Jump to content

Terranorum

Members
  • Content Count

    72
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

26 Excellent

About Terranorum

  • Rank
    Utente Tractorum.it

Recent Profile Visitors

218 profile views
  1. Lo zucchero è stato ordinato da agrarie in zona (confezioni da 25kg). Simposio Agrotur, Atti del congresso, pubblicazioni scientifiche: "abbiamo rilevato nell'uva più matura (con contenuto più alto di solidi solubili totali ovvero di zuccheri) anche una concentrazione maggiore di tanini ad alto peso molecolare che risultano determinanti da un punto di vista sensoriale, in quanto conferiscono al vino struttura e una piacevole astrigenza. ...risulta molto importatante un adeguato grado di maturazione nel periodo della vendemmia." Ho menzionato i zuccheri come indicatore della bassa qualità dell'uva di quest'anno.
  2. Cosa dire della vendemmia del Terrano del Carso? Il problema grosso, che si ripetere ogni anno, è che un gran numero di coltivatori coglie l’uva non completamente maturata, il che ha un impatto grosso sulla qualità del vino Terrano. Quest’anno, con il maggio freddo, l’uva era ancora più indietro che negli anni passati. Invece di aspettare quanto possibile, molti coglievano già due weekend indietro. Persino quelli che hanno aspettato fino alla scorsa settimana avevano l’uva non maturata come si deve (tranne comune di Comeno). La cosa ridicola è fare pubblicità dei propri gradi zuccherini, che forse sono stati raggiunti con zucchero, che quest’anno si vendeva come cemento, in sacchi da 25kg. E la politica, specialmente Slovena, parla di “qualità”, “prodotti tipici” e via di seguito. Con zucchero da China.
  3. avevo in mente altri; il tuo raccolto sembra gustoso; hai misurato i parametri? (brix,...) (parlando di raccolta meccanica, ho visto persino fare polpa rustica,...)
  4. Potrebbe risultare utile in un frutteto, per fare la confettura; un po di zucchero, fuoco e la betoniera mescola… Poi da queste parti le cantine non accettano uva danneggiata, malata e se Botrytis cinerea supera un certo grado (dipende dalla varietà e cosa si vuol fare), i privati stanno ancora più attenti con l’uva, cosi che mi sorprende quando vedo metodi da cantiere.
  5. bitumiera? la betoniera per malta?
  6. Non preoccuparti, se cadi nel silos da mosto o da vino veniamo a salvarti
  7. La mia costruzione è profondamente diversa dalla tua. Tu sei leggero per l’altezza corporea (snello, arti lunghi) con la muscolatura capace di motilità continua con basso consumo d’energia (ideale per maratona) – endurance. Io sono molto pesante per la mia altezza, specialmente perché tutto curve siccome le mie fibre muscolari predominanti sono di tipo fast twich. Io corro solamente sprint; 100m; il massimo per me sono 300m; ovviamente le velocità raggiunte sono tali, che un allenatore ha avvertito i ragazzi (16 anni) di fare attenzione dove girano, perché se qualcuno finisce sulla pista saranno ossa rotte tipo incidente stradale. (forza=velocità x massa). Per non dire che non riuscirei ad evitare o “frenare” perché la presa di contatto col suolo e solamente con le dita - avampiede. Cosi queste scarpe sportive le utilizzo solamente quando vado a saltellare per la campagna, le protrusioni assicurano il grip (sulla pista scivolano).
  8. Parlando di scarpe sportive rosse...
  9. Io ho incontrato un qualcosa di bel peggio d’un attacco d’oidio; vigneto con oidio resistente ai triazoli. Il vecchio abusava i triazoli usandoli in continuo perché costano poco, e siccome si crede molto furbo, prendeva anche il meno costoso (myclobutanil). I triazoli è consigliato usarli solamente 1x all’anno, tranne un gruppo di 4 triazoli che hanno un minor rischio di sviluppo della resistenza (3x per annum). Come hai visto da solo, con il tuo attacco d’oidio, il tempo quest’anno non perdonava. Insomma, ho consultato persone altamente specializzate proprio riguardo alla domanda se ha senso fare la stessa cosa proposto a te; la risposta era no. In altre parole, tanto sverna, e questo mezzi naturali non sono tanto efficaci da fare una differenza visibile l’anno prossimo. L’approccio migliore è pagare un qualcuno che ti venga con l’atomizzatore a recupero nelle prime fasi (poca massa fogliare), e fare trattamenti a fondo e dall’inizio. Spiroxamina (G2) è molto efficace, cyflufenamid (U6) è ottimo e nuovo (Giapponese); Kusabi 300SC è una cosa nuova Giapponese (B6) e Sercadis appartiene allo stesso gruppo della boscalide (C2) entrambi molto potenti. Con tutto il rispetto dovuto, grazie alla chimica il mondo riesce a nutrire 9 miliardi di persone; gli Irlandesi hanno emigrato negli Stati Uniti non molto tempo fa, dopo che la peronospora ha distrutto la raccolta delle patate. Secondo il mio parere, i mezzi biologici sono come la ciliegia sulla torta; se hai tutto a posto (con la chimica-la torta) sono estremamente utili.
  10. Capisco il desiderio di ridurre la quantità di svernamento d’oidio; credo che sia più opportuno, dal punto di vista finanziario e di risultati, lasciare il AQ10. Questi soldi li spendi meglio l’anno prossimo sui trattamenti mirati, utilizzando Kusabi, Sercadis, etc. invece di triazoli.
  11. Credo che è assai probabile che i tuoi problemi hanno la causale nella combinazione clima/fungo. Consiglierei di far vedere il materiale ad una persona esperta in malattie. 3logy è una miscela di oli vegetali; una cosa omeopatica, per modo di dire.
  12. Osservando le foto in questione mi viene un dubbio; se piove tanto durante la fioritura bisogna trattare (certe varietà francesi) contro Botrytis a fine fioritura. Altrimenti la malattia esplode dall’interno. Poi, qua sembra che certi grappoli si sono ammalati dall’interno; prima della chiusura è stato eseguito il trattamento con fitofarmaci contro Oidio, Botrytis?
  13. Che cosa dire allora della situazione sul Carso? Quest’anno era particolarmente brutale. Ogni giorno mettevano pioggia, che non arrivava. Temperature molto alte in combinazione con l’umidità dell’aria micidiale. Celo scuro, vento, niente pioggia. Cosi che o irrigavi o ti rimaneva il palo. Ultimi 20 giorni, bora continua (40, 50km/h) che essiccava le foglie; interrotta da diluvi e grandine a zone. Ho parlato con i specialisti che scrivono le pubblicazioni sulla difesa integrata proprio per enorme pressione delle malattie; 2 trattamenti extra contro peronospora (oltre la solita soglia “fine trattamenti”). Per quanto riguarda le foto, credo che sono di grande utilità per provare a capire cosa è andato storto. L’uva non matura si sta liquefacendo! Tutto per una precipitazione molto abbondante? Assai particolare.
  14. capisco, ma le irrigazioni devono essere molto risparmiose = solamente per evitare stress idrico! Stessa storia con i pomodori (solo che li ti ritrovi la salsa, esplodono) Con i prezzi d'uva bassi questi problemi di coltivazioni diventano esplosivi.
  15. Troppa acqua; nonsi deve irrigare in questo periodo - rischio di situazioni tali. Da martedi settimana prossima si prevede pioggia tale che questa uva scoppierà. Non esiste mezzo chimico (anche senza la questione del periodo di carenza) ne tanto meno alternativo (bentonite) che possa migliorare in maniera significativa i danni. Poi, per fine settimana promettono anche temperature degne d’estate il che vuol dire che quello che resta sara bio a 5 stelle.
×
×
  • Create New...