Jump to content
Alberto64

Orzo: tipologie, utilizzo, varetà, tecniche di coltivazione

Recommended Posts

27 minuti fa, CultivarSé ha scritto:

Trinciati i primi 40 ha devo dire ss bassa tanto percolato in tricea varietá jallon ibrido.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
 

Ma come la valuti la sostanza secca?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma come la valuti la sostanza secca?
Con asciugatura in stufa fino a peso costante, c'é chi segue i provini Lg col microonde ma non lo consiglio. Poi si hanno le prove veloci con i near ma fanno fede le analisi di laboratorio. Certo é una mazzata smazzare sacchetti ma é affidabile, poi pupi portarla ai massisimi con stufe e sistemi anti 7miditá e incenerimento del campione, su triticsle vedi le differenze wnchevd8 sostanza organica e il resto. Il Near é veloce poi a molti azzeccagarbugli serve portare la carta.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco il mio orzo biologico.3ha distico planet. Era per fare birra ma all ultimo minuto L acquirente si è tirato indietro perché non è riuscito ad iniziare la filiera.ma ormai avevo già seminato.. 😤 precessione: soia.

Tecnica: estirpatura, un paio di passaggi con vibro per pulire dal erba, concime granosano(ilsa) presemina.seminato io con seminatrice a falcioni 160 kg/ha il 29 ottobre, concimato a febbraio con fertil ilsa a 4,5q.li/ha,passaggio con strigliatore subito dopo per interrare concime e pulire le poche erbe presenti. Poi più nulla. 

3639A563-4457-41DA-B7B5-B187DE84C85C.jpeg

255E16EC-2A13-4858-8E0D-12EAA2D4D11D.jpeg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da ieri prime mietitrebbie in azione per la trebbiatura dell'orzo.
Domani se tutto procede per il meglio dovrebbe toccare ad una parte del mio.

  • Confused 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ecco il mio orzo biologico.3ha distico planet. Era per fare birra ma all ultimo minuto L acquirente si è tirato indietro perché non è riuscito ad iniziare la filiera.ma ormai avevo già seminato.. precessione: soia.
Tecnica: estirpatura, un paio di passaggi con vibro per pulire dal erba, concime granosano(ilsa) presemina.seminato io con seminatrice a falcioni 160 kg/ha il 29 ottobre, concimato a febbraio con fertil ilsa a 4,5q.li/ha,passaggio con strigliatore subito dopo per interrare concime e pulire le poche erbe presenti. Poi più nulla. 
3639A563-4457-41DA-B7B5-B187DE84C85C.thumb.jpeg.5915a4ba234e9598e02ca7cfd6899c32.jpeg
255E16EC-2A13-4858-8E0D-12EAA2D4D11D.thumb.jpeg.fe29e3fe2d27d978055d2d42e01fce44.jpeg
Bell9 manca ancora qualche gg ma veramente bello. Scusa ma uno fa contratti prima di aprire la malteria, non dico il birrificio. Comunque puoi sempre portarlo o vendero a qualche malteria, una volta malto ha mercato quondi meglio fare cosí piuttosto che darlo ad uso zootecnico. Casomai alimentare meglio.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dovevo conferirlo ad un centro di raccolta che aveva avviato un progetto per il malto bio. Poi miseramente naufragato.. 😤 le ho provate tutte le strade: micromalterie,aziende che lavorano nel settore birraio, birrifici alternativi.. Però le quantità sono ridicole per una malteria, spedirlo a maltare per conto mio non me lo considerano neanche.. L ideale sarebbe riunire degli agricoltori bio che mettano tutti la stessa varietà e che seguano tutti lo stesso disciplinare..

amen è andata così serve da lezione per la prossima volta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, MET80100 ha scritto:

Da ieri prime mietitrebbie in azione per la trebbiatura dell'orzo.
Domani se tutto procede per il meglio dovrebbe toccare ad una parte del mio.

Di già? Io ne ho ancora verde

15 minuti fa, Teo_84 ha scritto:

Dovevo conferirlo ad un centro di raccolta che aveva avviato un progetto per il malto bio. Poi miseramente naufragato.. 😤 le ho provate tutte le strade: micromalterie,aziende che lavorano nel settore birraio, birrifici alternativi.. Però le quantità sono ridicole per una malteria, spedirlo a maltare per conto mio non me lo considerano neanche.. L ideale sarebbe riunire degli agricoltori bio che mettano tutti la stessa varietà e che seguano tutti lo stesso disciplinare..

amen è andata così serve da lezione per la prossima volta.

Perchè di che quantità si parla per darlo ad una malteria?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mi hanno detto la quantità ma ho capito che non era un affare per me da 2 indizi. Il primo è che si sono messi a ridere quando ho detto che ho 3 ha di orzo da birra. Il secondo invece quando mi hanno detto che loro stanno facendo una filiera per maltarlo in Germania e ne hanno seminato 500 ha tra Veneto e Friuli.🙄

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Teo_84 ha scritto:

Non mi hanno detto la quantità ma ho capito che non era un affare per me da 2 indizi. Il primo è che si sono messi a ridere quando ho detto che ho 3 ha di orzo da birra. Il secondo invece quando mi hanno detto che loro stanno facendo una filiera per maltarlo in Germania e ne hanno seminato 500 ha tra Veneto e Friuli.🙄

 

Mmmm ora capisco perchè da me ci sono terreni da orzo da birra dappertutto

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, superbilly1973 ha scritto:

Mmmm ora capisco perchè da me ci sono terreni da orzo da birra dappertutto

Perché a ragione la Sardegna è un po' più vocata e perché i micro birrifici sono cresciuti in grandezza, il problema sono le malterie che sono poche e fanno storie.... spesso giustamente perché arriva o roba striminzita o fuori calibro e peso ma soprattutto poca germinabilità o troppe proteine, gente che concima come orzo normale e spinge cosa che nel malto non devi proprio fare.

3Ha sono pochi perché orzo da malto rende anche meno e meno per via delle blande concimazioni ma nulla vieta di raccoglierne un po' con buoni parametri. Il problema adesso è la mancanza e la scarsezza di luppolo che è un problema anche perché è pianta a più usi quindi va via come la birra.

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, CultivarSé ha scritto:

Perché a ragione la Sardegna è un po' più vocata e perché i micro birrifici sono cresciuti in grandezza, il problema sono le malterie che sono poche e fanno storie.... spesso giustamente perché arriva o roba striminzita o fuori calibro e peso ma soprattutto poca germinabilità o troppe proteine, gente che concima come orzo normale e spinge cosa che nel malto non devi proprio fare.

3Ha sono pochi perché orzo da malto rende anche meno e meno per via delle blande concimazioni ma nulla vieta di raccoglierne un po' con buoni parametri. Il problema adesso è la mancanza e la scarsezza di luppolo che è un problema anche perché è pianta a più usi quindi va via come la birra.

L'orzo per birra non si deve concimare? Ahahahahah voglio vedere allora cosa mietono perchè hanno dato bene diverse miei compaesani. Però è bello panciuto e hanno fatto anche fungicida

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il mio? Non ne parliamo va 20 ha tutto allettato e settimana scorsa l ho trinciato e arato sotto, già soia seminata, uno schifo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
L'orzo per birra non si deve concimare? Ahahahahah voglio vedere allora cosa mietono perchè hanno dato bene diverse miei compaesani. Però è bello panciuto e hanno fatto anche fungicida
Sí il concime glielo fai vedere, snasata e passata, quando gli dai 54N basta, panciuto si perché quello da malto deve necessariamente essere grosso oltre 2,5mm diam. Germinare come loietto e n9n avete proteine torbide e meglio se maturato ben ql caldo e asciutto. Ovviamente distico. Un orzo da birra che si alletta meglio non raccontarlo a nessuno.
É vrro che prima la malteria era solo in zona di Ancona... figuriamoci portare orzo da quasi tutta italia ad Ancona.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pronto ma non posso trebbiare causa 180mm caduti negli ultimi giorni di cui 58 1-2 giugno

IMG_20190605_161410.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qua serviranno almeno 7-10 giorni, a seconda di come sarà il tempo.
Nelle zone più leggere che hanno sofferto la siccità, pianta gialla e seme che si schiaccia ancora col dito.
Invece nell'appezzamento dove ho abbondato col liquame, ci sono ancora alcune piante verdi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui 80 % secco ma la tanta pioggia ha fatto ricacciare soprattutto dove era quasi morto per la siiccità di marzo, per cui ora ci sono 20 % di spighe verdi derivanti dai ricacci, per cui si va avanti per altri 15 giorni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche qua ricacci su una buona parte.Ho notato soprattutto sul cometa.Invece il touareg è più omogeneo.

Malattia presente soprattutto sembra un attacco di ruggine bruna.

Se danno temperature calde di 35 gradi ancora per una settimana mi sa che si va intorno al 15 di giugno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche da me ricacci nelle scie del fungicida. Ma se da domani fa 32-35° martedi, massimo mercoledi della prossima settimana trebbio, piogge permettendo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anche da me ricacci nelle scie del fungicida. Ma se da domani fa 32-35° martedi, massimo mercoledi della prossima settimana trebbio, piogge permettendo
Si ormai si vede la ruggine ma é quasi finita la stagione, 7 o 15gg e si miete tutto. Sicuro dove passi le ruote che lo schiacci riparte é normale.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

una settimana e ci siamo per i primi seminati, ricacci no per fortuna, però un po di erba nata dopo diserbo si specialmente villucchio, non è preoccupante per  l'orzo perché ancora non tanta, mi preoccupa più il grano

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, DjRudy ha scritto:

Qui 80 % secco ma la tanta pioggia ha fatto ricacciare soprattutto dove era quasi morto per la siiccità di marzo, per cui ora ci sono 20 % di spighe verdi derivanti dai ricacci, per cui si va avanti per altri 15 giorni.

Da me è tutto molto in ritardo...l'orzo inizia in questi giorni ad ingiallire...inizia ma è ancora abbastanza verde...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Da me è tutto molto in ritardo...l'orzo inizia in questi giorni ad ingiallire...inizia ma è ancora abbastanza verde...
Va bene l'importante é che riempia poi si parla di 10gg é una pianta rapida, siamo anche a giugno. Non é mais o riso che spesso non secca o non é mai pronto.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui si Trebbia tranquillamente
Rese che vanno dai 35 (terreni leggeri, rocciosi) fino ai 75 q.li per ettaro in terreni ottimi
Prezzi ovviamente in discesa....partito da 17, calato dopo un giorno fino a 15- 15,50 euro per quintale

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trebbiato ieri il primo orzo, media di quasi 70 qli/ha, varietà Aquirone 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...