Jump to content

Recommended Posts

In Italia praticamente non ne esistono di nuovi, se poi parliamo dei vecchi, cosa dovuta in questa sezione, trovarne uno credo sia come trovare il petrolio in garace, praticamente impossibile o quasi, ma visto che l'impossibile per mia convinzione è si il contrario del possibile ma va comunque provato, allora apro quest'argomento per cercare qualcuno che al pari di un avvistatore di ufo ne abbia visto uno, oppure che ne abbia sentito parlare come me e che accetti di parlarne qui per rendere di dominio pubblico le informazioni in nostra conoscenza.

 

Per quanto mi consta le mie conoscenze in merito a tali macchine fanno riferimento all'esperienza diretta di mio padre, che negli anni cinquanta ebbe modo di lavorarci per qualche migliaio d'ore, durante i suoi primi anni da trattorista.

Il modello a cui faccio riferimento è il KIROVETS KD-35, mezzo di fabbricazione sovietica, a quanto pare, importato in Italia nel numero di 19 unità regalate dall'URSS ad alcune cooperative agricole italiane nell'imediato dopoguerra.

Con la fame di trattori e non solo, che c'era a quell'epoca questi mezzi furono fatti lavorare all'inverosimile, giorno e notte per mesi interi, facendo tutte le lavorazioni possibili per l'epoca dall'aratura per il grano, allo scasso per i frutteti, dal traino della mietilegatrice ai trasporti su strada con rimorchi a dir poco sovraccarichi.

Meccanicamente non erano dei mostri , il motore che forse era il suo componente più riuscito a seconda delle versioni poteva essere di origine sovietica presumibilmente marchiato KIROVETS o BELARUS in quanto venne commercializzato con tutti e due i marchi o statunitense di fabbricazione CATERPILLAR per quanto concerne i modelli più vecchi, già questo la dice lunga sui rapporti fra le superpotenze alla fine della guerra, pensare che qualche anno dopo si sarebbero presi a cannonate a colazione, dimenticandosi di quando la fame li aveva fatti collaborare.

 

Lasciando da parte la storia della politica e riprendendo quella dei trattori, purtroppo c'è da dire che i ricordi positivi di mio padre riguardo tale mezzo si fermano qui, infatti la macchina in esame era stata concepita per le pianure da capogiro dell'Unione Sovietica ed in Italia dove la pianura in molti casi si trova solo fra lo spazio che divide due montagne il KD-35 aveva vita dura, il suo carro era del tutto inadatto alle nostre realtà, costruito com'era utilizzando la stessa tecnica usata per i carri armati sovietici dell'epoca quindi con la suola o paletta che dir si voglia in gradoo di svolgere anche la funzione di catenaria e di conseguenza la mancanza di quest'ultima cosi come la intendiamo noi Italiani, i scarellamenti erano all'ordine del giorno.

Altra caratteristica costruttiva ereditata dalle terre di provienenza, era la carregiata troppo stretta, in Ucraina probabilmente non avrebbe mai superato il 10% di pendenza laterale, qui purtroppo in alcune giornate di lavoro, quell'equazione molte volte valeva al contrario ossia non si scendeva mai sotto quel limite, cosi che il KIROVETS KD-35 in maniera continua e ripetuta mostrò al sole le parti più intime della sua coppa motore, tale sgradito evento era favorito oltre che dalla carregiata stretta dal motore possente e pesante montato su tale mezzo che lo faceva asomigliare ad un neonato capoccione, pronto a cadere dal lettino ogni volta che s'affaccia.

Insomma come il cavallo d'un cosacco retinente alla doma cosi il KIROVETS dava segni d'insofferenza per la lontananza da casa.

 

Le sue capacità trattive alla barra di traino si potrebbero equiparare a quelle di un più recente FIAT 505C, infatti pochi anni fà insieme a mio padre, ri-scassando un appezzamento già scassato da lui, in parte negli anni '50 con il KIROVETZ KD-35 ed in parte negli anni '60 con un FIAT 55, riuscìmmo a capire fin dove era arrivato a lavorare con il primo circa 55 anni prima e dove aveva continuato con l'altro 10 anni dopo.

A tal proposito un esempio di vita vissuta narrando la quale vorrei far capire come il tramandarsi la terra di padre in figlio non sia solo un semplice susseguirsi delle stagioni della vita come succede per le piante, ma qualcosa che ci riporta sempre a contatto con chi quella terra l'ha lavorata anche quando noi non eravamo parte di questo mondo:

Il FIAT 72-85C con il suo monovomero SAIMA entro-fuori solco scassando in discesa con la fitta (solco) aperta e la terra che pendeva a favore, nonostante fosse regolato più che bene non andava oltre i 55 massimo 60 cm. in qualche punto, eppure la terra sembrava abbastanza morbida fino ad una certa profondità, ma poi dopo sotto, c'era una specie di zoccolo oltre il quale non si riusciva a farlo scendere, nonostante mi mettessi sopra la bure a scalpello per cercare di dargli più peso possibile, pazienza pensai, d'altronde il 72-85 non è un Cat, andiamo avanti.

Arrivati ad un certo punto l'aratro cominciò a scavare sassi, li tirò fuori in sequenza lungo tutta una striscia di terra larga non più di 2-3 metri, a quel punto mio padre che arava si ricordò che mio nonno in quel punto aveva costruito un viottolo con dei sassi, per attraversare il terreno dal cancello alla capanna senza impantanarsi in caso di pioggia e che all'epoca dello scasso fatto con il KIROVETS erano stati interrati per non creare fastidi in superfice, sorpreso e anche un pò colpito dal fatto di toccare con mano qualcosa che era stato messo lì più di mezzo secolo fà da mio nonno che non ho avuto la fortuna di conoscere, feci alla bene e meglio quello che aveva fatto lui e rimisi nel solco aperto i sassi cosi ad ogni passata ricoprimmo quelli tirati fuori a quella precedente.

Finito di scassare la striscia con i sassi, l'aratro cominciò ad infilarsi meglio, ogni passata meglio tanto che alla fine decisi di togliermi da sopra la bure, il mio peso non serviva più, andava giù che è un piacere per dirla con un eufemismo spariva, rimaneva fuori solo parte del trave orizzozntale della bure a scalpello, il versoio non ce la faceva a contenere la terra che straborda sopra e lo faceva sparire, mi venne da pensare e dissi a mio padre "eh che cavolo è successo!?"

"Siamo arrivati alla 55!" disse sorridendo, la differenza non la stavamo facendo noi quel giorno, ma l'aveva preparata circa 45 anni fa la FIAT 55 che aveva arato più a fondo di quanto avesse fatto il KIROVETS KD-35 nel tratto arato dieci anni prima.

Tutto questo per confermare che il trattore sovietico, non era un campione, fu mitico perchè lavorò per anni senza rimanerci secco, risistette alle strapazzate di tanti giovani trattoristi, alcuni iniesperti, che si diedero il cambio alla sua guida, ma fece quello che potè tanto che non vi furono suoi successori, surclassati come sarebbero stati dalla produzione Nazionale e Statunitense.

 

Chinque abbia informazioni relative al caro Kiro le posti, sarebbe bello vederne uno dal vivo, senza andare in Russia possibilmente, grazie e scusate le chiacchiere e qualche fuori tema, ma in certi accadimenti risiede una delle componenti più forti della mia passisone.

Edited by MCT

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' proprio quello il problema non so che lingua è, quelle della lista del traduttore di google le ho provate tutte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La lingua è Estone, però non è ancora disponibile la traduzione Google.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie centauro, se riesco a trovare un trduttore sul net che offre il servizio di traduzione dell'estone traduco quella ed altre pagine che ho visto, altrimenti la vedo dura capire il contenuto di quelle pagine.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cosi non l'avevo mai visto, certo che a quei tempi con la fame di mezzi che c'era, bastava un motore è si inventavano di tutto pur di usarlo il più possibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pure con assale sopeso meccanico...cioè altro che assale riduttori sopsesi, ma dove lo ha trovato un reperto del genere?:cheazz:

Share this post


Link to post
Share on other sites
:ave::ave::ave: Azzo ma qui non si finisce mai di veder roba diversa!!!mai pensavo di poter veder roba del genere!!!!forumisti sguinzagliatevi,bisogna saperne di più!!Sten che dici????:AAAAH::AAAAH::AAAAH:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che io ricordi, nella ex germania dell'est ( D.D.R.) veniva prodotto un trattore (se cosi si può definire) di cui non ricordo la marca denominato aktivist che aveva una sospensione molto simile a questa, non vorrei che questo fosse un'evoluzione di quel catenaccio, comunque vista la conformazione mi pare proprio una produzione sovietica o comunque dell'est europeo. Dovrei avere un libro che parla di trattori stranieri, controllo e vi faccio sapere.

Edited by Dinosaurer

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sicuramente è roba dell'est sulla calandra mi sembra di vedere un simbolo con qualcosa che potrebbe somigliare ad una A stilizzata, quindi il discorso di dinosaurer potrebbe avere un filo logico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho cercato, e pur trovando qualche somiglianza estetica con il trattore della foto, nulla mi porta a far pensare che questo sia un discendente dell'aktivist visto che nelle foto non ho trovato tracce di assale anteriore sospeso (ricordavo male).

Va pur detto che il trattore pare abbastanza taroccato, la cabina ed il sistema di freni ad aria compressa sembrano cose applicate, come pure l'assale mi sa che non è farina del suo sacco.

Uniche tracce di sto assale le ho trovate su qualche Belarus, ma il fregio con la A nel marchio rimane un mistero, chissà che razza di roba è!

Share this post


Link to post
Share on other sites

potrebbe essere anche di qualche conpaesano di sten...il confine non è molto lontano magari con le ultime piogge è sceso a valle :2funny::2funny:...l'hai trovato sulle sponde dell'isonzo e l'hai portato a riva :asd::asd:?!?

Share this post


Link to post
Share on other sites

BELARUS, 30 anni di "onorato servizio" come "BAGNINO TUTTOFARE" in una spiaggia Veneta........... ora cerca un improbabile padrone.

Da notare come si presenta "sano" nonostante il sale sia devastante per i materiali ferrosi......... ho visto "macchine" sbriciolarsi, ma questa ha resistito egregiamente.

 

i85912_belarus-1.jpgi85913_belarus-2.jpgi85914_belarus-3.jpg

i85915_belarus-4.jpg

 

Il ponte non è "sospeso", però molto simile a quello in discussione.

 

----------

Belva.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho seguito finora solo da "spettatore" questa discussione.

Ritengo a questo punto utile fare alcune precisazioni.

 

Partiamo dai trattori sovietici. Come tutti sanno, le fabbriche di Stato prendevano il nome dal luogo in cui si trovavano. Avremo dunque Belarus, Kirovetz, Karkov, Minsk etc etc (scusate se i nomi non son scritti correttamente, sto andando a memoria). Ogni stabilimento aveva modelli propri (sia ruotati, sia cingolati, sia articolati isodiametrici di grande potenza), però il nome Belarus venne scelto per fregiare i modelli destinati all'esportazione nei paesi occidentali. Quindi troveremo, "qui ad occidente", i grossi articolati in gran parte marchiati Belarus nonostante fossero costruiti a Kirovetz.

 

Veniamo all'assale. E' del tutto originale Belarus. L'assale a portale è di origine sovietica, per l'appunto, poi ripreso anche da altri Costruttori, principalmente dell'est del mondo.

Le foto che ha messo Scutnai ritraggono quello che è l'assale Belarus per antonomasia. Quello nelle foto di Sten, invece, è una variante meno diffusa ed al contempo piu moderna dello stesso, con molleggio ottenuto grazie ad una doppia crociera. La trasmissione finale è a cascata di ingranaggi, mentre il tipo "fisso" non ha la doppia crociera ma una serie di pignoni che fanno il rinvio a 90° sullo snodo di sterzo.

 

Al contrario di quello che scrive l'Amico Dinosaurer, cabina ed impianto pneumatico sono del tutto originali.

Trattori dell'EST (non solo russi, ma anche della DDR, Cecoslovacchi etc etc) hanno cabine ed impianti pneumatici da praticamente sempre (Dinosaurer ha appunto nominato i trattori della DDR, per fare un esempio, i Famulus con "soli" 35cv avevano gia impianto freni ad aria e semicabinetta, e siamo negli anni 60....).

 

Sempre della DDR, bisognerebbe a questo punto parlare anche di Fortschritt (marchio di esportazione dei modelli costruiti nella germania dell'est), importati regolarmente fino agli anni 80 in Italia da Farina; in particolare il modello ZT 300 che montava un motore MAN costruito su licenza, a 4 cilindri e con ben 6500cc di cilindrata.

Gli Amici del Friuli potrebbero anche inserire qualche commento a riguardo, io inserisco le foto che mi inviarono a suo tempo:

 

 

t85926_kubota-008.jpg t85927_kubota-009.jpg t85928_kubota-010.jpg

t85929_kubota-011.jpg t85930_kubota-012.jpg t85931_kubota-013.jpg

t85932_kubota-014.jpg

 

 

 

 

Tornando al modello soggetto delle foto di Sten, suggerisco di cercare il modello Belarus Agross 426 :fiufiu:

 

I trattori dell'Est belli non lo sono, non si puo' di certo negare, ma ritengo abbiano comunque un loro fascino ed, in alcuni casi, anche caratteristiche interessanti, vedi alcune dotazioni; Scutnai dice giustamente che, nonostante l'esposizione al sale per decenni, il trattore da lui fotografato non si "consuma" (provate ad ispezionare qualche modello "nostrano" in opera presso gli stabilimenti balneari, corrosione ovunque). Il motivo della non corrosione l'ho scritto qui http://www.tractorum.it/forum/137397-post134.html :)

Edited by Filippo B

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto Filippo l'AVTO importava macchine belarus in occidente, in particolare in francia, inghilterra e stati uniti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Inserisco una foto scattata a Quingentole (MN) quest' estate durante una gara di aratura.

t86074_belarus-quingentole-2010.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ho seguito finora solo da "spettatore" questa discussione.

Ritengo a questo punto utile fare alcune precisazioni.

 

Partiamo dai trattori sovietici. Come tutti sanno, le fabbriche di Stato prendevano il nome dal luogo in cui si trovavano. Avremo dunque Belarus, Kirovetz, Karkov, Minsk etc etc (scusate se i nomi non son scritti correttamente, sto andando a memoria). Ogni stabilimento aveva modelli propri (sia ruotati, sia cingolati, sia articolati isodiametrici di grande potenza), però il nome Belarus venne scelto per fregiare i modelli destinati all'esportazione nei paesi occidentali. Quindi troveremo, "qui ad occidente", i grossi articolati in gran parte marchiati Belarus nonostante fossero costruiti a Kirovetz.

 

Veniamo all'assale. E' del tutto originale Belarus. L'assale a portale è di origine sovietica, per l'appunto, poi ripreso anche da altri Costruttori, principalmente dell'est del mondo.

Le foto che ha messo Scutnai ritraggono quello che è l'assale Belarus per antonomasia. Quello nelle foto di Sten, invece, è una variante meno diffusa ed al contempo piu moderna dello stesso, con molleggio ottenuto grazie ad una doppia crociera. La trasmissione finale è a cascata di ingranaggi, mentre il tipo "fisso" non ha la doppia crociera ma una serie di pignoni che fanno il rinvio a 90° sullo snodo di sterzo.

 

Al contrario di quello che scrive l'Amico Dinosaurer, cabina ed impianto pneumatico sono del tutto originali.

Trattori dell'EST (non solo russi, ma anche della DDR, Cecoslovacchi etc etc) hanno cabine ed impianti pneumatici da praticamente sempre (Dinosaurer ha appunto nominato i trattori della DDR, per fare un esempio, i Famulus con "soli" 35cv avevano gia impianto freni ad aria e semicabinetta, e siamo negli anni 60....).

 

Sempre della DDR, bisognerebbe a questo punto parlare anche di Fortschritt (marchio di esportazione dei modelli costruiti nella germania dell'est), importati regolarmente fino agli anni 80 in Italia da Farina; in particolare il modello ZT 300 che montava un motore MAN costruito su licenza, a 4 cilindri e con ben 6500cc di cilindrata.

Gli Amici del Friuli potrebbero anche inserire qualche commento a riguardo, io inserisco le foto che mi inviarono a suo tempo:

 

 

t85926_kubota-008.jpg t85927_kubota-009.jpg t85928_kubota-010.jpg

t85929_kubota-011.jpg t85930_kubota-012.jpg t85931_kubota-013.jpg

t85932_kubota-014.jpg

 

 

 

 

Tornando al modello soggetto delle foto di Sten, suggerisco di cercare il modello Belarus Agross 426 :fiufiu:

 

I trattori dell'Est belli non lo sono, non si puo' di certo negare, ma ritengo abbiano comunque un loro fascino ed, in alcuni casi, anche caratteristiche interessanti, vedi alcune dotazioni; Scutnai dice giustamente che, nonostante l'esposizione al sale per decenni, il trattore da lui fotografato non si "consuma" (provate ad ispezionare qualche modello "nostrano" in opera presso gli stabilimenti balneari, corrosione ovunque). Il motivo della non corrosione l'ho scritto qui http://www.tractorum.it/forum/137397-post134.html :)

 

le foto del Fortschritt le ha fatte sten quando è venuto nella mia nuova azienda a prendere la paglia,questo mezzo lo uso principalmente per travasare acqua in un canale con la pompa doda da 35 ,sta circa tre giorni in moto a 1500 giri con la 1000 pto senza superare temperatura di 70 gradi in estateO0.

Ogni tanto serve anche per opere di traino tipo tirare fuori la ford fiesta dalle scoline:2funny: sten forse lo sa:)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao Tirel! ottima macchina il fortschritt!!!! Visto che ne possiedi uno sapresti dove posso trovare una macchina del genere in vendita in buono stato?

Share this post


Link to post
Share on other sites

85928_kubota-010.jpg.html85928_kubota-010.jpg.htmlMa il fregio anteriore simile a quello della Magirus-Deutz è artigianale?

Edited by Dinosaurer

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao Tirel! ottima macchina il fortschritt!!!! Visto che ne possiedi uno sapresti dove posso trovare una macchina del genere in vendita in buono stato?

 

Poco tempo fa ce n'era uno in vendita, ultima serie (verde-nero), mi pare fosse qui in veneto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...