combinata da 3 metri e trattore da 50 quintali con gommatura larga, ma purtroppo sono ancora troppo pochi gli agromeccanici che offrono servizio con gommatura dedicata, limitandosi ad entrare in campo con le gomme standard del trattore.

 

In condizioni "normali", invece, sono pochi gli appezzamenti così seminati in quanto in genere l'erpicatura viene effettuata dall'agricoltore, mentre la semina l'effettua il contoterzista.

Share this post


Link to post
Share on other sites

tra i vantaggi della combinata c'è l'utilizzo di una persona in meno (la manodopera specializzata da me non c'è).

le macchine che ho io sono tutte a falcione cosa che da un lato rende più semplice la manutenzione, per contro in condizione di bagnato o presenza di residui la deposizione del seme è certamente migliore.

 

Da me c'è chi, dopo avermi visto con il kuhn e la pe300, dice che la combinata pneumatica da 3 mt è un cotrosenso perchè una pneumatica sopra un erpice è sprecata; questo perchè la meccanica come precisione alla velocità permessa dall'erpice basta e avanza.... la pneumatica invece è precisa anche a velocita sopra i 10 km/h........ ma io non la penso così.

i vantaggi della pneumatica sono anche la tramoggia più ampia (carico fino a 7,5 qt di granella) e vicina al trattore, maggior precisione nella deposizione del seme, il non dover spandere il seme nella larghezza della tramoggia quando questo sta per finire.

uno svantaggio però stà nel non poter alzare la seminatrice in modo da poter fare passare di solo erpice senza toccare gli elementi di semina a terra

Edited by puntoluce

Share this post


Link to post
Share on other sites
Credo sia stata la campagna di semina dei cereali autunno vernini del 2005 che fu particolarmente piovosa qui in provincia di Pd e dintorni.

 

In condizioni \"normali\", invece, sono pochi gli appezzamenti così seminati in quanto in genere l'erpicatura viene effettuata dall'agricoltore, mentre la semina l'effettua il contoterzista.

Stessa cosa la posso riportare pure io.

Se non ricordo male è stato effettivamente il 2005, ma anche il 2006. Nella mia zona non si riusciva ad entrare in campo e pertanto presero piede le combinate.

Come al solito è stato un'esordio dovuto ad una situazione d'emergenza. Un' approccio a mio avviso sbagliato, tant'è che tutt'ora si continua ad utilizzare le combinate solo quando con le convenzionali non si riesce ad entrare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

per quel che ho visto e capito e per il tempo che di solito fa nelle mie zone......trovo che la combinata possa funzionare in quei terreni argillosi , dove quando li ripassi (vibro , coltivatore o chi per loro) e c'e' sempre la pioggia dietro non hanno modo di far quella piccola "crosta" che ti permette di seminare , infatti in quelle situazioni li e con quel tipo di terra .....non dico che si va a spaglio , ma comunque è un vero disastro camminarci .......in quel caso li userei non le 850 di puntoluce ma le 1500 posteriori e le 1000 anteriori sul 8090dt.

 

secondo me in questi terreni alluvionati dalle forti pioggie, tipo quelle di due giorni fa che qui hanno fatto dei solchi in collina anche di 30 e piu cm di profondità e di 50 metri di lunghezza, forse è meglio usare una combinata e lasciare il terreno arato.....

 

tanto con le pioggie e il sole le zolle si spezzano , il terreno vuoi o non vuoi diventa piu morbido perchè diventa piu freddo , un pò di crosta possibilmente ,dato il non passaggio di nessun tipo di attrezzo , ci dovrebbe essere.....

 

io personalmente ho avuto modo di vederla(ringrazio puntoluce) ed ho capito che se non la porto io qualche novità qui sotto , rimaniamo ai tempi della clava......

 

qualcuno di voi usa questa tecnica sui terreni argillosi?

che ne pensate?

 

meccanica o pneumatica?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ti dirò che sui nostri terreni argillosi, più che la combinata si vedono usare le seminatrici su sodo (in particolare Directa della Gaspardo).

 

Una cosa non ho capito: tu vorresti attendere le pioggie in modo che le zolle subiscano una prima disgregazione e poi appena possibile entrare con la combinata, oppure utilizzare la combinata sul terreno arato quando ancora asciutto, onde evitare che con il ripasso si crei un suolo molto suscettibile alle pioggie ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

io vorrei seminare sul aratura perchè ho dei punti dove l argilla è talmente tanta che col terreno raffinato quando piove e la terra e parecchio allagata non si semina, perchè si infossa cento volte al giorno .

 

ma il costo di una combinata su quanto si aggira?

si possono fare dei listini con le differenze pneumatica e meccanica , le varie misure etc etc?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono felice possessore di una combinata d'epoca (ho accoppiato artigianalmente una seminatrice Buzzi a un erpice rotante Lince entrambi da 2 metri, entrambi moooolto datati) mi trovo benissimo sia su terreno bagnato (come già detto si calpesta meno) che su terreno asciutto (si fa comunque una passata in meno). La velocità di semina è stata di molto aumentata (unico difetto è la minitramoggia della buzzi d'epoca :( ci stan si e no 60 kh di seme :buck2: ). I difetti comunque sono stati ricompensati dalla modestissima spesa di acquisto :clapclap:(in una botta di culo.... seminatrice 150 € erpice 200 € castello per unire i 2 50 € di materiale) 2 anni che la uso, una treentina di ettari seminati e nessun problema ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti,vorrei entrare entrare nella vostra discussione. E' da 8 anni che uso una seminatrice della RAU. A prescindere che io non semino grano in terreno arato perchè i costi diventano altissimi.Il vantaggio della seminatrice RAU è il rototiller che mi permette di seminare facendo una minima lavorazione.Il mese scorso ho provato un preparatore della ditta Dante e l'ho trovato molto apprezzabile. Infatti dopo ho seminato con erpice rotante e macchina pneumatica a una velocità di 9 km orari

Share this post


Link to post
Share on other sites

per challenger......quanto pesa la tua seminatrice???????con quale trattore la usi???????

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma soprattutto FOTO ! Della macchina e del lavoro fatto. Ovviamente se possibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
t3542_Photo129.jpg questa è la mia e l'avete gia vista altrove...per le foto delle semina quando nasce le metto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti, leggendo i vari commenti sull'argomento qui e altrove non sono riuscito a trovare risposta ad alcuni dubbi che ho in merito alle seminatrici combinate con erpice rotante, e in particolare la manovrabilità in terreni collinari, ma collinari sul serio, con frequenti pendenze accentuate, fine campo in salita, quando vado ad alzare tutto il marchingegno rischio di impennarmi????!!!!! tutto questo tenendo presente che sono in procinto di acquistare un JD 6530, al quale mi piacerebbe un giorno attaccare una combinata.Ho visto la pubblicità della combinata gaspardo DAMA, ma sul sito della casa non vi è traccia, dicevano che è concepita per trattori intorno ai 120 cv a patto di essere ben zavorratie adatta alle semine in pendenza.Qualcuno ha delle informazioni al riguardo?ciao e grazie.P.s. comunque secondo me il punto di merito della combinata sta nella precisione di semina, la praticità c'è se sei solo come un cane, tipo me ad esesmpio, perchè se si è in due la velocità di ripasso di un tiller e di una seminatrice che viaggia per conto suo sono estremamente più elevate, con una combinata la velocità di avanzammento è vincolata all'erpice rotante, quindi solitamente piuttosto bassa.ciao ancora e scusate la prolissità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Salve a tutti, leggendo i vari commenti sull'argomento qui e altrove non sono riuscito a trovare risposta ad alcuni dubbi che ho in merito alle seminatrici combinate con erpice rotante, e in particolare la manovrabilità in terreni collinari, ma collinari sul serio, con frequenti pendenze accentuate, fine campo in salita, quando vado ad alzare tutto il marchingegno rischio di impennarmi????!!!!! tutto questo tenendo presente che sono in procinto di acquistare un JD 6530, al quale mi piacerebbe un giorno attaccare una combinata.Ho visto la pubblicità della combinata gaspardo DAMA, ma sul sito della casa non vi è traccia, dicevano che è concepita per trattori intorno ai 120 cv a patto di essere ben zavorratie adatta alle semine in pendenza.Qualcuno ha delle informazioni al riguardo?ciao e grazie.P.s. comunque secondo me il punto di merito della combinata sta nella precisione di semina, la praticità c'è se sei solo come un cane, tipo me ad esesmpio, perchè se si è in due la velocità di ripasso di un tiller e di una seminatrice che viaggia per conto suo sono estremamente più elevate, con una combinata la velocità di avanzammento è vincolata all'erpice rotante, quindi solitamente piuttosto bassa.ciao ancora e scusate la prolissità.

ma perche non compri una combinata con sotto un vibro invece di un erpice rotante,cosi è più leggeroO0

Share this post


Link to post
Share on other sites
Salve a tutti, leggendo i vari commenti sull'argomento qui e altrove non sono riuscito a trovare risposta ad alcuni dubbi che ho in merito alle seminatrici combinate con erpice rotante, e in particolare la manovrabilità in terreni collinari, ma collinari sul serio, con frequenti pendenze accentuate, fine campo in salita, quando vado ad alzare tutto il marchingegno rischio di impennarmi????!!!!! tutto questo tenendo presente che sono in procinto di acquistare un JD 6530, al quale mi piacerebbe un giorno attaccare una combinata.Ho visto la pubblicità della combinata gaspardo DAMA, ma sul sito della casa non vi è traccia, dicevano che è concepita per trattori intorno ai 120 cv a patto di essere ben zavorratie adatta alle semine in pendenza.Qualcuno ha delle informazioni al riguardo?ciao e grazie.P.s. comunque secondo me il punto di merito della combinata sta nella precisione di semina, la praticità c'è se sei solo come un cane, tipo me ad esesmpio, perchè se si è in due la velocità di ripasso di un tiller e di una seminatrice che viaggia per conto suo sono estremamente più elevate, con una combinata la velocità di avanzammento è vincolata all'erpice rotante, quindi solitamente piuttosto bassa.ciao ancora e scusate la prolissità.

La prolissità, se abbinata a ragionamenti e domande non è mai un difetto, anzi. O0

Per quanto riguarda le tue obiezioni, sono legittime, ma hai letto l'intervento di Jd Fan ?

Nel tuo caso non consideri ad esempio la necessità di avere 2 operatori ? Magari in un contesto aziendale a conduzione familiare il problema non si pone, ma se hai dipendenti ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma perche non compri una combinata con sotto un vibro invece di un erpice rotante,cosi è più leggeroO0

 

Perchè qui il terreno è argilloso molto pesante e l'erpice rotante con un solo passaggio, o al limite dopo una morganatura, affina di più, in più specialmente quando lavori di traverso ti tiene il trattore fermo limitando la deriva verso valle.

Share this post


Link to post
Share on other sites

cosa e' la morganatura? e' un attrezzo simile al diavolo?

 

io ho una combinata fai da te con un rototerra della morra georotor 2500 , e una seminatrice a 19file per 250cm di larghezza della oma , con i dosatori in teflon , e lfalcioni sotto , come lavoro va bene e leggera , anche se non ha un serbatoio capiente , e ogni 4500 metri devo riepirla , a patto di avere un terreno un po pareggiato con una fresatura , infatti volevo quasi cambiarle entrambi

Edited by GGyno
ehmmmmmmmm

Share this post


Link to post
Share on other sites

il morgano dovrebbe essere l 'erpice a dischi.

 

ma scusa caro ggyno potresti scrivere in maniera piu tricolore dato che ho hai una tastiera che ha le lettere messe male oppure hai sempre fretta e scrivi cosi.....

 

magari hai una foto del tutto cosi capiamo meglio cosa può andare bene per chi come me ha un indecisione sul acquisto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

esatto morgano uguale erpice a dischi, comunque la questione è: in collina con pendenze accentuate secondo voi un 120 cv 6 cilindri con una buona zavorratura anteriore la gestisce una combinata da almeno 15 quintali (vuota)?perchè qui da me le poche combinate che ho visto vanno dietro a macchine tipo lamborghini 190, jd 7830, deutz 150 cv e via dicendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

collina accentuata tu ci vai di lato al 35% con un coltivatore?

io si , ma è moolto pericoloso, sconsiglio la combinata in quanto dopo averla vista al lavoro(dal sig puntoluce) ho visto che il peso lontano non è cosa di collina .

la combinata va bene per falsi piani con poche pendenze e terreni bene o male spianati dove c'e' piu pendenza , ma per collina accentuata ci vuole un bel cingolato...

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'abbinamento e' una modifica artigianale che ho fatto io, le foto e' un po difficile perche la fotocamera non ce l'ho.

visto che il rototerra della morra , aveva gia la predisposizione per le staffe di aggangio , ho preso 2 lame di ferro , lunghe 70cm , alte 6 e larghe 2 , a cui ho saldato nelle estremita' gli occhioni col foro da 30mm , e ho preso un terzo punto della lunghezza adatta , per stabilizzarla sopra , e ho collegato in diagonale dai mozzi dove si aggancia la seminatrice ai braqcci del sollevamento tramite una catena e 2 caprette ,fino al rototerra, al punto dove e' attaccato posteriormente il terzo punto che collega il rototerra alla seminatrice ,

 

questa catena messa in diagonale, evita che i bracci facciano leva sul rullo a gabbia , quando si solleva la combinata

 

spero di essermi spiegato , anni fa le aziende che vendevano i rototerra , a richiesta qquesto kit lo vendevano come optional , magari fatto un po meglio , io ho cercato di scopiazzarlo un po.

 

ma voi siete dell'idea di prendere una combianta con il serbaoio della semente flangiata in solido sopra il rototerra cioe da farne una macchian sola, , o prendere 2 attrezzature da combianre assieme? in questo caso e' conveniente prendere un rototerra con il sollevamneto per la seminatrice?

Altra domanda , nella combianta di rotoerra da 3 metri e seminatrice pneumatica a 4 file per il mais , al di al della potenza che assorbe , le vibrazioni del rototerra , interfriscono sulla regolarita' di semina , o provoca fallanze, qualcuno mi ha detto che tende a staccare il seme dai disco dove c'e l'aspirazione

 

esatto morgano uguale erpice a dischi, comunque la questione è: in collina con pendenze accentuate secondo voi un 120 cv 6 cilindri con una buona zavorratura anteriore la gestisce una combinata da almeno 15 quintali (vuota)?perchè qui da me le poche combinate che ho visto vanno dietro a macchine tipo lamborghini 190, jd 7830, deutz 150 cv e via dicendo.

 

che larghezza hanno di semina queste combinate? e come sono ccomposte.

 

il problema piu grosso della pendenza laterale , e che se sei su un terreno un po asciutto e eccessivamnete affinato , il trattore tende ad andare di traverso , e la profondita di semina va a pallino , nel senso che le file a monte sono quasi fuori , e qualle a valle sono a 7 cm, oltre che a formare una specie di andana di terra a valle , e per cui devi quasi sormontare il seminato con le ruote a monte la passta seminata predecentemente, cominciando il lavoro di semina da monte a valle , viceversa , senno' il seminato rimane rigato , tra una passata e l'altra rimane una morena di terra lungo tutto il campo , e se semini un erbaio , all'atto dello sfalcio te la ritrovi tra i dischi della falciatrice

Edited by GGyno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...