Jump to content

Recommended Posts

Terreni per le primaverili sempre e solo dopo grano, quindi si fa aratura d'estate o fine estate, erpicatura a settembre, vibro d'inverno e stop.

 

Si si....impensabile x noi che dopo frumento facciamo sempre secondo raccolto di soia e vai a trebbiare a fine ottobre..si ara in inverno e si prepara prima di seminare

Link to post
Share on other sites
  • Replies 5.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

seminatrice da 12 metri su campi da 40...   quando rimangono 2-3 metri pesta gli altri 9 metri.... quando si vuole usare per forza seminatrici fatte per la Russia in campetti Itali

si si,magari danno 3 colpi di estirpatore da 2 mt col 640 davanti,2 di rotante da 2,20 mt col 780 e seminano con la seminatrice del 1960 col 450 con sopra 2 sacchi di urea x zavorrarla, e ogni 10 mt v

A breve arriverà questa, va in pensione la vecchia PNU, dopo 30 anni di servizio. E vedremo se questa sarà all’altezza della precedente.

Posted Images

Sicuramente ci hai già pensato, ma perchè non puoi risolvere con una passata di Round up?

Io i secondi li faccio solo su sodo o su una passata veloce di Carrier

 

al punto uno ti rispondo che è un approccio più ecologioco passare di corsa col vibro che mi ossigena il terreno e in caso di terreno fresco gli fa prendere aria

inoltre devo dire che a volte l'erba (a seconda della stagione) rischia di diventare tanta oltre al fatto che per aspettare che l'erba assimili il diserbo passa qualche giorno e io nel frattempo col vibro da 5mt da 12 a 17 km/h faccio un mare di lavoro e posso seminare immediatamente dietro

 

al punto due ho seminato su sodo, col carrier drill e non riesco ad avere un'emergenza e uno sviluppo della pianta soddisfacente (rimane nana)

sono tornato a seminare dopo ripuntatore con dischiera e rotante dietro

 

poi ho notato che la mia seminatrice su terreni un po' difficili o torbosi quando da budino si secca, tende a galleggiare

Edited by iL vErOnEsE
Link to post
Share on other sites
al punto uno ti rispondo che è un approccio più ecologioco passare di corsa col vibro che mi ossigena il terreno e in caso di terreno fresco gli fa prendere aria

inoltre devo dire che a volte l'erba (a seconda della stagione) rischia di diventare tanta oltre al fatto che per aspettare che l'erba assimili il diserbo passa qualche giorno e io nel frattempo col vibro da 5mt da 12 a 17 km/h faccio un mare di lavoro e posso seminare immediatamente dietro

al punto due ho seminato su sodo, col carrier drill e non riesco ad avere un'emergenza e uno sviluppo della pianta soddisfacente (rimane nana)

sono tornato a seminare dopo ripuntatore con dischiera e rotante dietro

 

poi ho notato che la mia seminatrice su terreni un po' difficili o torbosi quando da budino si secca, tende a galleggiare

 

Sul Carrier Drill concordo, su terreni duri lascia molto a desiderare.

Link to post
Share on other sites

Vero che abbiamo poco tempo siccome ci son sempre colture in campo fino a autunno e i primi terreni che si liberano vengono preparati per quei pochi cereali vernini che si fanno poi si inizia con gli altri terreni che andranno a primaverili..detto ciò anche se siamo tardi generalmente dobbiamo anche considerare che seminiamo in friuli il mais 20 gg dopo che in basso veneto/emilia quindi se a febbraio si passa la terra con rotante o anche solo con vibro fa tempo a riposare, fare la.crosta e rimanere fresca nei primi cm senza dover seminare a 4 dita sotto preparando il giorno prima di seminare..io da qualche anno do ultima erpicata 1 mese prima della semina e ho sempre visto emergenza migliore rispetto a quando erpicavo il giorno prima. Se.tra monosem e gaspardo grosse differenze non vedo le vedo nelle matermacc con disomogeneità sia nella distanza che nella profondità

Link to post
Share on other sites
Vero che abbiamo poco tempo siccome ci son sempre colture in campo fino a autunno e i primi terreni che si liberano vengono preparati per quei pochi cereali vernini che si fanno poi si inizia con gli altri terreni che andranno a primaverili..detto ciò anche se siamo tardi generalmente dobbiamo anche considerare che seminiamo in friuli il mais 20 gg dopo che in basso veneto/emilia quindi se a febbraio si passa la terra con rotante o anche solo con vibro fa tempo a riposare, fare la.crosta e rimanere fresca nei primi cm senza dover seminare a 4 dita sotto preparando il giorno prima di seminare..io da qualche anno do ultima erpicata 1 mese prima della semina e ho sempre visto emergenza migliore rispetto a quando erpicavo il giorno prima. Se.tra monosem e gaspardo grosse differenze non vedo le vedo nelle matermacc con disomogeneità sia nella distanza che nella profondità

 

Non fai altro che confermare la mia tesi, ovvero la preparazione anticipata del letto di semina oltre che vantaggi agronomici si hanno anche vantaggi di facilitare il lavoro della seminatrice, e se uno lavora bene si può fare anche in friuli come fai tu.

Link to post
Share on other sites

Io ho anche poco seminativo e riesco a gestirmi meglio le brevi finestre di terreno "lavorabile" in inverno..però sia scorso anno che questo ha piovuto poco questi mesi quindi molti hanno finito di arare o quasi..anche soia su crosta anche con molta erba nata scorso anno nata perfettamente pur non avendo visto pioggia per 15 gg dopo..però alex e alessandro devono accontentare clienti che se gli dicono di passare rotante il giorno prima loro fanno così io provo e riprovo sulla.mia pelle non su quella altrui

Link to post
Share on other sites

La stagione scorsa ha iniziato a piovere il 22 11 2017 e a parte 6 giorni a gennaio siamo rientrati in campagna il 17 aprile 2018 con tutto da fare,quindi secondo me il discorso che se uno lavora bene può fare la preparazione presto salta completamente.invece le seminatrici che piantano anche su terreno grossolano Han fatto la differenza l'anno scorso. Chiaramente ogni anno fa storia a sé ma io penso che nessuno in questo settore lavori x fare male,anzi penso che tutti gli agricoltori e terzisti nel loro piccolo cerchino sempre di fare bene il più possibile

Edited by Alessandro82
Link to post
Share on other sites
Beato te... Scherzi a parte pagare un disco di semina mais 30€ (0.8mm di spessore by Matermacc che vibra mentre gira, perché sottile..)

Al posto di 120 e oltre €uro di un disco Monosem, (più spesso di 0.8mm e con nervature così non vibra, è più preciso e ti fa guadagnare soldi a palate mentre semini..).

Io ho comprato il disco da 30€.. non ho né rimpianti e ne rimorsi.. come chi ha cambiato terzista ( e quindi seminatrice, passando dalla blu alla rossa senza perdite di produzione in campo)

 

Certo che sparare cifre a caso non è degno di un forum serio.

 

Io ho comprato 4 dischi nuovi e 4 guarnizioni nuove Monosem dal rivenditore ufficiale per una cifra che a memoria ricordo dai 200 ai 300.

 

La stagione scorsa ha iniziato a piovere il 22 11 2017 e a parte 6 giorni a gennaio siamo rientrati in campagna il 17 aprile 2018 con tutto da fare,quindi secondo me il discorso che se uno lavora bene può fare la preparazione presto salta completamente.invece le seminatrici che piantano anche su terreno grossolano Han fatto la differenza l'anno scorso. Chiaramente ogni anno fa storia a sé ma io penso che nessuno in questo settore lavori x fare male,anzi penso che tutti gli agricoltori e terzisti nel loro piccolo cerchino sempre di fare bene il più possibile

 

Ecco un discorso serio. Noi abbiamo i terreni sotto il cielo, non sotti i capannoni. Ci sono anni in cui riesci ad arare di autunno ed anni in cui riesci a fare poco. In primavera idem, da noi se prepari e poi ci piove sopra poi non entri nei campi per un mese! Difatti io alcuni terreni li aro in autunno, altri li aro e li semino in primavera e non perchè sono deficiente, ma perchè quei terreni soggetti ad allagamenti così facendo li riesco a seminare prima e a far fruttare.

 

Dunque io e tutti nella nostra zona ci troviamo a seminare terreni con tessitura variabile in condizioni di umidità variabile mentre molti di voi hanno la fortuna di avere sempre terreni perfetti preparati in modo perfetto e con la giusta umidità perfetta, e mi chiedo se il clima del Canavese sia diverso dal clima del resto d'Italia.

Edited by Alberto64
Link to post
Share on other sites

Dunque io e tutti nella nostra zona ci troviamo a seminare terreni con tessitura variabile in condizioni di umidità variabile mentre molti di voi hanno la fortuna di avere sempre terreni perfetti preparati in modo perfetto e con la giusta umidità perfetta, e mi chiedo se il clima del Canavese sia diverso dal clima del resto d'Italia.

 

Basta fare un giro in macchina in Emilia o nel Polesine e vedrai con i tuoi occhi che non c'è un Mq di terreno dedicato alle primaverili che non sia già preparato pronto per la semina. Oltre al clima diverso (certamente da voi piove di più) è proprio la mentalità diversa di avere terreno preparato presto e andarci sopra a primavera solo con la seminatrice. La presenza di terreni pesanti obbliga a questa tecnica ma anche la aiuta, perchè tali terreni (con una corretta sistemazione idraulica agraria) "portano" di più rispetto alla terretta (magari con tanto limo) che se si rempie di acqua poi non riesci più a entrarci.

 

Pensa che ad esempio utenti come TonyTorri o Agrario, passano il rotante entro fine settembre/primi ottobre, e poi rientrano a primavera con la seminatrice! Non ci fanno altro!

 

Già da me dove la terra è molto più variabile, si va da terreni con 2 % di Sabbia (ripeto 2 %) a terreni con 55-60 % di sabbia è normale che vengano trattati in maniera diversa, ma molto raramente si arriva ad arare e seminare, anche perchè qui da noi l'irrigazione non esiste e d'estate piove molto meno che da te, quindi l'acqua che c'è nel terreno arrivata con le piogge invernali e primaverili va conservata il più possibile.

Edited by DjRudy
Link to post
Share on other sites

Sicuramente cambiano le condizioni ma per come la vedo io(e certamente mi sbaglio)fare invernali senza un secondo raccolto a seguire o fare primaverili senza irrigare significa ridurre di molto i propri guadagni.certamente a luglio hai la terra libera x prepararla x la primavera dopo, ma nel frattempo ri sei perso un raccolto nel mezzo.poi bisogna conoscere le specifiche di ogni caso per poter valutare (Non sono critiche rivolte a nessuno le mie)

Link to post
Share on other sites
Sicuramente cambiano le condizioni ma per come la vedo io(e certamente mi sbaglio)fare invernali senza un secondo raccolto a seguire o fare primaverili senza irrigare significa ridurre di molto i propri guadagni.certamente a luglio hai la terra libera x prepararla x la primavera dopo, ma nel frattempo ri sei perso un raccolto nel mezzo.poi bisogna conoscere le specifiche di ogni caso per poter valutare (Non sono critiche rivolte a nessuno le mie)

 

Io faccio tutto secondo raccolto dopo orzo/frumento. Trebbio la soia a metà ottobre, liquame, aratro/ripper appena si può e rotante entro l'anno, stop. E a metà marzo entro direttamente con la seminatrice.

Un anno mi è capitato di trebbiare ai primi di novembre. Anche lo stesso discorso: liquame, aratro subito dietro e rotante a fine dicembre col gelo. Tutto terreno che poi va a mais e ci semino con una Monosem PNU a falcioni.

Link to post
Share on other sites
Io faccio tutto secondo raccolto dopo orzo/frumento. Trebbio la soia a metà ottobre, liquame, aratro/ripper appena si può e rotante entro l'anno, stop. E a metà marzo entro direttamente con la seminatrice.

Un anno mi è capitato di trebbiare ai primi di novembre. Anche lo stesso discorso: liquame, aratro subito dietro e rotante a fine dicembre col gelo. Tutto terreno che poi va a mais e ci semino con una Monosem PNU a falcioni.

 

Come vedi alessandro è questione di mentalità! Se uno vuole fa secondo raccolto ma lavora lo stesso bene la terra.

Link to post
Share on other sites
Io faccio tutto secondo raccolto dopo orzo/frumento. Trebbio la soia a metà ottobre, liquame, aratro/ripper appena si può e rotante entro l'anno, stop. E a metà marzo entro direttamente con la seminatrice.

Un anno mi è capitato di trebbiare ai primi di novembre. Anche lo stesso discorso: liquame, aratro subito dietro e rotante a fine dicembre col gelo. Tutto terreno che poi va a mais e ci semino con una Monosem PNU a falcioni.

 

Quanti ha fai di 2 raccolto?

Link to post
Share on other sites
Come vedi alessandro è questione di mentalità! Se uno vuole fa secondo raccolto ma lavora lo stesso bene la terra.

 

Quando dei veneti hanno acquistato dei terreni nella mia zona hanno fatto la prima annata lavorando il terreno come erano abituati a fare dalle loro parti, ovvero dopo la trebbiatura pausa e aratura e lavorazioni primaverili....solo che non avevano fatto i conto con il 45/55% di argilla ed è stato un bel casino.

Da allora si sono dovuti adattare alle lavorazioni eseguite il più possibile prima dell'inverno, anche perchè non tutti gli anni gela.

Qui non è questione di mentalità, ma di pura sopravvivenza.

Inoltre il secondo raccolto fatto a novembre per queste zone è veramente rischioso. Io faccio il possibile per avere portato via tutto al massimo verso il 05 ottobre, chiaramente devo adattarmi ad impiegare varietà meno produttive di soia.

Edited by ansimoni
Link to post
Share on other sites
Come vedi alessandro è questione di mentalità! Se uno vuole fa secondo raccolto ma lavora lo stesso bene la terra.

 

Si che era "pronta e fresca da seminare" la mia ma di sicuro non con una a falcioni..matermacc vedendo emergenza e distribuzione sulla fila non la prenderei in considerazione il mio terzista ha una monosem semplice a dischi senza concime granulare a 6 file x75 quindi penso sia come quella di tonytorri e non una extend pesante ma semina bene semza andare profondi sotto la "ghiaia"

Link to post
Share on other sites
Stamattina ho visto le due ruote di appoggio di una Matermacc 6 file x 75 con sopra spandiconcime da Saccone che iniziano a piegarsi verso l alto causa cedimento perni. Altri costruttori usano 2 perni per ruota per evitare quanto sopra

 

robe da matti... e io che pensavo che peggio di gaspardo non ci fosse...

Link to post
Share on other sites
Stamattina ho visto le due ruote di appoggio di una Matermacc 6 file x 75 con sopra spandiconcime da Saccone che iniziano a piegarsi verso l alto causa cedimento perni. Altri costruttori usano 2 perni per ruota per evitare quanto sopra

 

Non si possono fare le nozze con i fichi secchi.

 

Una seminatrice leggera, non troppo cara (e dunque non usa leghe di titanio) può essere molto robusta?

Edited by Alberto64
Link to post
Share on other sites

Stasera in negozio incontro per caso l operaio che usa la Matermacc e mi dice che ha lavorato alcune stagioni con un rialzo sopra lo spandiconcime per potere rifornire senza aspettare che la tramoggia fosse secca o quasi. Quando hanno visto il problema han tolto il rialzo..

Se il costruttore avesse montato 2 perni per ruota ( ad es vedi sfoggia) anche di ferraccio.....

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...